Gyno-Tardyferon

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Gyno-Tardyferon Deposito-Confetti
  • Forma farmaceutica:
  • Deposito-Confetti
  • Composizione:
  • ferro(II) 80 mg ut ferrosi zolfo sesquihydricus, acidum folicum 0,35 mg, colore.: E 127, excipiens pro compresso obducto.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Gyno-Tardyferon Deposito-Confetti
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • Eisen - und Folsäuremangel in Schwangerschaft und Stillzeit

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 39859
  • Data dell'autorizzazione:
  • 16-07-1976
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Diverse

Informazione destinata ai pazienti

Legga attentamente il foglietto illustrativo, che contiene importanti informazioni. Questo

medicamento le è stato prescritto dal suo medico o le è stato consegnato senza prescrizione medica in

farmacia. Per ottenere il maggior beneficio, usi il medicamento conformemente al foglietto

illustrativo o segua le indicazioni del suo medico o del suo farmacista. Conservi il foglietto

illustrativo per poterlo rileggere all’occorrenza.

Informazione destinata ai pazienti

gyno-TARDYFERONâ

Che cos'è gyno-Tardyferon e quando si usa?

Il gyno-Tardyferon è un preparato di combinazione a base di ferro e di acido folico. Viene usato per

la prevenzione e il trattamento dell'anemia (causata da carenza di ferro e di acido folico) durante la

gravidanza, il puerperio e l'allattamento.

Il gyno-Tardyferon contiene come sostanza ausiliaria la cosiddetta "mucoproteosa". La

mucoproteosa fa sì che il ferro contenuto nel gyno-Tardyferon si liberi continuamente e lentamente,

per cui si ottiene una migliore tollerabilità. Grazie al rilascio ritardato si ha un influsso favorevole

anche sull'assorbimento del ferro nell'intestino.

L'assorbimento dell'acido folico avviene rapidamente e senza problemi.

In caso di lieve o cosiddetta latente carenza di ferro, cioè ancor prima che si manifesti un'anemia da

carenza di ferro, le normali riserve di ferro dell'organismo vengono utilizzate quasi completamente

per formare il pigmento rosso del sangue ("emoglobina"). Già a questo stadio l'impoverimento di

ferro può provocare dei disturbi di carattere generale, quali inappetenza e stanchezza. Una situazione

del genere si verifica spesso durante la gravidanza.

Soltanto in caso di grave carenza di ferro, cioè quando il ferro non basta più per la necessaria

formazione dell'emoglobina, si ha la cosiddetta carenza di ferro manifesta con anemia.

Una grave carenza di acido folico può provocare dei disturbi relativi alla formazione delle cellule del

sangue (globuli rossi e globuli bianchi, piastrine); tuttavia avviene raramente.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Prima di iniziare il trattamento con il gyno-Tardyferon, è necessario che il tasso troppo basso di

ferro, di acido folico e d’emoglobina nel sangue sia stato confermato dal medico mediante analisi

appropriate. Se di fatto l'anemia non è dovuta alla carenza di ferro e di acido folico, il gyno-

Tardyferon non solo è privo d’efficacia, ma può persino indurre un sovraccarico di ferro.

Quando non si può usare gyno-Tardyferon?

Il gyno-Tardyferon non deve essere somministrato in caso d'ipersensibilità a uno dei componenti del

medicamento secondo la composizione. Il gyno-Tardyferon non può essere usato in presenza di una

malattia rara caratterizzata da depositi patologici di ferro nei tessuti ("emocromatosi") e di cosiddetti

disturbi dello smaltimento del ferro (quando ad es. l'anemia è dovuta al cattivo smaltimento del

ferro), di anemia non dovuta alla carenza di ferro, ma ad es. alla carenza della vitamina B12, in caso

d’intolleranza giustificata (ad es. in presenza di gravi alterazioni infiammatorie a livello

gastrointestinale) come anche in presenza di gravi malattie del fegato e dei reni.

