LAURILAX

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • LAURILAX
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • LAURILAX
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Dettagli prodotto:
  • 045594037 - "5 ML SOLUZIONE RETTALE" 12 CONTENITORI MONODOSE IN LDPE - autorizzato; 045594013 - "5 ML SOLUZIONE RETTALE" 4 CONTENITORI MONODOSE IN LDPE - autorizzato; 045594049 - "5 ML SOLUZIONE RETTALE" 50 CONTENITORI MONODOSE IN LDPE - autorizzato; 045594025 - "5 ML SOLUZIONE RETTALE" 6 CONTENITORI MONODOSE IN LDPE - autorizzato

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 045594
  • Ultimo aggiornamento:
  • 12-06-2018

Foglio illustrativo

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Laurilax 4,465 g / 0,45 g / 0,0645 g, soluzione rettale

Sorbitolo liquido (cristallizzabile), sodio citrato, sodio lauril solfoacetato 70%

Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti

informazioni per lei.

Usi questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o il

farmacista le hanno detto di fare.

Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista.

Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo

foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo

pochi giorni.

Contenuto di questo foglio:

Cos’è Laurilax e a cosa serve

Cosa deve sapere prima di usare Laurilax

Come usare Laurilax

Possibili effetti indesiderati

Come conservare Laurilax

Contenuto della confezione e altre informazioni

1.

Cos’è Laurilax

Categoria farmacoterapeutica: CLISTERE, codice ATC: A06AG11

Laurilax appartiene a un gruppo di medicinali chiamati lassativi. Ammorbidisce le feci e provoca il

riflesso di evacuazione (defecazione).

Laurilax è utilizzato per il trattamento della costipazione occasionale.

Questo medicinale è destinato esclusivamente all’uso negli adulti.

2.

Cosa deve sapere prima di usare Laurilax

Non usi Laurilax:

Se è allergico ai principi attivi (sorbitolo, sodio citrato, sodio lauril solfoacetato) o ad uno

qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6).

Se ha dolori addominali di cui ignora la causa.

Se sta prendendo resine a scambio cationico come calcio o sodio polistirene sulfonato (per via

orale e rettale), medicinali per il trattamento dell’iperKaliemia.

Avvertenze e precauzioni

Si rivolga al medico o al farmacista prima di usare Laurilax.

Deve informare il medico se:

Soffre di emorroidi.

Soffre di ragade anale (lesione situata nell’ano che durante l’evacuazione può provocare dolore

persistente per diverse ore).

Soffre di morbo di Crohn o di colite ulcerosa (malattie caratterizzate da un’infiammazione del

retto e dell’intestino crasso che si manifestano con sintomi quali mal di stomaco, diarrea con

Documento reso disponibile da AIFA il 29/03/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

muco o sangue e, spesso, stanchezza).

Altri medicinali e Laurilax

Informi il medico o il farmacista se sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi

altro medicinale.

Non usi Laurilax unitamente a calcio o sodio polistirene sulfonato (per via orale erettale).

Non usi altri farmaci per via rettale in concomitanza con Laurilax, in quanto potrebbero essere

espulsi dal tratto gastrointestinale e non assorbiti.

Gravidanza, allattamento e fertilità

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza o se sta allattando con

latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di usare questo medicinale.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

Questo medicinale non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare

macchinari.

Laurilax contiene acido sorbico, glicerolo e acqua depurata.

3.

Come usare Laurilax

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente le indicazioni contenute in questo foglio o le

istruzioni del medico o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

Posologia:

La dose raccomandata è 1 tubo con erogatore al giorno.

Modo di somministrazione

Questo medicinale viene usato per via rettale. Non è necessario sdraiarsi per somministrare questo

medicinale o attendere che faccia effetto.

Questo medicinale agisce solitamente da 5 a20 minuti.

Se rimane sdraiato per molto tempo, potrebbe essere necessario un tempo più lungo (più di un’ora).

2. Lubrificare la punta dell’applicatore con la goccia fuoriuscita.

3. Inserire la punta dell’ applicatore nel retto

4. Premere il tubo per farne fuoriuscire l’intero contenuto.

5. Estrarre la punta dell’applicatore sempre tenendo premuto il tubo.

Documento reso disponibile da AIFA il 29/03/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Durata del trattamento

Non usi questo medicinale per più di qualche giorno senza consultare il medico.

4.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le

persone li manifestino.

Sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati con frequenza non nota:

Dolore addominale

Fastidio anorettale

Feci liquide

Reazioni da ipersensibilità (orticaria)

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si

rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente

tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-

reazioni-avverse.

Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori

informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

5.

Come conservare Laurilax

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione. La data di

scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese.

Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come

eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

6.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene Laurilax

I principi attivi sono:

Sorbitolo, liquido (cristallizzabile) ..........................................................................4,4650 g

Sodio citrato ...........................................................................................................0,4500 g

Sodio lauril solfoacetato 70% ................................................................................0,0645 g

per 5 ml di soluzione rettale

Gli altri componenti sono acido sorbico, glicerolo e acqua depurata.

Descrizione dell’aspetto di Laurilax, soluzione rettale e contenuto della confezione

Questo medicinale si presenta sotto forma di soluzione rettale.

La soluzione rettale è una soluzione incolore e viscosa contenente piccole bolle d’aria e contenuta in

un contenitore monodose.

Confezioni da 4, 6, 12 o 50 contenitori monodose.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Carlo Erba OTC S.r.l. – Via Ardeatina Km 23,500-00071 Santa Palomba Pomezia (Roma).

Documento reso disponibile da AIFA il 29/03/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Produttore

Famar orleans

5, Avenue De Concyr

45071 Orleans Cedex 2

Francia

Questo medicinale è autorizzato negli Stati membri dell'EEA con i seguenti nomi:

Francia

Sorbitol / Citrate de sodium / Laurilsulfoacétate de sodium Johnson

& Johnson

Bulgaria

Microlax

Cipro

Microlax

Croazia

Microlax

Grecia

Microlax

Ungheria

Microlax végbéloldat

Polonia

Microlax

Romania

Microlax

Slovakia

Microlax

Slovenia

Microlax

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato

INFORMAZIONI SULLA COSTIPAZIONE

Cosa c’è da sapere

La costipazione è definita come la riduzione della frequenza della defecazione a meno di 3 volte a

settimana.

Questa definizione non è una regola assoluta. Infatti, la durata consueta del transito (passaggio del

cibo attraverso l’intestino) e, quindi, la frequenza della defecazione variano notevolmente da una

persona all’altra. Di conseguenza, è importante tener conto della sensazione di malessere o dei

problemi associati a questo rallentamento del transito.

Nel caso della costipazione , si può avvertire fastidio all’addome (pancia). Andare di corpo può

essere difficile e persino doloroso. L’espulsione delle feci sembra incompleta. Le feci sono dure e

poco abbondanti. Possono verificarsi crampi o gonfiori.

La costipazione occasionale è di solito dovuta a un cambiamento nelle abitudini quotidiane (viaggi

all’estero, modifica della dieta, stress, ecc.) o al "frenarsi".

Le abitudini alimentari e lo stile di vita (inattività fisica) possono causare anche uno squilibrio nella

funzione intestinale, che può portare a stitichezza per un periodo di tempo più lungo (costipazione

cronica).

Altre situazioni che possono causare costipazione sono: alcuni farmaci (alcuni antidolorifici,

antidepressivi, antitussivi, antiacidi a base di alluminio); nelle donne: determinati periodi del ciclo

mestruale, gravidanza o menopausa.

Che cosa può fare

Episodi di costipazione isolati, anche se spiacevoli,sono irrilevanti.

Nella maggior parte dei casi alcuni semplici consigli relativi allo stile di vita consentono di agevolare

Documento reso disponibile da AIFA il 29/03/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

il transito intestinale e l’espulsione delle feci:

Mangi verdure verdi ad alto contenuto di fibre e frutta fresca, che agevolano il transito.

Può anche mangiare gradualmente e senza esagerare pane o biscotti con crusca o cereali

integrali.

Eviti cibi troppo grassi e troppo dolci.

Beva a sufficienza e regolarmente durante il giorno (almeno 1,5 litri/giorno): beva a volontà

acqua, succhi di frutta e zuppe.

Vada al bagno ad un’ora fissa (di solito 30-60 minuti dopo i pasti) senza fare uno sforzo

eccessivo per "spingere". Il suo organismo si abituerà ad un programma regolare. È anche

importante che si prenda il tempo necessario.

Non dimentichi di fare ginnastica ed esercizio fisico come camminare; sono ottimi modi per

combattere la costipazione.

Documento reso disponibile da AIFA il 29/03/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).