RILATEN

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • RILATEN
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • RILATEN
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Area terapeutica:
  • Rociverina
  • Dettagli prodotto:
  • 023598016 - "10 MG COMPRESSE RIVESTITE" 30 COMPRESSE - autorizzato; 023598030 - "20 MG/ 2 ML SOLUZIONE INIETTABILE" 6 FIALE DA 2 ML - autorizzato; 023598042 - 6 SUPPOSTE 25 MG - autorizzato; 023598028 - IM IV 6 FIALE 10 MG - revocato

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 023598
  • Ultimo aggiornamento:
  • 23-06-2017

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Foglio illustrativo

RILATEN

rociverina

COMPOSIZIONE

RILATEN 10 mg compresse rivestite

Ogni compressa rivestita da g 0,300 contiene:

Principio attivo: Rociverina mg 10

Eccipienti: Acido citrico, Silice precipitata, Calcio fosfato bibasico, Cellulosa microgranulare,

Amido, Talco, Magnesio stearato, Gomma arabica, Cellulosa acetoftalato, Dietile ftalato, Titanio

biossido, Polisorbato 80, Saccarosio, Colorante (E 132);

RILATEN 20 mg/2 ml Soluzione Iniettabile:

Ogni fiala da ml 2 contiene:

Principio attivo: Rociverina mg 20

Eccipienti: Citrato monosodico, Esteri dell'acido p-idrossibenzoico, Sodio idrossido, Sodio

cloruro, Acqua per preparazioni iniettabili;

RILATEN - supposte

Ogni supposta da g 1,7 contiene:

Principio attivo: Rociverina mg 25

Eccipienti: Gliceridi semi-sintetici;

FORMA FARMACEUTICA E CONTENUTO

30 compresse rivestite da g 0,300;

6 fiale da 2 ml;

6 supposte da g 1,7;

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Rilaten è un preparato antispastico contenente il principio attivo rociverina in grado di rilasciare la

muscolatura liscia dei visceri agendo sia direttamente sulla fibra muscolare (attività miolitica

diretta) e sia attraverso un blocco degli impulsi nervosi eccitatori ad essa diretti (attività para-

simpaticolitica od anticolinergica). L'estrinsecarsi di tale attività consente di ottenere una

risoluzione degli spasmi dolorosi acuti (coliche) o subacuti a livello gastrointestinale, biliare ed

urinario.

TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO

Laboratori Guidotti S.p.A. - Via Livornese, 897 - PISA – La Vettola

PRODUTTORE RESPONSABILE DEL RILASCIO DEI LOTTI

Compresse rivestite

Berlin Chemie AG - Glienicker weg 125 - Berlino

A. Menarini Manufacturing Logistics and Services S.r.l. - Via Campo di Pile - L'Aquila

Fiale

A. Menarini Manufacturing Logistics and Services S.r.l. via Sette Santi, 3 - Firenze

Supposte

Berlin Chemie AG - Glienicker weg 125 - Berlino

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Manifestazioni spastico-dolorose dell'apparato urinario, gastroenterico e delle vie biliari.

CONTROINDICAZIONI

pag 1 di 2

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Glaucoma. Ipertrofia della prostata. Ritenzione urinaria. Stenosi pilorica ed altre malattie

stenosanti dell'apparato gastrointestinale. Ipersensibilità individuale già nota verso il prodotto.

PRECAUZIONI D'IMPIEGO

Come con tutti i farmaci similari è consigliabile cautela nel trattamento di soggetti cardiopatici,

coronaropatici, ipertesi ed anziani in genere (ritenzione urinaria). In gravidanza usare solo in caso

di effettiva necessità e sotto diretto controllo medico. In soggetti particolarmente sensibili, l'uso

combinato di anticolinergici e cortisonici o antidepressivi triciclici è associato ad un aumentato

rischio di glaucoma o di ritenzione urinaria. In questi pazienti è opportuno impiegare il Rilaten con

cautela e sotto diretto controllo del medico.

INTERAZIONI CON ALTRI MEDICINALI

vedi precauzioni d'impiego.

EFFETTI SULLA CAPACITA' DI GUIDARE E SULL'USO DI MACCHINE

Poichè il prodotto può indurre turbe della visione, di ciò devono essere avvertiti coloro che

conducono autoveicoli o che svolgono lavori particolari.

DOSE, MODO E TEMPO DI SOMMINISTRAZIONE

Compresse rivestite: 1 compressa rivestita 3-4 volte al giorno. Nei casi acuti è possibile la

somministrazione di 2 compresse rivestite in dose unica.

Supposte: 1 supposta 2-3 volte al giorno.

Fiale: 1 fiala, per via endovenosa, intramuscolare o per fleboclisi, ripetibile, se necessario, dopo

intervallo di almeno 2 ore.

Sovradosaggio

vedi effetti indesiderati

EFFETTI INDESIDERATI

Specie in soggetti particolarmente sensibili possono verificarsi manifestazioni di tipo atropinico

quali secchezza delle fauci, midriasi (dilatazione della pupilla), disturbi visivi per turbe

dell'accomodazione, tachicardia, lieve sonnolenza, stipsi, vampate di calore, brividi. In tali casi si

consiglia di ridurre la posologia o, al limite, sospendere il trattamento. Comunicare al medico

curante o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato non descritto nel foglio illustrativo.

SCADENZA E NORME DI CONSERVAZIONE

Per la data di scadenza si rimanda a quella riportata sulla confezione.

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Compresse rivestite: Conservare il medicinale in luogo asciutto.

Fiale: Nessuna particolare precauzione per la conservazione.

ULTIMA

APPROVAZIONE

DELL

’A

GENZIA

TALIANA

ARMACO

ETTEMBRE

2008

T

ENERE

FUORI

DALLA

PORTATA

E

DALLA

VISTA

DEI

BAMBINI

pag 2 di 2

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).