ZOLFO RAMATO 3 SOLFOCHIMICA

Italia - italiano - Ministero della Salute

Principio attivo:
SULPHUR (ZOLFO); OSSICLORURO DI RAME;
Commercializzato da:
SOLFOCHIMICA S.R.L.
INN (Nome Internazionale):
SULPHUR (ZOLFO); COPPER OXYCHLORIDE;
Dosaggio:
97.0 g; 0.5 g I valori indicati sono per 100 g di prodotto.
Forma farmaceutica:
POLVERE
Area terapeutica:
FUNGICIDA
Stato dell'autorizzazione:
Ri-registrato
Numero dell'autorizzazione:
014095
Data dell'autorizzazione:
2007-11-26

ZOLFO RAMATO 3 SOLFOCHIMICA

(Polvere secca)

Anticrittogamico

ZOLFO RAMATO 3 SOLFOCHIMICA Registrazione Ministero della Salute n. 14095 del 26/11/2007

Composizione

ZOLFO puro (esente da

Selenio)

RAME metallo

(sotto forma di ossicloruro)

coformulanti q.b. a

g. 90

g. 0,54

g.100

Stabilimento di produzione:

ZOLFI VENTILATI MANNINO S.P.A.

Contrada Corsa – 92012 Cianciana (AG)

SOLFOCHIMICA SRL

Sede Legale: Via della Libertà n.60 – Realmonte

(AG)

Sede Amm.: Via Stesicoro n.50/A – Ragusa

Tel. 0932 876364 – Fax 0932 989383

Partita n.

CONTENUTO 1 - 5 - 10 - 25 Kg

ATTENZIONE

INDICAZIONI DI PERICOLO: H315 Provoca irritazione cutanea. H411 Tossico per gli organismi acquatici con

effetti di lunga durata.

CONSIGLI DI PRUDENZA: P102 Tenere fuori dalla portata dei bambini.

PREVENZIONE: P270 Non mangiare, né bere, né fumare durante l'uso. P273 Non disperdere nell'ambiente.

P280 Indossare guanti e indumenti protettivi.

REAZIONE: P302+P352 IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: lavare abbondantemente con acqua e

sapone. P332+P313 In caso di irritazione della pelle, consultare un medico. P391 Raccogliere il materiale

fuoriuscito.

CONSERVAZIONE: P401 Conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande.

SMALTIMENTO: P501 Smaltire il prodotto / recipiente in accordo alle norme vigenti sui rifiuti pericolosi.

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUI PERICOLI: EUH 401 Per evitare rischi per la salute umana e per

l'ambiente, seguire le istruzioni per l'uso.

PRESCRIZIONI

SUPPLEMENTARI:

Non

contaminare

l’acqua con il prodotto o il suo contenitore. Non pulire il

materiale

d’applicazione

in

prossimità

delle

acque

di

superficie. Evitare la contaminazione attraverso i sistemi

di scolo delle acque dalle aziende agricole e dalle strade.

INFORMAZIONI PER IL MEDICO

Trattasi di associazione delle seguenti sostanze attive:

ZOLFO PURO 90% e RAME METALLO 0,54% le quali,

separatamente, provocano i seguenti sintomi di

intossicazione:

ZOLFO: ----

RAME - Sintomi: denaturazione delle proteine con lesioni

a livello delle mucose, danno epatico e renale e del SNC,

emolisi.

Vomito

con

emissione

di

materiale

di

colore

verde, bruciori gastroesofagei, diarrea ematica, coliche

addominali,

ittero

emolitico,

insufficienza

epatica

e

renale, convulsioni, collasso. Febbre da inalazione del

metallo. Irritante cutaneo e oculare.

Terapia: Gastrolusi con soluzione latto- albuminosa, se

cupremia elevata usare chelanti, penicillamina se la via

orale

è

agibile

oppure

CaEDTA

endovena

e

BAL

intramuscolo; per il resto terapia sintomatica.

Avvertenza: Consultare un Centro Antiveleni.

CARATTERISTICHE

Il prodotto si impiega nei trattamenti a secco contro l’Oidio

della

Vite,

delle

Orticole

delle

floreali.

Esplica

inoltre

un’azione complementare contro la Peronospora della Vite.

COLTURE

PROTETTE:

Vite,

Ortaggi

(Cucurbitacee,

Pomodoro, Melanzana, Cardo, Carciofo, Lattughe e simili,

Leguminose), Barbabietola, Floreali (in pieno campo).

PARASSITI CONTROLLATI: Oidio

DOSI D’IMPIEGO: 20-25 Kg/ha

MODALITÀ D’IMPIEGO

prodotto

impiega

impolveratori

meccanici

erogazione regolabile. Durante l’applicazione assicurarsi che

la nube investa la vegetazione ricoprendola uniformemente.

