Crysvita

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Crysvita
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Crysvita
    Unione Europea
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Farmaci per il trattamento delle malattie ossee
  • Area terapeutica:
  • Ipofosfatemia Familiare
  • Indicazioni terapeutiche:
  • Trattamento di X-linked ipofosfatemia con evidenza radiologica di malattia ossea nei bambini di 1 anno di età e più e adolescenti con crescente scheletri.

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • EMA - European Medicines Agency
  • Stato dell'autorizzazione:
  • autorizzato
  • Numero dell'autorizzazione:
  • EMEA/H/C/004275
  • Data dell'autorizzazione:
  • 19-02-2018
  • Codice EMEA:
  • EMEA/H/C/004275
  • Ultimo aggiornamento:
  • 15-05-2018

Relazione pubblica di valutazione

© European Medicines Agency, 2018. Reproduction is authorised provided the source is acknowledged.

EMA/2585/2018

EMEA/H/C/004275

Riassunto destinato al pubblico

Crysvita

burosumab

Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per Crysvita. Illustra il

modo in cui l’Agenzia ha valutato il medicinale arrivando a raccomandarne l’autorizzazione nell’UE e le

condizioni d’uso. Non ha lo scopo di fornire consigli pratici sull’utilizzo di Crysvita.

Per informazioni pratiche sull’uso di Crysvita i pazienti devono leggere il foglio illustrativo oppure

consultare il medico o il farmacista.

Che cos’è e per che cosa si usa Crysvita?

Crysvita è un medicinale usato per il trattamento dell’ipofosfatemia X-linked, un disturbo ereditario

caratterizzato da bassi livelli di fosfato nel sangue (ipofosfatemia). Il fosfato è fondamentale per la

formazione di ossa e denti e per mantenerli forti, pertanto i pazienti possono sviluppare rachitismo e

altre deformazioni ossee nonché problemi legati alla crescita.

Crysvita può essere usato nei bambini di età superiore a 1 anno e negli adolescenti con sistema

scheletrico in crescita. Il medicinale viene usato nel caso in cui si osservino segni di malattia ossea

mediante radiografie.

Crysvita contiene il principio attivo burosumab.

Poiché il numero di pazienti affetti da ipofosfatemia X-linked è basso, la malattia è considerata “rara” e

Crysvita è stato qualificato come “medicinale orfano” (medicinale utilizzato nelle malattie rare) il 15

ottobre 2014.

Come si usa Crysvita?

Il medicinale può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica e il trattamento deve essere avviato

da un medico esperto nella gestione di pazienti affetti da malattie ossee causate da alterazioni dei

processi chimici dell’organismo.

Crysvita

EMA/2585/2018

Pagina 2/3

Crysvita viene somministrato mediante iniezione sottocutanea. La dose raccomandata all’inizio del

trattamento è di 0,4 mg per kg di peso corporeo, e successivamente 0,8 mg/kg ogni due settimane per

proseguire il trattamento. La dose viene aggiustata secondo i livelli di fosfato nel sangue del paziente.

La dose massima è di 90 mg ogni due settimane.

Per ulteriori informazioni, vedere il foglio illustrativo.

Come agisce Crysvita?

I livelli di fosfato sono principalmente controllati dai reni, i quali eliminano il fosfato in eccesso o lo

riassorbono nel flusso sanguigno, se necessario. I pazienti affetti da ipofosfatemia X-linked presentano

livelli eccessivamente elevati di una proteina denominata FGF23 che provoca il blocco del

riassorbimento del fosfato nel flusso sanguigno da parte dei reni.

Crysvita è un anticorpo monoclonale (un tipo di proteina) concepito per riconoscere e legarsi alla

proteina FGF23. In tal modo, il medicinale blocca l’attività della proteina FGF23, consentendo ai reni di

riassorbire il fosfato e di ripristinarne i livelli normali nel sangue.

