Laxoberon

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Laxoberon gocce
  • Forma farmaceutica:
  • gocce
  • Composizione:
  • natrii picosulfas monohydricum 7,5 mg corrisp. natrii picosulfas 7.2 mg, mantenuto.: natrii benzoas, excipiens annuncio solutionem pro 1 ml, corrisp. 15 gutta.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Laxoberon gocce
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • lassativo

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 37871
  • Data dell'autorizzazione:
  • 02-07-1973
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Transferiert von Boehringer Ingelheim (Schweiz) GmbH

Laxoberon®

sanofi-aventis (svizzera) sa

Che cos’è il Laxoberon e quando si usa?

Il Laxoberon è un lassativo. Provoca i movimenti peristaltici dell'intestino crasso che favoriscono la

defecazione. Il Laxoberon si può somministrare anche quando occorre evitare una pressione al

momento dell'evacuazione intestinale, ad es. in caso di malattie cardiocircolatorie, in presenza di

emorroidi e di ragadi anali. Il Laxoberon è indicato solamente per uso di breve durata in caso di

stitichezza. Sotto controllo medico è possibile anche il trattamento di più lunga durata di una

stitichezza dovuta all'assunzione di forti analgesici ad azione centrale. La somministrazione a gocce

del Laxoberon permette - nell'ambito della posologia raccomandata - di determinare la dose efficace

individuale e di ottenere la giusta consistenza delle feci. Perciò il Laxoberon può anche integrare

temporaneamente il trattamento a lunga scadenza con sostanze gonfianti.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Usando il Laxoberon sono stati riferiti intontimento e/o svenimento di breve durata, che possono

essere conseguenza di un'evacuazione forzata o una reazione a dolori dovuti alla stitichezza e non

sono necessariamente da far risalire al medicamento. In caso di stitichezza dovrebbe aver cura di

un'alimentazione ricca di fibre (verdura, frutta, prodotti a base di grano integrale), di bere molto e

regolarmente e di svolgere regolarmente attività fisica.

Quando non si può assumere il Laxoberon?

Il Laxoberon non si può assumere in caso o se vi è minaccia di ileo (occlusione intestinale), in

presenza di processi infiammatori nella cavità addominale (p.es. appendicite) e in caso di forti dolori

di ventre con nausea e vomito che potrebbero essere indizi delle gravi malattie suddette.

Il Laxoberon non si può assumere in caso di grave disidratazione, come pure di ipersensibilità

conosciuta al principio attivo o ad un altro costituente del medicamento.

Questo medicamento non si può assumere in presenza di gravi malattie ereditarie che potrebbero

determinare un'intolleranza a una delle sostanze ausiliarie (vedi «Quando è richiesta prudenza nella

somministrazione del Laxoberon?»).

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione del Laxoberon?

Per i bambini e i pazienti affetti da gravi malattie è necessario consultare il medico.

Senza prescrizione medica il trattamento dovrebbe essere fatto solo occasionalmente e per non più di

1-2 settimane e senza superare la dose giornaliera consigliata. Un trattamento più lungo e/o a dosi più

elevate si può fare solo su istruzione del medico.

In caso di assunzione concomitante di antibiotici l'effetto del Laxoberon può diminuire.

1 ml di gocce Laxoberon contiene 0,45 g di sorbitolo, che alla dose massima consigliata per gli adulti

e i bambini a partire dai 12 anni corrispondono a 0,6 g di sorbitolo al giorno. I pazienti che soffrono

di una rara intolleranza ereditaria al fruttosio non devono assumere le gocce Laxoberon.

Se si manifestano dei crampi nella regione addominale dovrebbe evitare delle attività potenzialmente

pericolose come guidare l'automobile o utilizzare delle macchine.

Informi il suo medico, il suo farmacista o il suo droghiere nel caso in cui soffra di altre malattie,

soffra di allergie o assuma o applichi esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua

iniziativa).

Si può assumere il Laxoberon durante la gravidanza o l’allattamento?

Per precauzione dovrebbe rinunciare nella misura del possibile ad usare medicamenti durante la

gravidanza e l'allattamento.

Solo il suo medico può decidere se il Laxoberon può essere usato in gravidanza.

Il Laxoberon si può usare durante l'allattamento.

Come usare il Laxoberon?

Salvo diversa prescrizione medica:

Adulti e bambini a partire dai 12 anni: prendere 10-20 gocce, di preferenza la sera.

Bambini da 4 a 12 anni: solo su consiglio del medico. 5-10 gocce, di preferenza la sera.

Di solito l'effetto del Laxoberon si manifesta da 6 a12 ore dopo l'assunzione. Se si prende il

Laxoberon la sera, prima di coricarsi, l'evacuazione intestinale si verifica il mattino successivo.

Una diarrea è segno di dose troppo elevata, che in tal caso si deve ridurre.

Le gocce si possono prendere con o senza liquido.

Raccomandazione generale

Si consiglia di avviare il trattamento al dosaggio più basso. Per ottenere una defecazione regolare, la

dose può essere aggiustata goccia a goccia fino alla dose massima raccomandata. Non si deve

superare la dose massima giornaliera.

Si attenga alla posologia indicata nel foglietto illustrativo o prescritta dal medico. Se ritiene che

l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico, al suo farmacista o

al suo droghiere.

Quali effetti collaterali può avere il Laxoberon?

In seguito all'assunzione del Laxoberon possono manifestarsi i seguenti effetti collaterali:

Dopo l'assunzione del Laxoberon molto frequentemente può verificarsi diarrea e frequentemente

fenomeni sgradevoli quali flatulenze e dolori di ventre. Occasionalmente possono manifestarsi anche

nausea, vomito o vertigini. In casi isolati può verificarsi un collasso circolatorio. Sporadicamente

sono state riferite delle reazioni di ipersensibilità, comprese reazioni a livello della pelle ed edema

angioneurotico (rapido gonfiore della pelle e delle mucose, p.es. alle labbra o alle palpebre).

Un uso prolungato a dosi elevate può causare una diarrea indesiderata e una perdita di potassio e di

altri sali, cui possono conseguire disturbi della funzione cardiaca e debolezza muscolare, specie se

contemporaneamente si assumono diuretici (medicamenti che aumentano l'escrezione urinaria),

ormoni della corteccia surrenale o farmaci per il cuore (digitale).

Se osserva effetti collaterali qui non descritti dovrebbe informare il suo medico, il suo farmacista o il

suo droghiere.

Di che altro occorre tener conto?

Tenere fuori della portata dei bambini.

Il medicamento non dev'essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore.

Conservare a temperatura ambiente (15-25 °C).

Il medico, il farmacista o il droghiere, che sono in possesso di documentazione professionale

dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene il Laxoberon?

1 ml (circa 15 gocce) contiene il principio attivo: 7.5 mg di sodio picosolfato monoidrato

corrispondono a 7.2 mg di sodio picosolfato anidro.

Sostanze ausiliarie: conservante: sodio benzoato (E 211); sorbitolo.

Numero dell’omologazione

37871 (Swissmedic).

Dov’è ottenibile il Laxoberon? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia dietro presentazione della prescrizione medica.

Gocce 30 ml.

Titolare dell’omologazione

sanofi-aventis (svizzera) sa, 1214 Vernier/GE.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel aprile 2015 dall'autorità competente

in materia di medicamenti (Swissmedic).