Mephaquin

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Mephaquin Lactab
  • Forma farmaceutica:
  • Lactab
  • Composizione:
  • mefloquinum 250 mg ut mefloquini hydrochloridum, excipiens pro compresso obducto.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Mephaquin Lactab
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • La Malaria

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 47385
  • Data dell'autorizzazione:
  • 09-12-1985
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Mephaquin Lactab®

Mepha Pharma AG

Che cos'è il Mephaquin e quando si usa?

Il Mephaquin si può prendere solamente su prescrizione medica.

Il Mephaquin Lactab è un medicamento usato per la prevenzione (profilassi) e per la terapia della

malaria.

Questa malattia infettiva è molto diffusa in zone tropicali e subtropicali dell'Africa, dell'America

latina e dell'Asia come pure in Paesi dell'area del Pacifico.

Ci sono diverse forme di malaria con agenti patogeni differenti. La forma più pericolosa è la malaria

tropica.

In tutte le forme di malaria il contagio avviene quando zanzare del genere Anopheles, con la loro

puntura, trasmettono all'uomo gli agenti patogeni della malaria (plasmodi). Al più presto 1 settimana

dopo la puntura della zanzara si manifestano febbre, brividi, mal di testa e dolori alle membra, talora

anche diarrea o vomito. Questa sintomatologia può essere facilmente confusa con quella

dell'influenza. Ma se si tratta della pericolosa malaria tropica e non la si cura con tempestività, da

alcune ore ad alcuni giorni dopo la comparsa dei primi sintomi possono verificarsi gravi lesioni

organiche, perdita della conoscenza e la morte. Gli agenti patogeni della malaria meno pericolosi,

che non mettono a repentaglio la vita, possono causare la comparsa della malattia anche mesi o anni

dopo la permanenza in una zona malarica.

Non esiste ancora una vaccinazione contro la malaria, ma con diversi antimalarici (fra cui il

Mephaquin) disponiamo di possibilità di prevenzione e di terapia.

Il principio attivo del Mephaquin uccide gli agenti patogeni presenti nel sangue.

Comunichi al medico la destinazione e la durata del suo viaggio; se del caso egli le prescriverà il

Mephaquin come profilassi o per la terapia d'urgenza se dovesse contrarre la malaria.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

La miglior protezione dalla malaria si attua evitando le punture delle zanzare. Le zanzare Anopheles

pungono soprattutto dal calar del crepuscolo fino all'alba.

Perciò si attenga scrupolosamente alle raccomandazioni seguenti:

durante questo periodo di tempo porti abiti che coprano possibilmente tutto il corpo;

sugli abiti e sulla pelle non coperta applichi dei repellenti delle zanzare;

nelle camere da letto non protette dalle zanzare utilizzi una zanzariera intatta che rimboccherà bene

sotto il materasso. Inoltre possono essere utili gli spray insetticidi, le spirali fumigatorie, gli

apparecchi antizanzare elettrici ed elettronici.

Tenga presente che il Mephaquin non si può usare indiscriminatamente contro tutti gli agenti

patogeni della malaria e in tutte le zone malariche. Per evitare complicazioni che possono essere

provocate dall'assunzione di un antimalarico scelto in modo inappropriato oppure a dosi sbagliate

non può prendere il Mephaquin (anche in caso di successivi viaggi in una zona malarica) senza aver

prima consultato il medico o il farmacista.

Quando non si può usare il Mephaquin?

Se soffre o ha sofferto in passato di malattie che si manifestano sotto forma di crisi (epilessia,

convulsioni), di disturbi dell'umore (depressioni, stati ansiosi), di schizofrenia o di altre malattie

psichiatriche non deve usare il Mephaquin per la prevenzione della malaria.

Non può usare il Mephaquin se sa di avere una reazione di ipersensibilità al principio attivo che

contiene (meflochina), a uno degli altri costituenti del medicamento o alle sostanze analoghe chinina

e chinidina.

A causa del pericolo di arresto cardiaco non deve assumere l'alofantrina (un altro antimalarico) se

prende già il Mephaquin (meflochina) o l'ha preso nelle ultime 15 settimane.