Durante il trattamento con gyno-Tardyferon non deve assumere alcun altro medicamento contenente

ferro o ricevere infusioni di ferro.

Il gyno-Tardyferon non dev’essere somministrato ai bambini.

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione del gyno-Tardyferon?

In presenza di malattie infiammatorie gastrointestinali, di svuotamento patologicamente ritardato

dello stomaco e di certe altre malattie del tratto gastrointestinale, i preparati di ferro vanno presi con

prudenza e solamente dopo aver consultato il medico.

L’assunzione di gyno-Tardyferon riduce l’effetto di determinati antibiotici (tetracicline e chinoloni)

come metildopa, levodopa e cabidopa (es. agenti antiparkinsoniani). Se non è possibile rinunciare ad

una contemporanea assunzione di tali medicamenti, è necessario lasciar passare 3 ore fra

l’assunzione di uno dei suddetti medicamenti e quella del gyno-Tardyferon.

Se deve assumere un medicamento che contiene un ormone tiroideo, l’intervallo fra l’assunzione di

questo medicamento e del gyno-Tardyferon deve essere di almeno 2 ore. I preparati di magnesio,

fosfato, calcio ed oro ostacolano l'assorbimento del ferro; lo stesso vale per una determinata sostanza

per abbassare il tasso dei grassi nel sangue (colestiramina) e per i medicamenti che legano l'acido

cloridrico dello stomaco (antiacidi).

L'effetto irritante dei preparati di ferro sulla mucosa dello stomaco e dell'intestino può essere

potenziato con la contemporanea assunzione di certi medicamenti antinfiammatori, come ad es.

antireumatici. Per questo motivo, tutti questi medicamenti vanno somministrati con un intervallo di

almeno 3-4 ore dal gyno-Tardyferon.

Durante l’assunzione di gyno-Tardyferon, si consiglia di rinunciare al consumo di tè nero, caffè e

uova, poiché questi riducono l’efficacia del medicamento.

L’abuso cronico di bevande alcoliche può provocare una riduzione della concentrazione dell’acido

folico nel sangue e un sovraccarico di ferro, causato dall’aumento dell’assorbimento di ferro.

I sulfamidici, gli antiepilettici ed i barbiturici ostacolano l'assorbimento dell'acido folico.

Dato il rischio di difetti di origine infiammatoria della mucosa della bocca e di alterazioni della

colorazione dei denti, i confetti ad azione ritardata non vanno succhiati, masticati o tenuti a lungo in

bocca, ma devono essere deglutiti immediatamente interi con un bicchiere d'acqua.

Questo medicamento contiene saccarosio. Se sa di avere un’intolleranza a determinati zuccheri, è

pregato di consultare il medico prima d’iniziare ad assumere gyno-Tardyferon.

Informi il suo medico o il suo farmacista nel caso in cui:

·soffre di altre malattie

·soffre di allergie o

·assume o applica esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!).

Si può somministrare il gyno-Tardyferon durante la gravidanza o l'allattamento?

Il gyno-Tardyferon viene prescritto durante la gravidanza e l’allattamento nei casi di carenza di ferro.

Prima di iniziare ad assumere gyno-Tardyferon, deve assolutamente parlarne con il suo il medico.

Come usare il gyno-Tardyferon?

I confetti ad azione ritardata si prendono prima dei pasti, senza masticarli, con un po' di liquido e non

vanno succhiati, masticati o tenuti a lungo in bocca, ma devono essere deglutiti immediatamente

interi con un bicchiere d'acqua.

Donne adulte:

Per prevenire una carenza di ferro e acido folico:

1 confetto ad azione ritardata 1 volta al giorno, la mattina, dal 4°mese di gravidanza

Per curare un’anemia leggera:

1 confetto ad azione ritardata 1 volta al giorno, la mattina

Per curare un’anemia grave:

1 confetto ad azione ritardata 2 volte al giorno, la mattina e la sera

Tuttavia il suo medico può adeguare la posologia consigliata alle sue necessità. Egli può anche

passare ad un altro medicamento per continuare il trattamento, se la carenza di ferro o quella di acido

folico sono già state eliminate prima della fine della gravidanza, del puerperio o dell'allattamento.