Quali benefici di Crysvita sono stati evidenziati negli studi?

Crysvita ha ridotto la gravità del rachitismo come evidenziato nelle radiografie di bambini affetti da

ipofosfatemia X-linked.

Il medicinale è stato valutato in uno studio principale ancora in corso condotto su 52 bambini di età

compresa tra 5 e 12 anni. A tutti i bambini è stato somministrato Crysvita ogni due settimane oppure

ogni quattro settimane. Il principale parametro dell’efficacia è stato una riduzione della gravità del

rachitismo (deformazioni ossee) al polso e al ginocchio valutato in base a una scala da 0 (normale) a

10 (grave). Nei soggetti cui è stato somministrato Crysvita ogni 2 settimane, il punteggio medio prima

del trattamento era di 1,9 punti ed è diminuito di 1,0 punti dopo 64 settimane di trattamento; nei

soggetti cui il medicinale è stato somministrato ogni 4 settimane, il punteggio al basale di 1,7 è

diminuito di 0,8 punti. Inoltre, i livelli di fosfato nel sangue sono migliorati nel corso del tempo in

entrambi i gruppi, soprattutto in quello cui era stato somministrato Crysvita ogni 2 settimane.

Un ulteriore studio ancora in corso condotto su 13 bambini più piccoli mostra l’efficacia di Crysvita sui

soggetti di età compresa tra 1 e 4 anni.

Quali sono i rischi associati a Crysvita?

Gli effetti indesiderati di Crysvita (che possono riguardare più di 1 persona su 10) sono reazioni in sede

di iniezione (quali arrossamento cutaneo, prurito, eruzione cutanea, dolore e contusione), cefalea,

dolore alle braccia e alle gambe, basso livello di vitamina D, eruzione cutanea, mal di denti, ascesso

del dente, dolore ai muscoli e capogiro.

Durante il trattamento con Crysvita non devono essere usati medicinali per via orale a base di fosfato e

vitamina D. Inoltre, Crysvita non deve essere usato in pazienti con livelli elevati di fosfato nel sangue o

in pazienti affetti da malattia renale di grado severo.

Per l’elenco completo delle limitazioni di Crysvita, vedere il foglio illustrativo.

Perché Crysvita è approvato?

In uno studio ancora in corso è stato mostrato che Crysvita riduce la gravità delle deformazioni ossee

al polso e al ginocchio e che migliora il livello di fosfato nel sangue in bambini affetti da ipofosfatemia

X-linked; si attendono ulteriori dati. Gli effetti indesiderati sembrano gestibili. L’Agenzia europea per i

Crysvita

EMA/2585/2018

Pagina 3/3

medicinali ha pertanto deciso che i benefici di Crysvita sono superiori ai rischi e ha raccomandato che

ne venisse approvato l’uso nell’UE.

Crysvita ha ottenuto una “approvazione condizionata”. Questo significa che in futuro saranno disponibili

ulteriori informazioni sul medicinale, che la ditta è tenuta a fornire. Ogni anno l’Agenzia europea per i

medicinali esaminerà le nuove informazioni disponibili e questo riassunto sarà aggiornato di

conseguenza.

Quali informazioni sono ancora attese per Crysvita?

Poiché per Crysvita è stata rilasciata un’approvazione condizionata, la ditta che commercializza

Crysvita fornirà i risultati aggiornati di due studi ancora in corso condotti su bambini di età compresa

tra 5 e 12 anni e tra 1 e 4 anni. La ditta è inoltre tenuta a effettuare uno studio su bambini di età

compresa tra 1 e 12 anni affetti da ipofosfatemia X-linked che metta a confronto Crysvita con fosfato e

vitamina D per via orale e a presentarne i risultati.

Quali sono le misure prese per garantire l’uso sicuro ed efficace di

Crysvita?