L'estratto di erba di San Giovanni (estratto d'iperico) può ridurre l'efficacia del Mephaquin. Il

Mephaquin non si può pertanto assumere contemporaneamente a preparati contenenti estratto

d'iperico (estratti di erba di San Giovanni).

In caso di assunzione concomitante, anche la rifampicina (un antibiotico) può compromettere

l'efficacia del Mephaquin. L'uso concomitante di Mephaquin e rifampicina deve limitarsi a casi

d'emergenza.

Inoltre non può assumere il Mephaquin se soffre di una grave riduzione della funzionalità del fegato

o se ha già sofferto di emoglobinuria malarica (malaria con emoglobina nell'urina).

Non somministri il Mephaquin a bambini piccoli di peso inferiore a 5 kg. Però la prevenzione della

malaria è estremamente importante anche per i bambini e dev'essere effettuata a partire dai primi

mesi di vita. All'occorrenza domandi al medico com'è opportuno procedere.

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione del Mephaquin?

Se soffre di malattie del fegato o di disturbi del ritmo cardiaco spetta al suo medico decidere se può

prendere il Mephaquin per la prevenzione della malaria.

Informi il suo medico o il suo farmacista nel caso in cui

·soffre di queste o di altre malattie,

·soffre di allergie o

·assume o applica esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!).

Specialmente se si tratta del ketoconazolo (per le infezioni micotiche) e della rifampicina

(antibiotico). Il Mephaquin non deve essere assunto in concomitanza con altri medicamenti per la

malaria come chinina, chinidina, clorochina o alofantrina.

Occorre prudenza anche in caso di assunzione di farmaci che agiscono sul cuore o sulla circolazione,

di medicamenti che abbassano il tasso dello zucchero nel sangue («ipoglicemizzanti») o di

anticoagulanti nonché di farmaci contro le allergie o il raffreddore da fieno.

La vaccinazione contro il tifo non va fatta mentre si sta prendendo il Mephaquin.

Questo medicamento può ridurre la capacità di reazione, la capacità di condurre un veicolo e la

capacità di utilizzare attrezzi o macchine! Particolare prudenza si impone in rapporto ad attività che

richiedono piena attenzione e un'esecuzione precisa dei movimenti oppure nel fare delle immersioni

subacquee, perché mentre si fa uso del medicamento e fino ad alcune settimane o mesi dopo l'ultima

somministrazione possono verificarsi delle reazioni indesiderate al Mephaquin. In un piccolo numero

di pazienti è stato riferito che intontimento, sensazione di vertigini o disturbi dell'equilibrio possono

persistere ancora per dei mesi dopo aver cessato di assumere la meflochina.

Sono state riferite riduzione della facoltà visiva e comparsa di malattie degli occhi durante o dopo un

trattamento col Mephaquin. Se constatasse dei disturbi della vista lo comunichi al suo medico.

Questo medicamento può causare reazioni di ipersensibilità da lievi a gravi, potenzialmente letali:

eruzioni cutanee da lievi a severe, talvolta con formazione di vesciche e noduli, reazioni allergiche

fino a shock severo con sintomi quali difficoltà respiratorie, lingua gonfia (v. anche «Quali effetti

collaterali può avere il Mephaquin?»). Per questo è importante, in caso di eruzione cutanea o di altri

segni di una reazione di ipersensibilità, interrompere il trattamento e consultare immediatamente il

medico.

Se nel corso del trattamento constata dolori brucianti, disturbi della sensibilità, diminuzione della

sensibilità della pelle al contatto e alla pressione e/o debolezza muscolare, per prevenire futuri danni

smetta di assumere il medicamento e informi assolutamente il medico.

In caso di assunzione del Mephaquin a scopo preventivo si manifestano soprattutto degli effetti

collaterali di tipo psichiatrico.

Se prendendo il Mephaquin a scopo preventivo si manifestano dei segni di sintomi psichiatrici quali

insonnia, sogni anomali o incubi, stati ansiosi improvvisi, depressione, agitazione o confusione

bisogna smettere di prendere il Mephaquin e consultare un medico, perché questi segni possono

essere lo stadio preliminare di un sintomo più grave.