La durata del trattamento dipende dall'entità della carenza di ferro. La somministrazione va

continuata per circa 2 – 3 mesi dopo la scomparsa dei sintomi di carenza di ferro, per riempire anche

le scorte di ferro. La durata complessiva del trattamento non deve superare i 6 mesi.

Se inavvertitamente viene assunta una dose nettamente eccessiva, si possono manifestare episodi

d’intossicazione da ferro. Questi iniziano con nausea, dolori di stomaco, vomito di contenuto gastrico

nerastro ("fondo di caffè") e diarrea. Dopo un po' di tempo possono avvertirsi polso accelerato,

vertigini, difficoltà di respirazione e colorazione blu delle labbra e della faccia, in casi gravi respiro

irregolare, convulsioni ed eventi di paralisi.

Il vomito provocato contribuisce ad eliminare un eccesso di ferro ingerito da poco. Come antidoto si

consigliano uova crude e latte. In ogni caso d’intossicazione è necessaria una rapida cura medica.

Benché il medicamento gyno-Tardyferon non sia destinato ai bambini, ricordiamo che essi sono

notevolmente più sensibili degli adulti ad un sovradosaggio di ferro. Una dose complessiva di circa

0,5 g di ferro (= 6 confetti di gyno-Tardyferon) può già mettere in pericolo la vita dei bambini

piccoli.

In quanto alla quantità di acido folico contenuta nel gyno-Tardyferon, un sovradosaggio tramite esso

è molto improbabile.

Si attenga alla posologia indicata nel foglietto informativo o prescritta dal suo medico. Se ritiene che

l’azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

Quali effetti collaterali può avere il gyno-Tardyferon?

In seguito all’assunzione di gyno-Tardyferon possono comparire i seguenti effetti collaterali:

Comuni: nausea, sensazione di pienezza, mal di stomaco, diarrea e stipsi.

Occasionali: feci di colore scuro, infiammazione della mucosa dello stomaco (gastrite), disturbi

epigastrici (dispepsia), vomito, infiammazione del laringe, prurito, eruzione cutanea con

arrossamento.

Frequenza non nota: alterazioni reversibili della colorazione dei denti, difetti di origine

infiammatoria della mucosa della bocca (in caso di uso non corretto), reazioni di ipersensibilità e

orticaria.

Se si manifestano questi effetti collaterali, informare immediatamente il medico.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti, dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Visto che già la confezione più piccola di Tardyferon (30 confetti ad azione ritardata) contiene una

dose complessiva di ferro che, presa in una volta sola, soprattutto da bambini piccoli, può provocare

un’intossicazione che mette in pericolo la loro vita, questo medicamento deve assolutamente essere

tenuto fuori dalla portata dei bambini.

Conservare a temperatura ambiente (15-25 °C).

Il medicamento non dev’essere utilizzato oltre la data indicata con "EXP" sul contenitore.

Per l’eliminazione di medicamenti che non prende più o di cui la data di scadenza è già trascorsa, si

consiglia di riportarli in farmacia.

Il medico o il farmacista, che sono in possesso di un’informazione professionale dettagliata, possono

darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene il gyno-Tardyferon?

1 confetto ad azione ritardata contiene:

Principio attivo: 80 mg di ferro bivalente sotto forma di ferroso solfato (II), 0,35 mg di acido folico.

Sostanze ausiliarie: mucoproteosa, saccarosio, il colorante eritrosina (E127) ed altre sostanze

ausiliarie. La sostanza ausiliaria mucoproteosa è di origine animale.

