GASTROGRAFIN

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • GASTROGRAFIN
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • GASTROGRAFIN
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Area terapeutica:
  • Acido diatrizoico
  • Dettagli prodotto:
  • 023085020 - "370 MG IODIO/ ML SOLUZIONE GASTROENTERICA" FLACONE 100 ML - autorizzato; 023085018 - FLACONE ORALE 100 ML - revocato

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 023085
  • Ultimo aggiornamento:
  • 23-06-2017

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE

Foglio illustrativo: informazioni per l’utilizzatore

Gastrografin 370 mg iodio/ml soluzione gastroenterica

sodio amidotrizoato + meglumina amidotrizoato

Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché contiene importanti

informazioni per lei.

Conservi questo foglio. Potrebbe aver bisogno di leggerlo di nuovo.

Se ha qualsiasi dubbio, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere.

Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si

rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Vedere paragrafo 4.

Contenuto di questo foglio:

Che cos’è Gastrografin e a cosa serve

Cosa deve sapere prima di usare Gastrografin

Come usare Gastrografin

Possibili effetti indesiderati

Come conservare Gastrografin

Contenuto della confezione e altre informazioni

1.

Che cos’è Gastrografin e a cosa serve

Gastrografin

appartiene alla categoria dei mezzi di contrasto radiologici idrosolubili,

nefrotropici, ad alta osmolarità.

Questo medicinale è solo per uso diagnostico, per somministrazione orale o rettale.

Gastrografin è un mezzo di contrasto radiografico per la visualizzazione del tratto gastrointestinale

(anche in associazione con solfato di bario)? L'uso di Gastrografin è principalmente indicato quando

l'impiego del solfato di bario è inadeguato o controindicato, oppure quando i risultati con esso

ottenibili sono insoddisfacenti.

In particolare, Gastrografin è impiegato nei seguenti casi:

se si sospetta una stenosi parziale o totale (restringimento a livello dell’apparato digerente);

se presenta emorragie acute;

se presenta pericolo di perforazione (ulcera peptica, diverticoli);

se è affetto da altri stati acuti, che con molta probabilità rendono necessario un intervento

chirurgico;

se presenta disturbi a seguito di intervento allo stomaco o all'intestino (pericolo di perforazione

o apertura delle suture);

se soffre di megacolon (dilatazione dell’ultimo tratto dell’intestino);

per la visualizzazione di corpi estranei o di tumori prima dell'endoscopia;

per la visualizzazione di fistole (collegamenti fra organi o parti di organo normalmente non

comunicanti) gastrointestinali.

Oltre che in questi casi, Gastrografin può naturalmente essere usato in tutte le indicazioni del solfato di

bario.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 1 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

In associazione con il solfato di bario, Gastrografin consente un notevole miglioramento, da un punto

di vista sia diagnostico che organizzativo, dell'esame di routine del transito gastrointestinale.

Gastrografin non è adatto unicamente nella diagnostica delle enteriti (infiammazioni dell’intestino).

2.

Cosa deve sapere prima di usare Gastrografin

Non usi Gastrografin

se è allergico al sodio amidotrizoato o al meglumina amidotrizoato, ai mezzi di contrasto iodati o

ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6);

in presenza di paraproteinemie di Waldenström o mieloma multiplo (malattie caratterizzate dalla

presenza nel sangue di proteine anomale);

in gravi stati di insufficienza epatica o renale (grave riduzione della funzionalità del fegato o dei

reni).

Avvertenze e precauzioni

Si rivolga al medico o all’infermiere prima di usare Gastrografin.

Il rischio di reazioni anafilattoidi/allergiche è più elevato nei seguenti casi:

se ha precedenti di disturbi allergici,

se ha una storia di asma bronchiale,

se ha avuto delle reazioni anafilattoidi/allergiche ai mezzi di contrasto iodati.

In questi casi potrà essere preso in considerazione il pretrattamento con antistaminici e/o

glucocorticoidi.

IL PRETRATTAMENTO è INDICATO PER TUTTE E TRE LE CONDIZIONI, non solamente per

predisposizione allergica.

