Kenacort

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Kenacort Tabletten
  • Forma farmaceutica:
  • Tabletten
  • Composizione:
  • triamcinolonum 4 mg, excipiens pro compresso.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Kenacort Tabletten
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • Glucocorticoidi-Therapie

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 24206
  • Data dell'autorizzazione:
  • 07-01-1959
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Kenacort® compresse

Dermapharm AG

Che cos'è Kenacort e quando si usa?

I corticosteroidi sono ormoni che vengono prodotti nell' organismo a livello della corteccia della

ghiandola surrenale. Questi principi attivi influenzano processi organici vitali, come ad esempio il

bilancio idroelettrolitico ed il ricambio minerale e giocano un ruolo importante nell'adattamento

dell'organismo alle situazioni di stress. Indipendentemente dalla malattia di base essi presentano

un'azione antiinfiammatoria ed iposensibilizzante.

Kenacort compresse contiene il principio attivo triamcinolone, un corticosteroide che presenta una

modesta influenza sul bilancio idrico e minerale dell'organismo.

Kenacort compresse viene utilizzato per la terapia delle seguenti patologie sotto continuo controllo e

prescrizione del medico:

Nelle malattie reumatiche come trattamento collaterale temporaneo durante un attacco acuto, negli

aggravamenti o, in casi particolari, come terapia cronica a basso dosaggio, nella pollartrite cronica,

nelle artrosi e nelle malattie reumatiche. Nelle allergie gravi o negli stati allergici che sono refrattari

alle normali terapie farmacologiche come l'asma bronchiale, malattie cutanee o seriche di natura

allergica, reazioni di ipersensibilità nei confronti di farmaci o riniti stagionali o croniche (raffreddore

da fieno). Come terapia collaterale in determinate malattie polmonari come fibrosi polmonare od

enfisema cronico associato a bronchite. Come terapia collaterale in determinate malattie del sangue

come ad esempio particolari forme di anemia. Come terapia collaterale in alcune forme tumorali

maligne dei globuli bianchi (particolari forme di leucemia) e di alcuni organi (ad esempio linfomi).

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Per poter ridurre il più possibile gli effetti indesiderati nei trattamenti prolungati e ad elevata

posologia con Kenacort e per prevenire un eventuale maggior consumo di proteine si dovrebbero

osservare le seguenti precauzioni: evitare il sovrappeso (controllare giornalmente il proprio peso

mediante il controllo delle calorie assunte); ridurre il sale e lo zucchero; provvedere ad

un'alimentazione ricca in potassio (frutta e verdura, in particolare albicocche e banane); sufficiente

introduzione alimentare di calcio (latte, latticini) e di proteine (carne, pesce, uova, latticini).

Quando non si può usare Kenacort?

Kenacort compresse non devono essere assunte in presenza delle seguenti situazioni o patologie:

ipersensibilità nei confronti del principio attivo triamcinolone, micosi generalizzate, infezioni

generalizzate non trattate, infezioni virali come herpes zoster, morbillo, varicella, poliomielite,

infezioni batteriche non trattate, in particolare tubercolosi polmonare ed ossea recenti; circa otto

settimane prima e due settimane dopo aver effettuato vaccinazioni con vaccini vivi (ad esempio nei

confronti della varicella o morbillo), modificazioni linfonodali dopo vaccinazione per la tubercolosi,

ulcera gastrica o duodenale, grave osteoporosi, aumentata pressione intraoculare (glaucoma),

ipertensione scarsamente controllabile con la terapia farmacologica. Il suo medico sa come

comportarsi in tali situazioni.

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione del Kenacort?