COMPATIBILITÀ

AVVERTENZA: In caso di miscela con altri formulati deve

essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono

inoltre essere osservate le norme precauzionali previste per i

prodotti

più

tossici.

Qualora

verificassero

casi

intossicazione

informare

medico

della

miscelazione

compiuta.

FITOTOSSICITÀ

Non si deve trattare durante la fioritura. Può essere fitotossico

su Cucurbitacee. Può arrecare danno alla cultivar di VITE

angiovese.

Nei periodi con temperature elevate, evitare di trattare nelle

ore più calde della giornata.

SOSPENDERE I TRATTAMENTI 5 GIORNI PRIMA DELLA

RACCOLTA

SU

POMODORO,

MELANZANA

E

CUCURBITACEE, 20 GIORNI SULLE ALTRE COLTURE.

Avvertenza: Non rientrare nelle zone trattate prima di tre

giorni.

ATTENZIONE

Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni

riportate in questa etichetta. Chi impiega il prodotto è

responsabile

degli

eventuali

danni

derivanti

da

uso

improprio del preparato. Il rispetto di tutte le indicazioni

contenute

nella

presente

etichetta

è

condizione

essenziale per assicurare l’efficacia del trattamento e per

evitare danni alle piante, alle persone ed agli animali.

NON APPLICARE CON MEZZI AEREI

NON CONTAMINARE ALTRE COLTURE, ALIMENTI E

BEVANDE O CORSI D’ACQUA

OPERARE IN ASSENZA DI VENTO

DA NON VENDERSI SFUSO

IL CONTENITORE COMPLETAMENTE SVUOTATO NON

DEVE ESSERE DISPERSO NELL'AMBIENTE

IL CONTENITORE NON PUÒ ESSERE RIUTILIZZATO

Etichetta autorizzata con Decreto Dirigenziale del 15/04/2013

Etichetta autorizzata con decreto dirigenziale del 06 aprile 2018

Zolfo Ramato 3 SOLFOCHIMICA

(polvere secca anticrittogamico)

ZOLFO RAMATO 3solfochimica

Registrazione Ministero della Salute N.

14095 del 26/11/2007

COMPOSIZIONE

100 g di prodotto contengono:

Zolfo puro esente da selenio

Rame metallo

(sotto forma di ossicloruro)

Coformulanti q.b. a

g 97

g 0,5

g. 100

Partita n.

Contenuto 1 - 5 - 10 - 25 Kg

ATTENZIONE

SOLFOCHIMICA SRL

SEDE LEGALE VIA DELLA LIBERTA N.60 REALMONTE (AG)

SEDE AMMINISTRATIVA VIA STESICORO 50/A RAGUSA

TEL. 0932876364- FAX 0932874359

Stabilimenti di produzione:

ZOLFI VENTILATI MANNINO S.P.A.

CONTRADA CORSO 92012 CIACIANA (AG)

INDICAZIONI DI PERICOLO: H411tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata.

CONSIGLI DI PRUDENZA: P102 Tenere fuori dalla portata dei bambini.

PREVENZIONE: P270 Non mangiare, né bere, né fumare durante l'uso. P273 Non disperdere nell'ambiente.

P280 Indossare guanti e indumenti protettivi.

REAZIONE: P391 Raccogliere il materiale fuoriuscito.

CONSERVAZIONE: P401 Conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande.

SMALTIMENTO: P501 Smaltire il prodotto / recipiente in accordo alle norme vigenti sui rifiuti pericolosi.

INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI SUI PERICOLI: EUH 401 Per evitare rischi per la salute umana e per

l'ambiente, seguire le istruzioni per l'uso.

PRESCRIZIONI SUPPLEMENTARI:

Non contaminare l’acqua con il prodotto o il suo contenitore. Non pulire

il materiale d’applicazione in prossimità delle acque di superficie. Evitare la contaminazione attraverso i sistemi

di scolo delle acque dalle aziende agricole e dalle strade.

Per proteggere gli organismi acquatici, rispettare una fascia di sicurezza non trattata di 10 metri da corpi idrici

superficiali.

Per proteggere gli artropodi non bersaglio, rispettare una fascia di sicurezza non trattata di 20 metri dal bordo

del campo.

Pericoloso per le api. Per proteggere le api e altri insetti impollinatori non applicare alle colture al momento della

fioritura.