Numero dell’omologazione

39’859 (Swissmedic)

Dov’è ottenibile il gyno-Tardyferon? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia, senza prescrizione medica.

Confezioni da 30 e 100 confetti ad azione ritardata.

Titolare dell’omologazione

Pierre Fabre Pharma SA, 4123 Allschwil

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel febbraio 2017 dall'autorità

competente in materia di medicamenti (Swissmedic).

14-12-2018

Analysis of hunting statistics collection frameworks for wild boar across Europe and proposals for improving the harmonisation of data collection

Analysis of hunting statistics collection frameworks for wild boar across Europe and proposals for improving the harmonisation of data collection

Published on: Thu, 13 Dec 2018 Heterogeneities in the wild boar data collection frameworks across Europe were analysed using questionnaires to explore comparability of hunting data in the short term and propose a common framework for future collection. Fifty‐seven respondents representing 32 countries covering more than 95% of European territory participated to the questionnaire. The most frequently recorded information in the official statistics included the quantity of animals shot per hunting ground ...

Europe - EFSA - European Food Safety Authority Publications

18-10-2018

Flushmate recalls Flushmate II 501-B Pressure-Assisted Flushing Systems

Flushmate recalls Flushmate II 501-B Pressure-Assisted Flushing Systems

The Flushmate II 501-B system can burst at or near the vessel weld seam releasing stored pressure. This pressure can lift the tank lid and shatter the tank, posing impact and laceration hazards to consumers and property damage.

Health Canada

27-9-2018

Outcome of the consultation on confirmatory data used in risk assessment for the active substance  copper (I), copper (II) variants

Outcome of the consultation on confirmatory data used in risk assessment for the active substance copper (I), copper (II) variants

Published on: Wed, 26 Sep 2018 00:00:00 +0200 The European Food Safety Authority (EFSA) was asked by the European Commission to provide scientific assistance with respect to the risk assessment for an active substance in light of confirmatory data requested following the first approval in accordance with Article 6(1) of Directive 91/414/EEC and Article 6(f) of Regulation (EC) No 1107/2009. In this context EFSA's scientific views on the specific points raised during the commenting phase conducted with Me...

Europe - EFSA - European Food Safety Authority Publications

3-6-2010

Consultation responses on the Reimbursement Committee’s recommendation concerning the reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors)

Consultation responses on the Reimbursement Committee’s recommendation concerning the reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors)

The Reimbursement Committee’s recommendation concerning the future reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors) was open for consultation until 7 May 2010.

Danish Medicines Agency

31-3-2010

Consultation on the Reimbursement Committee's recommendation concerning the reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors)

Consultation on the Reimbursement Committee's recommendation concerning the reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors)

At the Danish Medicines Agency's request, the Reimbursement Committee has reassessed the reimbursement status of medicinal products in ATC groups C09C, C09D and C09X (angiotensin II antagonists and renin inhibitors).

Danish Medicines Agency

14-9-2018

#FDA MQSA: Mammography Facility Adverse Event and Action Report - September 13, 2018: Lakes Radiology II, Inc. Read the report here:  http://go.usa.gov/xPgTB  #MedicalDevice

#FDA MQSA: Mammography Facility Adverse Event and Action Report - September 13, 2018: Lakes Radiology II, Inc. Read the report here: http://go.usa.gov/xPgTB  #MedicalDevice

#FDA MQSA: Mammography Facility Adverse Event and Action Report - September 13, 2018: Lakes Radiology II, Inc. Read the report here: http://go.usa.gov/xPgTB  #MedicalDevice

FDA - U.S. Food and Drug Administration

25-5-2018

Dirigenti di II Fascia - aggiornamento sezione

Dirigenti di II Fascia - aggiornamento sezione

L'Agenzia Italiana del Farmaco, ai sensi del d.lgs. 33/2013, rende disponibili aggiornamenti della sezione "Dirigenti di II Fascia".

Italia - AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco