GINETANTUM

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • GINETANTUM
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • GINETANTUM
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Area terapeutica:
  • Benzidamina, Preparati antinfiammatori per somministrazione vaginale
  • Dettagli prodotto:
  • 023399037 - "0, 1% SOLUZIONE VAGINALE" 1 FLACONE DA 140 ML - autorizzato; 023399049 - "0, 1% SOLUZIONE VAGINALE" 5 FLACONI DA 140 ML - autorizzato; 023399064 - "0, 5% CREMA VAGINALE" TUBO 30 G + 6 APPLICATORI - revocato; 023399013 - "500 MG GRANULATO PER SOLUZIONE CUTANEA PER GENITALI ESTERNI" 10 BUSTINE - autorizzato; 023399025 - "500 MG/ 10 ML CONCENTRATO PER SOLUZIONE CUTANEA PER GENITALI ESTERNI" 10 FLACONCINI DA 10 ML - autorizzato; 023399052 - CREMA GINECOL.6 APPL.MONOD.4 G - revocato

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 023399
  • Ultimo aggiornamento:
  • 23-06-2017

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore

GINETANTUM 0,1% soluzione vaginale

Benzidamina cloridrato

Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti

informazioni per lei.

Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le

ha detto di fare.

Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista.

Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga

al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni di

trattamento.

Contenuto di questo foglio:

Che cos’è Ginetantum e a che cosa serve

Cosa deve sapere prima di prendere Ginetantum

Come prendere Ginetantum

Possibili effetti indesiderati

Come conservare Ginetantum

Contenuto della confezione e altre informazioni

1.

Che cosa è Ginetantum e a che cosa serve

Ginetantum contiene il principio attivo benzidamina cloridrato, un antinfiammatorio non steroideo.

Ginetantum si usa per:

il trattamento locale dell’infiammazione della vulva e della vagina (ad es. vulvovaginiti) di qualsiasi

origine e natura, caratterizzate da piccole perdite vaginali, prurito, irritazione, bruciore e dolore,

l’igiene intima nel periodo dopo il parto (puerperio).

Se non osserva risultati apprezzabili dopo 7 giorni di trattamento, si rivolga al medico.

2.

Cosa deve sapere prima di prendere Ginetantum

Non prenda Ginetantum

se è allergico alla benzidamina o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al

paragrafo 6)

se è allergico a sostanze simili alla benzidamina.

Avvertenze e precauzioni

Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Ginetantum.

In caso di sanguinamento vaginale e/o di perdite biancastre dalla vagina (leucorrea) non usi Ginetantum senza

aver prima consultato il medico.

L’uso di Ginetantum, specie se prolungato, potrebbe dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione (reazioni

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

allergiche). In tal caso interrompa il trattamento e consulti il medico per iniziare una idonea terapia (vedere

paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”).

Ginetantum deve essere usato solo per irrigazioni vaginali e non deve essere ingerito (vedere paragrafo “Se

prende più Ginetantum di quanto deve").

Altri medicinali e Ginetantum

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro

medicinale.

Non sono state osservate interazioni negative tra Ginetantum e altri farmaci impiegati comunemente nella terapia

pertinente.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno

chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale.

Ginetantum può essere usato in gravidanza o durante l’allattamento.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

L’uso di Ginetantum non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

Ginetantum contiene belzalconio cloruro che è irritante e può causare reazioni locali a livello della cute.

3.

Come prendere Ginetantum

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico

o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

La dose raccomandata è 1-2 irrigazioni vaginali al giorno, per sette giorni consecutivi.

Attenzione: non superi le dosi indicate senza il consiglio del medico.

La soluzione può essere utilizzata a temperatura ambiente. Se vuole intiepidire la soluzione, esponga il flacone

chiuso ad un getto d’acqua calda per pochi minuti.

Per aprire il flacone, tenga fermo l’anello zigrinato e ruoti il cappuccio per rompere il sigillo di sicurezza,

come illustrato nella figura qui di seguito:

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Estragga la cannula fino ad avvertire lo scatto, come illustrato nella figura qui di seguito. La cannula resta

attaccata al flacone e pertanto solo l’estrazione completa consente la fuoriuscita del liquido.

Introduca delicatamente la cannula in vagina e comprima il flacone fino a svuotarlo. Lo svuotamento può

essere graduale e regolato secondo le necessità, in quanto un’apposita valvola impedisce alla soluzione di

fluire di nuovo nel flacone. Esegua l’irrigazione stando possibilmente distesa. Il liquido va trattenuto in

vagina per alcuni minuti.

Non usi Ginetantum per più di 7 giorni.

Si rivolga al medico se il disturbo persiste oltre sette giorni, se si presenta ripetutamente o se nota un qualsiasi

cambiamento recente delle sue caratteristiche.