INFORMAZIONI PER IL MEDICO

Trattasi di associazione delle seguenti sostanze attive: ZOLFO 97% e RAME METALLO 0,5% le quali,

separatamente, provocano i seguenti sintomi di intossicazione:

ZOLFO: ----

RAME - Sintomi: denaturazione delle proteine con lesioni a livello delle mucose, danno epatico e renale

e del SNC, emolisi. Vomito con emissione di materiale di colore verde, bruciori gastroesofagei, diarrea

ematica, coliche addominali, ittero emolitico, insufficienza epatica e renale, convulsioni, collasso.

Febbre da inalazione del metallo. Irritante cutaneo e oculare.

Terapia: Gastrosi con soluzione latto- albuminosa, se cupremia elevata usare chelanti,

penicillamina se

la via orale è agibile oppure CaEDTA endovena e BAL intramuscolo; per il resto terapia sintomatica.

Avvertenza: Consultare un Centro Antiveleni.

CARATTERISTICHE

Fungicida in polvere secca a base di zolfo (codice meccanismo d’azione: FRAC M 02) e rame ossicloruro (codice

meccanismo d’azione: FRAC M 01).

CAMPO D’IMPIEGO:

- Vite da tavola e da vino;

- Drupacee (pesco, albicocco, ciliegio e susino); solo applicazioni in pre-fioritura

- Pomacee (melo, pero, cotogno, nespolo) in pieno campo;

- Solanacee (Pomodoro, Melanzana) in pieno campo e coltura protetta.

- Cucurbitacee a buccia edule e non edule in pieno campo

AVVERSITÀ CONTROLLATE: oidio.

DOSI D’IMPIEGO:

Effettuare un massimo di 8 applicazioni alla dose di 25 kg/ha ad intervalli minimi di 5 giorni.

MODALITÀ D’IMPIEGO:

Il prodotto si impiega con impolveratori meccanici ad erogazione regolabile. Durante l’applicazione assicurarsi che la

nube investa la vegetazione ricoprendola uniformemente. Iniziare gli interventi al manifestarsi delle condizioni climatiche

favorevoli allo sviluppo della malattia, proseguendoli fino all’intervallo di pre-raccolta.

COMPATIBILITÀ:

Il prodotto i) non è compatibile con antiparassitari alcalini (polisolfuri, poltiglia bordolese, ecc.); ii) deve essere applicato

ad intervallo di almeno tre settimane dall’impiego degli oli minerali e del Captano iii) è compatibile con generalità dei

prodotti in polvere secca.

AVVERTENZA:

In caso di miscela con altri formulati deve essere rispettato il periodo di carenza più lungo. Devono inoltre essere osservate

le norme precauzionali prescritte per i prodotti più tossici. Qualora si verificassero casi di intossicazione informare il

medico della miscelazione compiuta.

FITOTOSSICITÀ:

Non trattare durante la fioritura. Non effettuare i trattamenti nelle ore più calde della giornata. Evitare trattamenti a

temperature superiori ai 30°C.

Può essere fitotossico sulle CUCURBITACEE

Può arrecare danno alle seguenti cultivar:

VITE: Sangiovese.

MELO: Black Ben Davis, Black Stayman, Calvilla bianca, Commercio, Golden delicious, Jonathan, Imperatore, Renetta,

Rome Beauty, Stayman Red, Winesap;

PERO: Buona Luigia D’Avranches, Contessa di Parigi, Kaiser Alexander, Olivier de Serres, William, Decana del

Comizio.

È consigliabile effettuare saggi varietali di fitotossicità su piccole parcelle prima di applicare il prodotto.

Sospendere i trattamenti 5 giorni prima del raccolto su pomodoro, melanzana, , melone, cocomero, zucchino,

cetriolo, cetriolino, zucca; 21 giorni su vite, pomacee e drupacee.

ATTENZIONE

Da impiegarsi esclusivamente per gli usi e alle condizioni riportate in questa etichetta. Chi impiega il prodotto è

responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio del preparato. Il rispetto di tutte le indicazioni

contenute nella presente etichetta è condizione essenziale per assicurare l’efficacia del trattamento e per evitare

danni alle piante, alle persone ed agli animali.

Etichetta autorizzata con decreto dirigenziale del 06 aprile 2018

NON APPLICARE CON MEZZI AEREI

NON CONTAMINARE ALTRE COLTURE, ALIMENTI E BEVANDE O CORSI D’ACQUA

OPERARE IN ASSENZA DI VENTO

DA NON VENDERSI SFUSO

IL CONTENITORE COMPLETAMENTE SVUOTATO NON DEVE ESSERE DISPERSO NELL'AMBIENTE

IL CONTENITORE NON PUÒ ESSERE RIUTILIZZATO

Prodotti simili

Cerca alert relativi a questo prodotto

Condividi questa pagina