IMPETEX

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • IMPETEX
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • IMPETEX
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Area terapeutica:
  • Diflucortolone e antisettici
  • Dettagli prodotto:
  • 024383022 - "1% + 0, 1% CREMA" TUBO 30 G - autorizzato; 024383010 - CREMA 20 G - revocato; 024383034 - CREMA 40 G - revocato

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 024383
  • Ultimo aggiornamento:
  • 23-06-2017

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

IMPETEX

Clorchinaldolo + Diflucortolone

Categoria farmacoterapeutica

Corticosteroidi per uso cutaneo, associati ad antisettici.

Indicazioni

Tutte le affezioni cutanee, sia di natura infiammatoria che allergica, accompagnate da infezioni batteriche, micotiche o miste, in cui è

indicata la corticoterapia locale. Affezioni cutanee con complicanze batteriche e/o micotiche: eczema nummulare, eczema e dermatite da

contatto, eczema volgare (fase acuta e cronica), eczema seborroico, eczema varicoso (non direttamente sull'ulcera), eczema dei

bambini, eczema anale, disidrosi ed eczema disidrosico, psoriasi, microbide, eczematide.

Infezioni batteriche con intensa componente infiammatoria: piodermite, follicolite, impetigine.

Dermatomicosi da dermatofiti, lieviti e funghi levulo-simili, accompagnate da flogosi acuta o con il quadro clinico dominato da una

eczematizzazione secondaria (tinea, candidiasi, pitiriasi versicolor).

Impetex è inoltre indicato per prevenire le infezioni batteriche e/o micotiche nelle affezioni cutanee da natura infiammatoria o allergica.

Controindicazioni

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Infezioni tubercolari e virali della cute da trattare (herpes, varicella, ecc.), acne rosacea, ulcere cutanee.

Il preparato è controindicato per uso oftalmico.

Precauzioni d'impiego

L'uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso è necessario

interrompere il trattamento ed istituire una terapia adeguata.

Interazioni

Informare il medico o il farmacista se si è recentemente assunto qualsiasi altro medicinale anche quelli senza prescrizione medica.

Non sono note possibili interazioni medicamentose e incompatibilità .

Avvertenze speciali

L'applicazione percutanea di corticosteroidi nel trattamento di dermatosi estese e/o per lunghi periodi di tempo può determinare fenomeni

secondari di assorbimento sistemico (sindrome Cushing, inibizione dell'asse ipotalamo-ipofisario). Tale evenienza è più frequente nei

bambini ed in caso di bendaggio occlusivo. Nei lattanti e nei bambini di età inferiore a 4 anni si consiglia di non protrarre la terapia oltre le

3 settimane, particolarmente se le zone da trattare sono coperte da pannolini o mutandine di plastica, in quanto le pieghe cutanee e il

pannolino possono fungere da bendaggio occlusivo. Nel trattamento di affezioni croniche che richiedano terapie prolungate, qualora sia

stato raggiunto un favorevole effetto terapeutico, sarà opportuno ridurre il dosaggio e la frequenza delle applicazioni al minimo

necessario per controllare i sintomi ed evitare le recidive, sospendendo l'uso del preparato appena possibile.

Durante la terapia è necessario sorvegliare le condizioni del paziente, onde evidenziare precocemente segni e sintomi da eccesso di

steroidi (astenia, ipertensione, turbe elettrolitiche, ecc.). In tutti i casi è opportuno limitare l'uso degli steroidi topici a brevi periodi di

tempo. L'uso specie se prolungato dei prodotti per uso topico può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In tal caso è necessario

interrompere il trattamento ed istituire una terapia adeguata. L’uso prolungato del prodotto può favorire lo sviluppo di microorganismi

sensibili al chemioterapico presente nel preparato stesso. In tale evenienza devono essere adottate opportune misure terapeutiche.