Se prende più Ginetantum di quanto deve

Ginetantum deve essere usato solo per irrigazioni vaginali. Con l’uso corretto del medicinale non sono stati

riportati casi di sovradosaggio.

Ginetantum non deve essere ingerito. Seingerisce accidentalmente il medicinale, consulti immediatamente il suo

medico o il farmacista.

Se dimentica di prendere Ginetantum

Non usi una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

Se interrompe il trattamento con Ginetantum

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

4.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li

manifestino.

Durante l’assunzione di Ginetantum si può osservare occasionalmente, specie con l’uso prolungato, irritazione

cutanea. In questo caso si rivolga immediatamente al medico.

Segnalazione degli effetti indesiderati

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico

o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di

segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo

medicinale.

5.

Come conservare Ginetantum

Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola. La data di scadenza si riferisce

all’ultimo giorno di quel mese.

Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i

medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

6.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene Ginetantum

il principio attivo è: benzidamina cloridrato (100 ml di soluzione contengono 100 mg di benzidamina

cloridrato pari a 89,46 mg di benzidamina)

gli altri componenti sono: benzalconio cloruro (vedere paragrafo Ginetantum contiene benzalconio

cloruro), disodio edetato, profumo di rosa base e acqua depurata.

Descrizione dell’aspetto di Ginetantum e contenuto della confezione

Ginetantum si presenta sotto forma di soluzione per uso vaginale, in flaconi da 140 ml muniti di cannula.

Ogni confezione contiene 1 o 5 flaconi da 140 ml.

E’ possibile che non tutte le confezioni siano in commercio.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - A.C.R.A.F. S.p.A.

Viale Amelia 70,

00181 Roma

Produttore

A.C.R.A.F. S.p.A.,

Via Vecchia del Pinocchio, 22

60131 Ancona

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato a

N

OTE

D

I

E

DUCAZIONE

S

ANITARIA

Le infiammazioni che colpiscono le parti più basse dell’apparato genitale femminile sono generalmente definite

con i termini vulvite (infiammazione della vulva) o vulvovaginite (infiammazione della vulva e della vagina).

La vulvite può essere causata da varie condizioni: la trasmissione di infezioni per via sessuale o più

frequentemente la scarsa igiene. Per evitare la comparsa di vulvite, quindi, è bene mantenere costantemente

un’adeguata igiene dei genitali esterni.

La vulvite, accompagnata da perdite vaginali abbondanti di colore biancastro e/o maleodoranti o la ricomparsa

frequente di vari episodi di vulvite richiedono l’intervento del medico.

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore

GINETANTUM 500 mg granulato per soluzione cutanea per genitali esterni

GINETANTUM 500 mg/10 ml concentrato per soluzione cutanea per genitali esterni

Benzidamina cloridrato

Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene importanti

informazioni per lei.

Prenda questo medicinale sempre come esattamente descritto in questo foglio o come il medico o farmacista le

ha detto di fare.

Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

Se desidera maggiori informazioni o consigli, si rivolga al farmacista.

Se si manifesta uno qualsiasi degli effetti indesiderati, tra cui effetti non elencati in questo foglio, si rivolga

al medico o al farmacista. Vedere paragrafo 4.

Si rivolga al medico se non nota miglioramenti o se nota un peggioramento dei sintomi dopo 7 giorni di

trattamento.

Contenuto di questo foglio:

Che cos’è Ginetantum e a che cosa serve

Cosa deve sapere prima di prendere Ginetantum

Come prendere Ginetantum

Possibili effetti indesiderati

Come conservare Ginetantum

Contenuto della confezione e altre informazioni

1.

Che cos’è Ginetantum e a che cosa serve

Ginetantum contiene il principio attivo benzidamina cloridrato, un antinfiammatorio non steroideo.

Ginetantum si usa per:

il trattamento locale dei genitali esterni, in caso di infiammazione della vulva e della vagina (ad es.

vulvovaginiti) di qualsiasi origine e natura caratterizzate da piccole perdite vaginali, prurito, irritazione,

bruciore e dolore,

l’igiene intima nel periodo dopo il parto (puerperio).

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Se non osserva risultati apprezzabili dopo 7 giorni di trattamento, si rivolga al medico.

2.

Cosa deve sapere prima di prendere Ginetantum

Non prenda Ginetantum

se è allergico alla benzidamina o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al

paragrafo 6).

Avvertenze e precauzioni

Si rivolga al medico o al farmacista prima di prendere Ginetantum.

In caso di sanguinamento vaginale e/o di perdite biancastre dalla vagina (leucorrea) non usi Ginetantum senza

aver prima consultato il medico.

Ginetantum deve essere impiegato localmente per il lavaggio dei genitali esterni. NON INGERIRE (vedere

paragrafo “Se prende più Ginetantum di quanto deve").