Le raccomandazioni e le precauzioni che gli operatori sanitari e i pazienti devono osservare affinché

Crysvita sia usato in modo sicuro ed efficace sono state riportate nel riassunto delle caratteristiche del

prodotto e nel foglio illustrativo.

Altre informazioni su Crysvita

Per la versione completa dell’EPAR di Crysvita consultare il sito web dell’Agenzia: ema.europa.eu/Find

medicine/Human medicines/European public assessment reports. Per maggiori informazioni sulla

terapia con Crysvita, leggere il foglio illustrativo (accluso all’EPAR) oppure consultare il medico o il

farmacista.

Il riassunto del parere del comitato per i medicinali orfani relativo a Crysvita è disponibile sul sito web

dell’Agenzia: ema.europa.eu/Find medicine/Human medicines/Rare disease designation

Foglio illustrativo

B. FOGLIO ILLUSTRATIVO

Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore

CRYSVITA 10 mg soluzione iniettabile

CRYSVITA 20 mg soluzione iniettabile

CRYSVITA 30 mg soluzione iniettabile

burosumab

Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di

nuove informazioni sulla sicurezza. Lei può contribuire segnalando qualsiasi effetto indesiderato

riscontrato durante l’assunzione di questo medicinale. Vedere la fine del paragrafo 4 per le

informazioni su come segnalare gli effetti indesiderati.

Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti

informazioni per lei.

Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

Se ha qualsiasi dubbio, si rivolga al medico.

Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si

rivolga al medico. Vedere paragrafo 4.

Contenuto di questo foglio

Cos'è CRYSVITA e a cosa serve

Cosa deve sapere prima di usare CRYSVITA

Come usare CRYSVITA

Possibili effetti indesiderati

Come conservare CRYSVITA

Contenuto della confezione e altre informazioni

1.

Cos'è CRYSVITA e a cosa serve

Cos'è CRYSVITA

CRYSVITA contiene il principio attivo burosumab, un tipo di medicinale noto come anticorpo

monoclonale umano.

A cosa serve CRYSVITA

CRYSVITA è usato per il trattamento dell’ipofosfatemia X-linked (XLH). È impiegato nei bambini di

età pari o superiore a 1 anno e negli adolescenti ancora in fase di crescita.

Cos’è l’ipofosfatemia X-linked (XLH)

L’ipofosfatemia X-linked (XLH) è una malattia genetica.

Le persone affette da XLH hanno livelli più elevati di un ormone chiamato fattore di crescita dei

fibroblasti 23 (FGF23).

L’FGF23 riduce la quantità di fosfato nel sangue.

Il basso livello di fosfato può provocare una crescita e un indurimento non adeguati delle ossa.

Come agisce CRYSVITA

CRYSVITA si lega all’FGF23 nel sangue, impedendo l'azione di questo ormone, e aumenta la quantità

di fosfato nel sangue, in modo da consentire il raggiungimento di livelli normali.

2.

Cosa deve sapere prima di usare CRYSVITA

Non usi CRYSVITA

se è allergico a burosumab o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale

(elencati al paragrafo 6).

se sta assumendo integratori di fosfato o vitamina D

se ha già un alto livello di fosfato nel sangue (“iperfosfatemia”)

se ha una malattia renale grave o insufficienza renale.

Reazioni allergiche

Smetta di prendere CRYSVITA e si rivolga al medico immediatamente se compare uno dei seguenti

effetti indesiderati, perché potrebbe essere segno di una reazione allergica:

eruzione cutanea e prurito in tutto il corpo

gonfiore intenso di palpebre, bocca o labbra (angioedema)

fiato corto

battito cardiaco rapido

sudorazione.

Se rientra in uno dei casi sopra elencati, non prenda CRYSVITA. Se ha dubbi consulti il medico prima

di usare CRYSVITA.

Avvertenze e precauzioni

Reazioni cutanee

Possono comparire reazioni cutanee nella sede in cui viene praticata l'iniezione; vedere paragrafo 4 per

ulteriori informazioni. Se queste reazioni sono intense, informi il medico.