Tali rischi sono maggiori in caso di somministrazione intravascolare (direttamente nei vasi di sangue)

di mezzi di contrasto iodati, ma sono ugualmente rilevanti anche per l’uso enterale (orale o rettale) di

Gastrografin

I pazienti con disturbi cardiovascolari (malattie del cuore) sono maggiormente soggetti a esiti

gravi o persino fatali di severe reazioni anafilattoidi/allergiche.

Durante la somministrazione di mezzi di contrasto, incluso Gastrografin, potrebbe

sperimentare reazioni anafilattoidi/ allergiche o altre reazioni idiosincrasiche caratterizzate da

manifestazioni a livello cutaneo, respiratorio o cardiovascolare, fino a gravi reazioni tra cui

shock.

Sono possibili reazioni ritardate (dopo alcune ore o giorni) (vedere “Effetti indesiderati”).

Se manifesta reazioni come nausea, vomito, lieve angioedema, congiuntivite, tosse, prurito,

rinite, starnuti e orticaria avverta il medico o l’infermiere perché possono essere i primi segni

di un incipiente stato di shock. Queste reazioni, che possono verificarsi indipendentemente

dalla dose e dalla via di somministrazione,

Se si manifestano reazioni allergiche

(vedere ”Effetti indesiderati”), la somministrazione del

mezzo di contrasto dovrà essere interrotta immediatamente e – se necessario – istituita una

terapia specifica attraverso un accesso venoso. Potrà altresì essere sottoposto a trattamento

con farmaci predisposti al trattamento delle reazioni allergiche.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 2 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Disfunzione tiroidea

Se soffre o è sospetto di soffrire di ipertiroidismo (eccesso di funzionalità della ghiandola tiroidea) o

gozzo (ingrossamento della tiroide), il suo medico valuterà in modo particolare i rischi e i benefici

dell’uso di Gastrografin, in quanto i mezzi di contrasto iodati possono interferire con la funzionalità

tiroidea

aggravare

indurre

ipertiroidismo

crisi

tireotossica

(grave

complicanza

dell’ipertiroidismo).

*0 Apparato gastrointestinale

LA

RITENZIONE

PROLUNGATA

DI

GASTROGRAFIN

NEL

TRATTO

GASTROINTESTINALE (AD ESEMPIO IN PRESENZA DI OSTRUZIONE, STASI) PUÒ

CAUSARLE DANNI AI TESSUTI, SANGUINAMENTO, NECROSI (MORTE DEL TESSUTO)

E PERFORAZIONE INTESTINALE.

Bambini

Gastrografin deve essere somministrato solo diluito in pazienti con ridotto volume plasmatico, come

neonati, lattanti e bambini.

Altri medicinali e Gastrografin

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere

qualsiasi altro medicinale.

Presti particolare cautela se è in trattamento con:

Beta-bloccanti (medicinali usati contro la pressione alta del sangue o il battito del cuore

accelerato), poiché le reazioni allergiche possono essere aggravate se sta assumendo beta-

bloccanti, specialmente se soffre di asma bronchiale.

I farmaci normalmente utilizzati per il trattamento delle reazioni allergiche o simil-allergiche (cioè

i farmaci beta-agonisti) potrebbero non avere effetto se lei è in trattamento con beta bloccanti.

Interleukina-2 (medicinale che modula il sistema immunitario), poiché il precedente trattamento

(fino a parecchie settimane) con Interleukina-2 è associato ad un maggiore rischio di reazioni

ritardate a Gastrografin.

INTERFERENZA CON TEST DIAGNOSTICI - RADIOISOTOPI:

LA DIAGNOSI E LA

TERAPIA DI ALTERAZIONI TIROIDEE CON RADIOISOTOPI TIREOTROPI POSSONO

ESSERE

OSTACOLATE

FINO

A

PARECCHIE

SETTIMANE

DOPO

LA

SOMMINISTRAZIONE DI AGENTI DI CONTRASTO IODATI A CAUSA DELLA RIDOTTA

CAPTAZIONE DEI RADIOISOTOPI.