In caso di applicazione al viso, evitare che il preparato venga a contatto con gli occhi. L’uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso

topico può dare origine a fenomeni

di sensibilizzazione. In tal caso occorre interrompere il trattamento ed istituire una terapia adeguata.

Gravidanza ed allattamento

Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale.

L'applicazione locale di corticosteroidi ad animali di laboratorio gravidi può indurre la comparsa di malformazioni fetali.

La trasferibilità di questo reperto alla specie umana non è dimostrata. Comunque, nei primi 3 mesi di gravidanza non devono essere

utilizzati preparati corticosteroidei topici in elevata quantità o per lungo tempo e in genere nelle donne in stato di gravidanza e nella

primissima infanzia il preparato deve essere usato soltanto in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Avvertenze sugli eccipienti:

Questo medicinale contiene alcool stearilico, che può causare reazioni cutanee locali (ad esempio dermatiti da contatto).

Dose, modo e tempo di somministrazione

Per il suo particolare eccipiente (emulsione "olio in acqua", poco grassa) Impetex è particolarmente indicato nel trattamento di lesioni

secernenti ed in zone cutanee umide, come la regione anale ed il cavo ascellare, dove è opportuno usare una base con elevato

contenuto acquoso. Impetex permette il fluire del secreto ed induce una rapida evaporazione ed essiccamento della cute. Il preparato

non lascia traccia di grasso sulla cute ed è pertanto indicato anche per l'applicazione sul viso e sulle regioni cutanee scoperte.

Salvo diversa prescrizione medica iniziare il trattamento spalmando il preparato in strato sottile 2-3 volte al giorno. Non appena il quadro

clinico sarà migliorato, è sufficiente una sola applicazione giornaliera.

Lattanti e bambini di età inferiore ai 4 anni non dovrebbero essere trattati per periodi superiori a tre settimane, specie nelle zone coperte

da pannolini.

Sovradosaggio

Non sono noti casi di sovradosaggio.

Effetti indesiderati

Arrossamento locale, edema, desquamazione, prurito come segni di ipersensibilità verso il prodotto.

Altri effetti comprendono ipertricosi, eruzione acneiformi, atrofia cutanea, ipopigmentazione, teleangiectasie, strie, fragilità vasale,

porpora e, dopo trattamenti prolungati (specie al volto), dermatiti pustolose di rimbalzo che, essendo sensibili agli steroidi, si rendono

evidenti solo al momento della sospensione della terapia. L'uso prolungato e/o ad alte dosi può indurre una sindrome da eccesso con

ipertensione arteriosa, astenia, adinamia, turbe del ritmo cardiaco, ipopotassiemia ed alcalosi metabolica.

Nei trattamenti occlusivi, si tenga presente che le pellicole usate per il bendaggio possono essere esse stesse cause di fenomeni di

sensibilizzazione.

In soggetti predisposti possono manifestarsi reazioni di ipersensibilità.

Si consiglia di consultare il medico o il farmacista in caso di comparsa di effetti indesiderati non previsti dal presente foglio illustrativo.

SCADENZA E CONSERVAZIONE

Scadenza:

Vedere la data di scadenza riportata sulla confezione

La data di scadenza si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

Attenzione: Non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza riportata sulla confezione.

I medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che

non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

TENERE IL MEDICINALE FUORI DALLA PORTATA E DALLA VISTA DEI BAMBINI

Composizione

100 g di crema contengono: clorchinaldolo 1 g; diflucortolone valerato 0,1 g.

Eccipienti: polietilenglicole monostearato, alcool stearilico, paraffina liquida, vaselina bianca, sodio

edetato, carbomero, sodio idrossido, acqua depurata.

Forma farmaceutica e contenuto

Crema, Tubo da 30 g.

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio

TEOFARMA S.r.l. – Via F.lli Cervi, 8 – 27010 Valle Salimbene (PV)

Produttore

TEOFARMA S.r.l. – Viale Certosa, 8/A – 27100 Pavia

Revisione del Foglio Illustrativo da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Marzo 2013

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).