UNDA Anacardium Orientale XMK Gocce Medicinale Omeopatico 10ml

Italia - italiano - Ministero della Salute

Compralo Ora

Foglio illustrativo Foglio illustrativo (PIL)

12-11-2017

Commercializzato da:
CEMON Srl
Numero dell'autorizzazione:
800640601
Codice EAN:
8013901093394

UNDA

Anacardium Orientale XMK Gocce

Medicinale Omeopatico

Il rimedio omeopatico Anacardium orientale si ottiene dalla Tintura Madre del succo essiccato ricavato

dal frutto della pianta omonima.

CARATTERISTICHE DEL RIMEDIO

Il rimedio esercita la sua principale azione sul sistema nervoso (sfera mentale), sul sistema digerente e

sulla cute. E’ anche un rimedio spastico, in caso di spasmi (contrazioni improvvise ed involontarie) di

muscoli o di organi.

Il tipo Anacardium orientale è confuso, sospettoso, preoccupato, pauroso, ipocondrico, demoralizzato,

depresso, irrisoluto, indeciso ed è sempre in conflitto. Ha uno sdoppiamento della personalità: alterna

bestemmie a preghiere, ha sentimenti buoni e cattivi insieme, cambia continuamente umore. Molti autori

lo definiscono un tipo dalle “due volontà”. Ha tendenza a fraintendere, a contraddire, ad arrabbiarsi,

soffre di un complesso di inferiorità. Ha una memoria debole con momenti di amnesia (dimentica ciò che

è accaduto un attimo prima), perde il contatto con la realtà, vive la vita come in un sogno.

Lo stato psichico (mentale) di Anacardium orientale è spesso dovuto ad un eccesso di lavoro intellettuale,

ad eccessi nello studio, alla paura degli esami (differentemente da Argentum nitricum, ove la paura è

legata alla esasperata emotività del soggetto, qui la paura nasce dal timore di non sapere e di non

ricordare), alle mortificazioni, alle umiliazioni, a spavento, ad uno stato di esaurimento nervoso, od anche

a senilità.

Anacardium orientale si sente stanco, ha spesso mal di testa, interrompe continuamente lo studio o il

lavoro per andare a mangiare (fame nervosa). La vista, l’udito, l’olfatto e il gusto risultano falsati. Ha viso

pallido e occhi incavati, con occhiaie.

Il rimedio ha due caratteristiche particolari:

1) sensazione di costrizione, come di una fasciatura stretta o di un cerchio intorno ad una qualsiasi parte

del corpo;

2) sensazione di avere un tampone o una massa dura sulla testa, sulla fronte, in gola, allo stomaco,

all’ano, o in qualunque altra parte.

Altra caratteristica è che il soggetto migliora mangiando (in Nux vomica invece peggiora). Tale

caratteristica è comune ad altri rimedi (ad es. Chelidonium, Ignatia, Graphites), ma qui è molto più

marcata.

I sintomi vanno da dx a sx. Il soggetto è sensibile al freddo, peggiora all’imbrunire fino a mezzanotte e

poi di nuovo al mattino. La maggior parte dei sintomi compare periodicamente.

Anacardium orientale è un antidoto per Rhus toxicodendron se ci sono sintomi gastrici o sintomi da dx a

sx. E’ antidotato da Coffea.

USO DEL RIMEDIO

Anacardium orientale si usa nei seguenti principali casi, quando i sintomi corrispondono e si associano

alle caratteristiche del rimedio.

SISTEMA NERVOSO CENTRALE: depressione, perdita di memoria, disturbi psichici, stanchezza

mentale, ansia, stress, demenza senile. Può essere associato a Phosphoricum acidum, Gelsemium,

Arnica (se in conseguenza di trauma), Kalium phosphoricum ed altri.

CEFALEE da affaticamento cerebrale: per gli studenti nel periodo degli esami, quando, pur avendo

studiato, sono colti dalla paura di “non sapere” a causa della mancanza di fiducia in sé stessi e della

debolezza della memoria. Le cefalee peggiorano con il lavoro intellettuale e con il movimento,

migliorano mangiando o coricandosi. Anche nei casi di cefalea conseguente a disturbi gastrici.

APP. DIGERENTE: per tutti i disturbi di natura psicosomatica. Digestione lenta e difficile con dolori e

bruciori allo stomaco (gastralgia). Sensazione di vuoto che scompare mangiando. Alito cattivo. Lingua

bianca. Perdita del gusto. Eruttazioni. Pirosi. Problemi intestinali ed emorroidali. Difficoltà a defecare,

con stimoli inefficaci e sensazione di un tappo difficile da espellere. Malesseri mattutini delle donne in

gravidanza. Eccessi di fame irresistibili, come ad es. negli obesi. Può essere associato a Arsenicum

album, Argentum nitricum, Bismuthum sub-nitricum ed altri.

CUTE: per tutte le irritazioni della pelle. Vescicole e pustole. Bruciature che producono vescicole anche

grandi. Herpes (infezioni della pelle scatenate da diversi tipi di virus, che si manifestano con vescicole

cutanee localizzate a seconda del virus). Verruche (piccole escrescenze della pelle, di natura benigna,

causate da virus, che colpiscono prevalentemente piedi e mani). Le eruzioni che richiedono il rimedio

sono accompagnate da rossore e gonfiore, sono terribilmente pruriginose e spesso purulente. Il prurito

diminuisce con applicazioni di acqua calda e peggiora dopo essersi grattati. E’ utilissima l’associazione

con Rhus toxicodendron.

SPASMI: gastrici e intestinali, dismenorrea (mestruazioni dolorose), tosse, crampi agli arti e soprattutto

alle dita. La caratteristica di questi crampi è che essi risalgono sempre verso l’alto (ad es. dal tallone al

polpaccio, dall’alluce al dorso del piede, ecc.). Crampi dello scrivano. Anche nei casi di dolori alle spalle

con la sensazione di pressione sulle stesse, come se ci fosse un peso.

Cerca alert relativi a questo prodotto

Visualizza cronologia documenti

Condividi questa pagina