Si verificano dei fenomeni di resistenza ai medicamenti del P. falciparum, il più frequente agente

patogeno della malaria tropica, dipendenti dalla situazione geografica. Perciò il farmaco d'elezione

da assumere per prevenire la malaria può differire da una regione all'altra.

È stata osservata una resistenza del P. falciparum alla meflochina, principio attivo del Mephaquin; si

tratta soprattutto di parti dell'Asia del sud est con resistenze multiple. In singole regioni è stata

constatata una resistenza crociata tra la meflochina e l'alofantrina, come pure tra la meflochina e la

chinina. Per informazioni aggiornate su fenomeni di resistenza dipendenti dalla situazione geografica

il suo medico dovrebbe rivolgersi a centri nazionali di esperti competenti.

Si può somministrare il Mephaquin durante la gravidanza o l'allattamento?

Durante la gravidanza, la malaria è particolarmente pericolosa sia per la gestante che per il feto. Se è

incinta eviti perciò i viaggi in zone infestate dalla malaria. Se ciò non è possibile deve assolutamente

proteggersi dalla malaria.

Discuta quindi col medico tutti i suoi piani di viaggio. Egli le dirà quale protezione dalla malaria è

adatta al suo caso. Nel corso della gravidanza il Mephaquin si può assumere solamente su esplicito

ordine di un medico.

Se è in età fertile, mentre sta prendendo il Mephaquin e per 3 i mesi successivi adotti delle misure

anticoncezionali.

Il principio attivo del Mephaquin passa in piccole quantità nel latte materno. Tuttavia queste quantità

non bastano per proteggere dalla malaria il suo bambino.

Il Mephaquin non si dovrebbe assumere durante l'allattamento. Se è assolutamente necessario

prenderlo si dovrebbe smettere di allattare.

Come usare il Mephaquin?

A seconda della situazione, il Mephaquin si usa per la prevenzione (profilassi), per il trattamento

(terapia) o come terapia d'urgenza quando non è disponibile un'assistenza medica immediata.

Prenda il Mephaquin attenendosi esattamente alla prescrizione del medico.

Non modifichi di propria iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l'azione del medicamento

sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

La meflochina, principio attivo del Mephaquin, ha un sapore amaro e leggermente bruciante. Perciò i

Lactab Mephaquin vanno presi senza masticarli e preferibilmente dopo un pasto (non a stomaco

vuoto), con almeno un bicchiere d'acqua o di un'altra bevanda non alcoolica.

Per somministrarli a bambini piccoli od a persone con difficoltà di deglutizione, i Lactab si possono

frantumare e sciogliere per esempio in un po' d'acqua o di latte.

Se dovesse vomitare meno di 30 minuti dopo aver assunto il Mephaquin ne prenda una seconda dose

intera.

Se il vomito si manifesta 30-60 minuti dopo l'assunzione si deve prendere mezza dose

supplementare.

Prevenzione della malaria col Mephaquin

Per la prevenzione della malaria il Mephaquin si prende una volta alla settimana. Di regola dovrebbe

cominciare a prenderlo una settimana prima dell'arrivo in zona malarica.

Se ciò non è possibile, il medico può prescrivere una cosiddetta terapia iniziale («dose di

saturazione»). La prossima dose la prenda il giorno dell'arrivo in zona malarica, poi prenda la dose

prescritta (per esempio 1 Lactab) una volta alla settimana, sempre lo stesso giorno.

Se prende il Mephaquin per la prima volta, oppure se prende anche altri medicamenti, cominci

l'assunzione già 3 settimane prima dell'inizio del viaggio. In questo modo potrà accertarsi di tollerare

bene il Mephaquin, rispettivamente l'associazione di medicamenti.

Per ridurre il rischio di ammalarsi di malaria dopo la partenza da una zona malarica, l'assunzione del

Mephaquin una volta alla settimana dev'essere continuata per altre 4 settimane.

La posologia del Mephaquin consigliata per la prevenzione della malaria, una volta alla settimana, è

la seguente:

Peso

Dose per settimana

5-10 kg

1/8 di Lactab

10-20 kg 1/4 di Lactab

20-30 kg 1/2 Lactab

30-45 kg 3/4 di Lactab

>45 kg

1 Lactab

Nei bambini di peso inferiore a 5 kg, per il momento non si consiglia l'uso del Mephaquin per la

prevenzione della malaria.