L’uso di Ginetantum, specie se prolungato, potrebbe dar luogo a fenomeni di sensibilizzazione (reazioni

allergiche) In tal caso interrompa il trattamento e consulti il medico per iniziare una idonea terapia (vedere

paragrafo 4 “Possibili effetti indesiderati”).

Altri medicinali e Ginetantum

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro

medicinale.

Non sono note interazioni con altri medicinali.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno

chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale.

Ginetantum può essere usato in gravidanza o durante l’allattamento.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

L’uso di Ginetantum non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.

3.

Come prendere Ginetantum

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente quanto riportato in questo foglio o le istruzioni del medico

o del farmacista. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista.

La dose raccomandata è 1-2 lavaggi dei genitali esterni al giorno, per 7 giorni consecutivi.

Non superi le dosi indicate senza il consiglio del medico.

Sciolga il contenuto di 1-2 bustine o di 1-2 flaconcini in 1 litro di acqua da utilizzare per il lavaggio dei genitali

esterni.

Non usi Ginetantum per più di 7 giorni.

Si rivolga al medico se il disturbo persiste oltre 7 giorni, se si presenta ripetutamente o se nota un qualsiasi

cambiamento recente delle sue caratteristiche.

Se prende più Ginetantum di quanto deve

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Ginetantum deve essere usato solo per il lavaggio dei genitali esterni. Con l’uso corretto del medicinale non sono

stati riportati casi di sovradosaggio.

Ginetantum non deve essere ingerito. Se ingerisce accidentalmente il medicinale, consulti immediatamente il suo

medico o il farmacista.

Se dimentica di prendere Ginetantum

Non usi una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose.

Se interrompe il trattamento con Ginetantum

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o al farmacista.

4.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li

manifestino.

Durante l’assunzione di Ginetantum si può osservare occasionalmente, specie con l’uso prolungato, irritazione

cutanea. In questo caso si rivolga immediatamente al medico.:

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico

o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di

segnalazione all’indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo

medicinale.

5.

Come conservare Ginetantum

Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola. La data di scadenza si riferisce

all’ultimo giorno di quel mese.

Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i

medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

6.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene Ginetantum

Granulato per soluzione cutanea per genitali esterni

il principio attivo è: benzidamina cloridrato (ogni bustina contiene 500 mg di benzidamina cloridrato

pari a 447,3 mg di benzidamina)

gli altri componenti sono: trimetilcetilammonio-p-toluensulfonato, sodio cloruro, povidone.

Concentrato per soluzione cutanea per genitali esterni

il principio attivo è: benzidamina cloridrato (ogni flaconcino contiene 500 mg di benzidamina cloridrato

pari a 447,3 mg di benzidamina)

gli altri componenti sono: trimetilcetilammonio-p-toluensulfonato, profumo di rosa base, acqua

depurata.

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Descrizione dell’aspetto di Ginetantum e contenuto della confezione

Granulato per soluzione cutanea per genitali esterni

Si presenta sotto forma di granulato da sciogliere in acqua per uso locale per i genitali esterni.

Il granulato è contenuto in bustine. Ogni confezione contiene 10 bustine.

Concentrato per soluzione cutanea per genitali esterni

Si presenta sotto forma di soluzione da sciogliere in acqua per uso locale per i genitali esterni.

La soluzione è contenuta in flaconcini di vetro ambrato da 10 ml. Ogni confezione contiene 10 flaconcini.

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Aziende Chimiche Riunite Angelini Francesco - A.C.R.A.F. S.p.A.

Viale Amelia, 70 - 00181 Roma

Produttore

Granulato per soluzione cutanea per genitali esterni

A.C.R.A.F. S.p.A., Via Vecchia del Pinocchio, 22 - 60131 Ancona

FINE FOODS NTM S.p.A. – Brembate (BG)

Concentrato per soluzione cutanea per genitali esterni

A.C.R.A.F. S.p.A., Via Vecchia del Pinocchio, 22 - 60131 Ancona

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il

N

OTE

D

I

E

DUCAZIONE

S

ANITARIA

Le infiammazioni che colpiscono le parti più basse dell’apparato genitale femminile sono generalmente definite

con i termini vulvite (infiammazione della vulva) o vulvovaginite (infiammazione della vulva e della vagina).

La vulvite può essere causata da varie condizioni: la trasmissione di infezioni per via sessuale o più

frequentemente la scarsa igiene. Per evitare la comparsa di vulvite, quindi, è bene mantenere costantemente

un’adeguata igiene dei genitali esterni.

La vulvite, accompagnata da perdite vaginali abbondanti di colore biancastro e/o maleodoranti o la ricomparsa

frequente di vari episodi di vulvite richiedono l’intervento del medico.

Documento reso disponibile da AIFA il 01/03/2017

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).