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con

latte materno chieda consiglio al medico o all’infermiere prima di usare questo medicinale.

Gravidanza

Non sono stati condotti studi adeguati e sufficientemente controllati sulle donne in stato di gravidanza.

Se è in stato di gravidanza è necessaria cautela nella somministrazione di Gastrografin Dal

momento che, dove possibile, l’esposizione alle radiazioni deve essere evitata durante la

gravidanza, il suo medico valuterà attentamente i benefici e i possibili rischi di un’indagine

diagnostica con raggi

, con o senza mezzo di contrasto.

Allattamento

Dopo l’uso intravascolare, i sali dell’acido diatrizoico vengono escreti nel latte materno. Tuttavia, alle

dosi consigliate di Gastrografin non sono attesi effetti sul lattante. È probabile che lei possa continuare

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 3 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

ad allattare al seno in sicurezza, in particolare tenendo conto del basso assorbimento enterale di

Gastrografin.

3.

Come usare Gastrografin

Usi questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico o dell’infermiere. Se ha

dubbi consulti il medico o l’infermiere.

L’uso del medicinale è riservato agli ospedali, alle cliniche, alle case di cura e agli studi

specialistici radiologici e deve essere impiegato sotto controllo medico.

Suggerimenti dietetici e idratazione

Per aumentare la validità diagnostica può essere necessario che si debba sottoporre ad una precedente

pulizia dell’intestino.

Se soffre di mieloma multiplo (tumore che colpisce il midollo osseo), diabete mellito con

complicanze ai reni, poliuria od oliguria (aumento o diminuzione della quantità di urine),

iperuricemia (aumento dell’acido urico nel sangue), se è anziano o se il farmaco viene

utilizzato in neonati, lattanti o bambini piccoli, è necessario un adeguato controllo dello stato

di idratazione, sia prima che dopo la somministrazione del mezzo di contrasto.

Le dosi raccomandate sono:

Gastrografin puro

Impiego orale

La dose va adattata secondo la sua età ed il tipo di indagine a cui si sottopone .

Adulti:

Le verranno somministrati 60 ml per l'indagine dello stomaco e fino a 100 ml per l’esame seriato del

tratto gastro-intestinale.

Anziani e pazienti debilitati

Il mezzo di contrasto le verrà somministrato dopo diluizione con acqua in proporzione 1:1.

Impiego rettale

Adulti

Il mezzo di contrasto le verrà somministrato in forma diluita con un volume di acqua 3-4 volte

superiore. Contrariamente al clisma con solfato di bario, sono sufficienti 500 ml di questa soluzione

diluita.

Gastrografin associato al solfato di bario

Adulti

Le verrà somministrata un’associazione di circa 30 ml di Gastrografin con le usuali quantità di pappa

di bario.

In caso di pilorospasmo o stenosi pilorica (spasmo o restringimento della valvola che si trova nella

parte inferiore dello stomaco), il medico potrebbe ulteriormente aumentarle la quantità di Gastrografin

nella sospensione, senza che ciò interferisca con l'intensità del contrasto. Le radiografie dello stomaco

si possono eseguire con le normali metodiche usando Gastrografin sia da solo sia in associazione con

il solfato di bario. I tempi di svuotamento dello stomaco sono identici a quelli della pappa di bario.

Il riempimento dell'intestino risulta invece accelerato. Quando Gastrografin le viene somministrato da

solo, il mezzo di contrasto generalmente giunge al retto entro 2 ore, mentre in associazione con il

solfato di bario il transito può protrarsi fino a tre ore, o più a seconda del caso .

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 4 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Il tempo più favorevole per scattare le radiografie del colon sarà il momento in cui avvertirà lo

stimolo alla defecazione, che non manca mai.