Analisi e controlli

Il medico controllerà il livello di fosfato nel sangue e nelle urine e potrà eseguire inoltre un'ecografia

renale durante il trattamento, al fine di ridurre il rischio di iperfosfatemia (eccesso di fosfato nel

sangue) e mineralizzazione ectopica (accumulo di calcio in tessuti come i reni). Anche il livello sierico

di ormone paratiroideo sarà controllato di tanto in tanto.

Bambini di età inferiore a 1 anno

CRYSVITA non deve essere somministrato a bambini di età inferiore a 1 anno, perché la sicurezza e

gli effetti del medicinale non sono stati studiati in questa fascia d’età.

Altri medicinali e CRYSVITA

Informi il medico se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro

medicinale.

Non prenda CRYSVITA e informi il medico se sta assumendo:

integratori di fosfato o vitamina D.

Consulti il medico prima di prendere CRYSVITA se sta assumendo:

medicinali che agiscono allo stesso modo del calcio nell'organismo (“calciomimetici”). Se usati

insieme, possono ridurre il livello di calcio nel sangue.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza o se sta allattando con latte

materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale, perché non

sono noti gli effetti di CRYSVITA sul bambino.

CRYSVITA non è raccomandato durante la gravidanza.

Se è in età fertile, deve usare un metodo contraccettivo efficace (controllo delle nascite) durante il

trattamento con CRYSVITA. Ne parli con il medico.

Non è noto se il CRYSVITA passi nel latte materno e il rischio per i neonati o i lattanti non può essere

escluso. Ne parli con il medico.

Guida di veicoli e utilizzo di biciclette e macchinari

È possibile che CRYSVITA causi capogiro e influisca sulla capacità di andare in bicicletta, utilizzare

strumenti o macchinari o guidare veicoli. Se ritiene di avere questo sintomo, non vada in bicicletta,

non utilizzi strumenti o macchinari, non guidi veicoli e informi il medico.

CRYSVITA contiene sorbitolo

Questo medicinale contiene 45,91 mg di sorbitolo per flaconcino, equivalenti a 45,91 mg/mL.

3.

Come usare CRYSVITA

CRYSVITA deve essere somministrato mediante iniezione sotto la pelle nel braccio, nell’addome, nei

glutei o nella coscia da un medico o da un operatore sanitario preparato.

Quantità di CRYSVITA somministrata

La dose si basa sul peso corporeo. Il medico stabilirà la dose giusta per lei.

CRYSVITA sarà iniettato ogni due settimane.

Il medico eseguirà controlli per assicurarsi che lei riceva la dose giusta e potrà modificarla se

necessario.

La dose massima che riceverà è 90 mg.

Se ha ricevuto più CRYSVITA di quanto deve

Se ritiene che le sia stata somministrata una quantità eccessiva di CRYSVITA, informi

immediatamente il medico.

Se salta una dose di CRYSVITA

Se viene saltata una dose, consulti immediatamente il medico. La dose saltata deve essere

somministrata non appena possibile e il medico riorganizzerà le dosi future di conseguenza.

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico.

4.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone

li manifestino.

Effetti indesiderati

(molto comune - può interessare più di 1 bambino su 10)

Ascesso del dente (infezione)

Mal di testa

Capogiro

Mal di denti

Eruzione cutanea

Dolore ai muscoli (mialgia) e alle mani e ai piedi

Basso livello di vitamina D nel sangue

Reazioni nella sede in cui è stata praticata l'iniezione, che possono comprendere:

arrossamento o eruzione cutanea

dolore o prurito

gonfiore

sanguinamento o lividi

Queste reazioni in sede di iniezione sono di solito lievi e si verificano entro un giorno

dall’iniezione; in genere migliorano in circa 1-3 giorni.