Il numero di somministrazioni (dosi), gli intervalli tra le dosi e la durata dell'assunzione a scopo

preventivo sono gli stessi per i bambini e per gli adulti. Se ha dimenticato di prendere una dose la

prenda appena se ne accorge, poi continui come prima.

Se pur avendo preso correttamente il Mephaquin a scopo preventivo dovesse ammalarsi di malaria,

spetterà a un medico decidere che terapia bisogna fare.

Terapia della malaria col Mephaquin

Se durante o dopo un viaggio in zona malarica si ammala di malaria, il medico le prescriverà il

Mephaquin per esempio nel modo seguente:

Adulti e bambini di peso superiore a 45 kg prendono inizialmente 3 Lactab in una volta, e dopo 6-8

ore altri 2 Lactab. Se lei pesa più di 60 kg, 6-8 ore dopo la seconda assunzione prenda ancora 1

Lactab.

Anche in caso di dosi complessive ridotte (destinate a persone di minor peso) è consigliabile

suddividerle in 2-3 dosi singole, da prendersi a intervalli di 6-8 ore.

La posologia del Mephaquin consigliata per la terapia della malaria è la seguente:

Peso

Dose complessiva Suddivisione della dose*

5-10 kg

1/2-1 Lactab

10-20 kg 1-2 Lactab

20-30 kg 2-3 Lactab

2 o 2+1

30-45 kg 3-4 Lactab

2+1 o 2+2

45-60 kg 5 Lactab

>60 kg

6 Lactab

3+2+1

* «+» significa 6-8 ore dopo l'assunzione precedente.

Se la terapia col Mephaquin non determina un miglioramento entro 48-72 ore bisogna prendere in

considerazione un'altra terapia, su ordine di un medico.

Terapia d'urgenza («stand by»)

Invece della prevenzione della malaria con medicamenti è anche possibile che il medico le prescriva

il Mephaquin come terapia d'urgenza. Può essere per esempio il caso se, p.es. a causa del rischio

relativamente ridotto di malaria nella zona interessata, non è stato preso nessun medicamento a scopo

preventivo oppure ne è stato preso un altro, e ciononostante ci si ammala di malaria. Se al più presto

una settimana dopo una puntura di zanzara certa o presunta si manifestano sintomi di un attacco

acuto di malaria, come febbre improvvisa e brividi nonché eventualmente mal di testa e dolori alle

membra, e nessun medico è raggiungibile entro le prossime 24 ore, proceda p.es. come segue: se

pesa più di 45 kg prenda 3 Lactab di Mephaquin in una volta. Se non fosse possibile avere assistenza

medica entro ulteriori 24 ore, 6-8 ore dopo la prima dose prenda altri 2 Lactab. Se pesa più di 60 kg,

dopo altre 6-8 ore prenda ancora 1 Lactab. Se pesa meno di 45 kg il medico le avrà prescritto una

posologia più bassa.

Dopo l'autoterapia di una presunta malaria, alla prima occasione deve consultare un medico anche se

si sente completamente ristabilito.

Quali effetti collaterali può avere il Mephaquin?

Quando il Mephaquin si prende per la terapia della malaria, gli effetti indesiderati possono

manifestarsi con maggior frequenza o intensità che quando lo si prende a scopo preventivo. In caso

di assunzione del Mephaquin a scopo preventivo si manifestano soprattutto degli effetti collaterali di

tipo psichiatrico quali insonnia, sogni anomali o incubi, stati ansiosi improvvisi, depressione,

agitazione o confusione.

Nella terapia di una malaria acuta può eventualmente essere difficile distinguere se si tratta di

sintomi di malaria o di effetti indesiderati del Mephaquin.

Nei seguenti casi deve smettere di prendere il Mephaquin e consultare immediatamente un medico:

·se insorgono dei sintomi psichiatrici quali insonnia, sogni anomali o incubi, stati ansiosi improvvisi,

severi disturbi dell'umore (depressioni), irrequietezza, crisi epilettiche o confusione psichica;

·se si manifestano eruzioni cutanee, in casi gravi con formazione di vesciche ed eventuale

desquamazione della pelle (sindrome di Stevens-Johnson) o segni di reazioni allergiche gravi e

potenzialmente fatali con sintomi quali difficoltà respiratorie, lingua gonfia, prurito e severe eruzioni

cutanee.

Se nel corso della profilassi col Mephaquin si manifestano delle eruzioni sulla pelle, prima di

prendere la prossima dose di Mephaquin bisogna farle vedere ad un medico, cui spetta confermare la

continuazione della profilassi col Mephaquin.

In seguito all'assunzione del Mephaquin possono manifestarsi i seguenti effetti collaterali: nausea,

vomito, inappetenza, disturbi nell'alimentarsi, feci molli o diarrea, dolori di ventre, vertigini, disturbi

dell'equilibrio, mal di testa, stanchezza, disturbi del sonno, incubi e intontimento. In casi più rari

possono verificarsi disturbi circolatori (pressione sanguigna troppo alta o troppo bassa), arrossamenti

della pelle, svenimento, palpitazioni, polso irregolare o lento, dolore al petto, prurito o eruzioni sulla

pelle, caduta dei capelli, accumulo d'acqua nei tessuti, dolori muscolari, debolezza muscolare, crampi

muscolari, dolori alle articolazioni, difficoltà di respirazione, sudorazione, disturbi digestivi, afte,

offuscamento della vista, disturbi agli occhi (p.es. disturbi al nervo ottico, alla retina), disturbi

dell'udito, ronzio nelle orecchie, debolezza, malessere, stanchezza, febbre, brividi, disturbi della

coordinazione, disturbi della sensibilità dei nervi, tremito, convulsioni, agitazione fisica e disturbi

psichiatrici quali abbattimento, depressione, smemoratezza, allucinazioni, ostilità, attacchi di panico,

confusione, agitazione, sbalzi d'umore e stati ansiosi. Sono stati riferiti rari casi di pensieri suicidi e

di suicidio, ma una loro relazione con la somministrazione del medicamento non ha potuto essere

dimostrata. Sono state riferite delle disfunzioni del fegato dovute al medicamento che possono

arrivare fino all'insufficienza epatica. Sono stati riferiti casi di agranulocitosi, una forte diminuzione

dei granulociti (un sottogruppo dei globuli bianchi) nel sangue, e di anemia aplastica, una forma

particolare di anemia.

Perciò se si manifestano sintomi quali malessere, febbre, mal di testa, nausea, diminuzione di peso e

stanchezza ne informi il medico.

Tenga presente che gli effetti indesiderati possono verificarsi o persistere fino a parecchie settimane

dopo l'ultima assunzione di Mephaquin.

In un piccolo numero di pazienti è stato riferito che intontimento o vertigini e disturbi dell'equilibrio

possono persistere ancora per dei mesi dopo aver cessato di assumere il medicamento.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Il medico le prescriverà una quantità di antimalarici corrispondente alla durata del viaggio, che deve

prendere con sé da casa perché potrebbero esserci difficoltà a procurarsi i medicamenti nel Paese di

destinazione.

Conservare il Mephaquin nella confezione originale chiusa, a temperatura ambiente (15-25 °C) e

fuori dalla portata dei bambini.

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore.

A cura ultimata riporti eventuali Lactab rimanenti, nella loro confezione, in farmacia o al medico per

l'eliminazione.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di un'informazione professionale dettagliata, possono

darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene il Mephaquin?

1 Lactab contiene: principio attivo 250 mg di meflochina sotto forma di meflochina cloridrato

nonché sostanze ausiliarie per la preparazione di compresse laccate.

Numero dell’omologazione

47385 (Swissmedic).

Dove è ottenibile il Mephaquin? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia, dietro presentazione della prescrizione medica non rinnovabile.

Confezioni da 8 Lactab (con scanalature a croce per dividerli).

Titolare dell’omologazione

Mepha Pharma AG, Basel.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel maggio 2018 dall'autorità

competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

Numero interno della versione: 5.3