Prima di iniziare un trattamento con Kenacort si deve informare il proprio medico su tutte le malattie

pregresse o attuali. In presenza delle malattie sottoindicate è possibile assumere Kenacort soltanto in

caso di esplicita prescrizione del medico: malattie cardiocircolatorie (ipertensione arteriosa,

insufficienza cardiaca congestizia, infarto miocardico recente); malattie gastro-intestinali come

ulcera peptica, alterazioni infiammatorie della parete intestinale (colite ulcerosa) diverticolite e

diarrea cronica, tubercolosi, gravi malattie epatiche e renali, ipotiroidismo od altre malattie associate

ad alterazioni ormonali, osteoporosi di grado elevato, miastenia grave, trombosi od embolia

polmonare o degli arti inferiori, infezioni acute e croniche, alterazioni psichiche (modificazioni

dell'umore, insonnia).

Comunicare al medico se si soffre di diabete mellito, poiché durante il trattamento con Kenacort, si

può avere un'alterazione del metabolismo degli zuccheri e può divenire necessaria una nuova

posologia dei farmaci antidiabetici.

Durante il trattamento con Kenacort non si devono effettuare vaccinazioni. Il suo medico sa come

comportarsi in tali situazioni. Comunicare in ogni caso al proprio medico se ha visitato di recente

paesi tropicali.

Informare immediatamente il proprio medico se compare una malattia infettiva durante il trattamento

con Kenacort. Ciò è particolarmente importante se i bambini vengono ad ammalarsi di varicella

(negli adulti questo è raro), poiché la varicella può assumere una forma particolarmente grave in

questa circostanza. Il suo medico sa come comportarsi in tale situazione.

Nelle donne in menopausa, ma anche nei pazienti anziani di sesso maschile, il medico sorveglierà

attentamente il trattamento con Kenacort a causa dell'aumentata tendenza all'osteoporosi.

Poiché un'assunzione cronica di corticosteroidi può condurre ad una patologia oculare (glaucoma,

cataratta) il suo medico farà eseguire regolari visite oculistiche speciali durante il suddetto

trattamento.

A secondo della durata della terapia può essere osservata, nelle situazioni di stress (ad esempio prima

di interventi, nei traumi gravi o negli sforzi fisici eccessivi), una ridotta capacità di reazione (vedi

anche «Come usare Kenacort»?).

Molti altri farmaci e Kenacort possono, se assunti contemporaneamente, avere un'aumentata o ridotta

efficacia. A questi appartengono alcuni antibiotici, i farmaci che devono essere assunti per la

riduizione dei crampi a partenza cerebrale (in particolare quelli antiepilettici), per la sedazione

psichica, e quelli usati per la terapia dell'insufficienza cardiaca congestizia, il diabete mellito o nelle

alterazioni della coagulazione del sangue. Si raccomanda cautela quando si assume

contemporaneamente la «pillola», determinati farmaci antiinfiammatori, antireumatici oppure in caso

di assunzione di diuretici. Se si fa uso di anticoagulanti il medico eseguirà più frequentemente

controlli ematici adattando poi, eventualmente, la posologia.

Alcuni medicinali possono aumentare gli effetti di Kenacort e il medico potrebbe volerla tenere sotto

stretta osservazione se sta assumendo questi medicinali (compresi alcuni medicinali per il

trattamento dell’HIV: ritonavir, cobicistat).

Informare il proprio medico o il farmacista se si è affetti ad altre patologie, allergie o se si assumono

o si applicano esteriormente altri farmaci (anche da banco!).

Si può somministrare Kenacort durante la gravidanza o l'allattamento?

Durante la gravidanza, in previsione di una gravidanza o nell'allattamento si dovrebbe rinunciare per

precauzione all'uso di farmaci. I principi attivi del tipo contenuto in Kenacort oltrepassano la

placenta, si trovano nel latte materno e possono influenzare lo sviluppo di vostro figlio. Per tali

ragioni Kenacort può essere assunto in gravidanza soltanto in caso d'urgenza ed esclusivamente

dietro esplicita prescrizione del medico. Durante il trattamento con Kenacort non si deve allattare il

bambino. In caso di gravidanza presunta o accertata si deve assolutamente informare il proprio

medico prima di proseguire l'assunzione di Kenacort.

Come usare Kenacort?