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga

al medico o all’infermiere. Può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema

nazionale di segnalazione riportato nell’allegato V. Segnalando gli effetti indesiderati può contribuire

a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

5.

Come conservare CRYSVITA

Conservi CRYSVITA fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi CRYSVITA dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola e sull’etichetta.

Conservare in frigorifero (2

C – 8

C ). Non congelare.

Tenere il flaconcino nell’imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

Non usi CRYSVITA se contiene particelle visibili.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità

alla normativa locale vigente.

6.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene CRYSVITA

Il principio attivo è burosumab. Ogni flaconcino contiene 10, 20 o 30 mg di burosumab.

Gli altri componenti sono L-istidina, D-sorbitolo (E420), polisorbato 80, L-metionina, acido cloridrico

10% e acqua per preparazioni iniettabili. (Vedere “CRYSVITA contiene sorbitolo” al paragrafo 2 per

ulteriori informazioni).

Descrizione dell’aspetto di CRYSVITA e contenuto della confezione

CRYSVITA è fornito in soluzione iniettabile da limpida a leggermente opalescente, da incolore a

marroncino-giallastro, in un flaconcino di vetro. Ogni confezione contiene 1 flaconcino.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Kyowa Kirin Limited

Galabank Business Park

Galashiels

TD1 1QH

Regno Unito

medinfo@kyowakirin.com

Produttore

Piramal Healthcare UK Limited

Whalton Road

Morpeth

NE61 3YA

Regno Unito

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il:

A questo medicinale è stata rilasciata un’autorizzazione “subordinata a condizioni”. Ciò significa che

devono essere forniti ulteriori dati su questo medicinale.

L’Agenzia europea dei medicinali esaminerà almeno annualmente le nuove informazioni su questo

medicinale e questo foglio illustrativo verrà aggiornato, se necessario.

Altre fonti d’informazioni

Informazioni più dettagliate su questo medicinale sono disponibili sul sito web dell’Agenzia europea

dei medicinali, http://www.ema.europa.eu. Inoltre, sono riportati link ad altri siti web su malattie rare e

relativi trattamenti terapeutici.

ALLEGATO IV

CONCLUSIONI RELATIVE AL RILASCIO DELL’AUTORIZZAZIONE ALL’IMMISSIONE

IN COMMERCIO SUBORDINATA A CONDIZIONI PRESENTATE DALL’AGENZIA

EUROPEA PER I MEDICINALI

Conclusioni presentate dall’Agenzia europea per i medicinali su:

Rilascio dell’autorizzazione all’immissione in commercio subordinata a condizioni

A seguito della valutazione della domanda di autorizzazione all’immissione in commercio, il Comitato

dei medicinali per uso umano (

Committee for Human Medicinal Products,

CHMP) ritiene che il

rapporto beneficio/rischio sia favorevole al fine di raccomandare il rilascio dell’autorizzazione

all’immissione in commercio subordinata a condizioni, come ulteriormente descritto nella relazione

pubblica di valutazione europea (

European Public Assessment Report

, EPAR).

19-9-2018

CRYSVITA (Kyowa Kirin Holdings B.V.)

CRYSVITA (Kyowa Kirin Holdings B.V.)

CRYSVITA (Active substance: Burosumab) - Centralised - Transfer Marketing Authorisation Holder - Commission Decision (2018)6096 of Wed, 19 Sep 2018 European Medicines Agency (EMA) procedure number: EMEA/H/C/4275/T/01

Europe -DG Health and Food Safety

18-4-2018

EU/3/18/2011 (Ultragenyx Germany GmbH)

EU/3/18/2011 (Ultragenyx Germany GmbH)

EU/3/18/2011 (Active substance: Burosumab) - Orphan designation - Commission Decision (2018)2407 of Wed, 18 Apr 2018 European Medicines Agency (EMA) procedure number: EMA/OD/026/17

Europe -DG Health and Food Safety