La posologia di Kenacort è individualmente diversa. Essa verrà adattata dal suo medico in base al

tipo ed alla gravità della patologia in relazione ai risultati clinici. Il medico curante deve decidere se

il trattamento con Kenacort dev'essere preceduto da somministrazioni endovenose di altri farmaci

dello stesso tipo oppure se la posologia dev'essere gradualmente aumentata o ridotta nel corso del

trattamento. Inoltre il medico decide se è necessario praticare una terapia collaterale o sostituire il

farmaco con un altro dello stesso tipo del Kenacort. Dopo la scomparsa della sintomatologia la

posologia può essere gradualmente e completamente sospesa oppure si può proseguire con un

modesto dosaggio di mantenimento.

Al termine di un trattamento di lunga durata con Kenacort si può manifestare una sintomatologia da

dipendenza come febbre, stato di disagio, dolori muscolari e articolari oppure giungere anche a gravi

o vitali alterazioni che sono in relazione ad una perdita di funzionalità delle ghiandole surrenali.

Per tali ragioni una terapia prolungata con Kenacort non dev'essere mai improvvisamente interrotta,

ma gradualmente e lentamente ridotta sotto controllo medico (vedi anche «Come usare Kenacort

compresse?»).

La normale posologia di mantenimento è al massimo di 2 compresse di Kenacort giornaliere, che

dovrebbero essere assunte insieme senza masticarle con un po' d'acqua fra le ore 6 e le ore 8 di

mattina, dopo aver fatto colazione. Se il suo medico Le prescrive all'inizio della terapia una

posologia superiore è possibile assumere insieme anche 4 compresse fra le ore 6 e le ore 8 di mattina.

I dosaggi più elevati (6 o 8 compresse giornaliere) dovrebbero essere suddivisi in due

somministrazioni possibilmente identiche, al mattino ed al pomeriggio. La posologia massima

consentita il primo giorno di terapia è di 8 compresse.

Nei bambini il medico programmerà la posologia tenendo più in considerazione la gravità della

malattia che non l'èta ed il peso corporeo. Nei bambini di peso corporeo inferiore ai 27 kg vale come

guida una posologia quotidiana di 4 e al max. 12 mg Kenacort.

Poiché a seguito di una terapia prolungata con corticosteroidi la reazione dell'organismo a situazioni

gravi ed improvvise è alterata («stress», eccessivi sforzi fisici, gravi infezioni, traumi od interventi

chirurgici) il suo medico curante adatterà il dosaggio di Kenacort durante o dopo tali situazioni

possibilmente mediante un transitorio aumento del dosaggio stesso. Dopo una terapia cronica la

reazione allo sforzo è alterata per eventualmente un anno dalla sospensione della terapia. In tali

situazioni di stress è necessaria la preventiva assunzione di corticosteroidi! La procedura viene

programmata dal suo medico.

Per prevenire un'aumentata perdita di potassio ed una maggior ritenzione di sale e di liquidi, nelle

terapie croniche ad alto dosaggio con Kenacort il suo medico curante raccomanderà forse l'uso di un

sale dietetico. Lei può prevenire personalmente la perdita di potassio assumendo Kenacort con un

bicchiere di aranciata (vedi anche sezione «Di cosa inoltre bisogna tener conto durante il

trattamento?»).

Per ridurre gil effetti indesiderati più sotto citati (vedi sezione «Quali effetti indesiderati può avere

Kenacort?») il suo medico ridurrà gradualmente il più possibile il dosaggio non appena le sue

condizioni generali lo consentiranno.

Non modificare di propria iniziativa la posologia prescritta. Se Lei ritiene che il farmaco agisca

troppo blandamente o in modo troppo drastico ne parli con il proprio medico o con il farmacista.

Dopo una terapia cronica è necessario rimanere sotto controllo medico dopo la sospensione di

Kenacort in modo tale da poter riconoscere precocemente e trattare i sintomi ricomparsi.

Quali effetti collaterali può avere Kenacort?

Durante I'ingestione di Kenacort potrebbero presentarsi i seguenti effetti indesiderati:

La comparsa di manifestazioni collaterali durante un trattamento con corticosteroidi è in relazione al

dosaggio ed alla durata del trattamento stesso. In caso di uso di bassi dosaggi di Kenacort assunti per

brevi periodi sono da attendere soltanto pochi effetti indesiderati. Al contrario, negli elevati dosaggi

protratti nel tempo, possono manifestarsi effetti indesiderati tipici per questi principi: aumento

dell'appetito e della sete, raccolta di liquidi nei tessuti (edemi), alterazioni della distribuzione dei

grassi (come la faccia lunare o l'obesità di tipo mascolino), aumento di peso corporeo, sintomatologia

gastro-intestinale (come meteorismo o nausea) con il rischio di ricomparsa di ulcere gastroduodenali,

aumentata osteoporosi, cicatrizzazione delle ferite rallentata, aumentata predisposizione alle

infezioni, alterazioni della visione in ragione dell'aumentata pressione intraoculare (glaucoma) o per

la comparsa di cataratta, aumento della predisposizione alle trombosi vascolari, sensazione di

debolezza muscolare, menstruazioni irregolari, modificazione della distribuzione dei peli, impotenza.

Diversi pazienti parlano di alterazioni della cute come strie di colorito rossastro, emorragie cutanee

puntiformi, ematomi, acne, esantemi o sintomatologia di tipo vegetativo come vertigini, cefalea,

insonnia, vampate di calore o rossore del viso; altri pazienti accusano dolori dorsali o costali. In

alcuni casi possono comparire alterazioni psichiche con modificazione dell'umore e della personalità

che possono oscillare dall'euforia alla depressione ed agli stati psicotonici. Soprattutto a causa

dell'alterazione dell'umore, degli stimoli e della capacità di concentrazione possono essere

influenzati, soprattutto all'inzio della sintomatologia, la capacità di guidare autoveicoli e di utilizzare

macchine pericolose.

Nei bambini si può giungere a rallentamento della crescita. A causa di un possibile aumento della

pressione arteriosa e di un'alterazione del ricambio degli zuccheri il suo medico effettuerà regolari

controlli della pressione arteriosa e della glicemia (vedi «Quando la somministrazione del Kenacort

richiede prudenza?»). Gli effetti indesiderati scompaiono in genere gradualmente dopo la

sospensione del farmaco ad eccezione dell'osteoporosi, del glaucoma e della cataratta e del ritardo

della crescita nei bambini.

Comunicare al medico se si è presentata una qualche manifestazione patologica associata al

trattamento con Kenacort.

Questo vale in particolare per: dolori addominali intensi od aumento della circonferenza addominale,

modificazione del colore delle feci, sete intensa o impulso notevole di urinare, rapido aumento di

peso (più di 2-3 kg alla settimana), aumentata tendenza all'emorragia, dolori oculari, difficoltà

respiratorie o dolori nelle gambe. Se si manifestano effetti indesiderati non descritti in questo foglio

illustrativo bisogna informare il proprio medico o il farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Conservare le compresse nella confezione originale chiusa in un luogo non raggiungibile dai

bambini. Il farmaco può essere utilizzato fino alla data indicata con «EXP» sulla confezione. Si

possono avere ulteriori informazioni speciali dal proprio medico o dal farmacista. Queste persone

hanno a disposizione informazioni specifiche e dettagliate.

Cosa contiene Kenacort?

Principio attivo: 1 compressa Kenacort contiene 4 mg triamcinolone e sostanze ausiliari.

Numero dell'omologazione

24206 (Swissmedic).

Dov'è ottenibile Kenacort? Quali confezioni sono disponibili?

Presso le farmacie dietro presentazione di ricetta medica.

Confezioni

Kenacort: 20 compresse.

Titolare dell’omologazione

Dermapharm AG, Hünenberg.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel settembre 2017 dall'autorità

competente in materia di medicamenti (Swissmedic).