Uso nei bambini e negli adolescenti

Neonati (fino a 1 mese), lattanti (1 mese–2 anni) e bambini (2-11 anni)

E’ possibile che lattanti di età inferiore ad un anno, e soprattutto i neonati, siano soggetti a squilibri

elettrolitici e ad alterazioni della circolazione del sangue. È necessario pertanto prestare particolare

attenzione alla dose del mezzo di contrasto da somministrare, alla prestazione tecnica della procedura

radiologica e allo stato di salute del paziente.

Gastrografin puro

Impiego orale

Ai bambini a partire dai 10 anni di età, sarà somministrata una dose di Gastrografin pari a 60 ml per

l'indagine dello stomaco e fino a 100 ml per l’esame seriato del tratto gastro-intestinale.

Nei bambini al di sotto dei 10 anni , sarà somministrata una dose di Gastrografin pari a 15-30 ml come

massimo, eventualmente diluiti con acqua in proporzione 1:2; nei neonati, nei lattanti e nei bambini

gracili il mezzo di contrasto sarà diluito con acqua in proporzione 1:3.

Impiego rettale

In i bambini al disopra dei 5 anni il mezzo di contrasto sarà diluito con un volume di acqua 4-5 volte

superiore; per quelli fino ai 5 anni, invece, in proporzione 1:5.

Gastrografin associato al solfato di bario

In bambini a partire dai 10 anni di età è stata dimostrata l' ottimale associazione di una dose di circa

30 ml di Gastrografin con le usuali quantità di pappa di bario.

In bambini dai 5 ai 10 anni, sarà somministrata una dose di 10 ml di Gastrografin con la normale

quantità di pappa di bario.

Per quelli al di sotto dei 5 anni, 2-5 ml di Gastrografin per 100 ml di pappa di bario.

Se usa più Gastrografin di quanto deve

In caso di ingestione/assunzione accidentale di una dose eccessiva di G

astrografin,

avverta

immediatamente il medico o si rivolga al più vicino ospedale.

Si raccomanda di compensare disturbi del bilancio idroelettrolitico (il mantenimento dell’acqua e degli

elettroliti nell’organismo in proporzione costante) causati da sovradosaggio.

Se ha qualsiasi dubbio sull’uso di questo medicinale, si rivolga al medico o all’infermiere.

4.

Possibili effetti indesiderati

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone

li manifestino.

Gli effetti indesiderati che sperimenterà in relazione all’uso di mezzi di contrasto iodati sono

normalmente da lievi a moderati e di natura transitoria. Sono tuttavia state riportate reazioni gravi e

potenzialmente letali, in alcuni casi anche morte.

La valutazione degli effetti indesiderati è basata sui seguenti dati di frequenza:

Comune:

in 1 paziente su 100 o più

Raro:

in meno di 1 paziente su 1000

Effetti indesiderati comuni possono interessare fino a 1 persona su 10

-

vomito,

- nausea,

- diarrea.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 5 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Effetti indesiderati Rari (possono interessare fino a 1 persona su 1000)

- shock anafilattoide,

- reazione anafilattoide/allergica,

- ipertiroidismo,

- squilibrio del ricambio idrico ed elettrolitico (dei liquidi e dei sali),

- alterazioni della coscienza,

- mal di testa,

- capogiro,

- arresto cardiaco,

- tachicardia (accelerazione del battito cardiaco),

- shock (caduta della pressione e riduzione di tutte le facoltà fisiche e psichiche, causato da grave

insufficienza circolatoria),

- ipotensione (abbassamento della pressione),

- broncospasmo (spasmo dei bronchi),

- dispnea (affanno),

- aspirazione del medicinale,

- edema polmonare (acqua nei polmoni) a seguito di aspirazione,

- polmonite da aspirazione,

- perforazione intestinale,

- dolore addominale,

- formazione di vesciche a livello della bocca e delle mucose,

- necrolisi epidermica tossica (grave malattia della pelle),

- orticaria (piccole macchie sulla pelle e prurito),

- eruzione cutanea,

- prurito,

- eritema (arrossamento della pelle),

- edema facciale (gonfiore del volto),

- febbre,

- sudorazione.

Disturbi del sistema immunitario, reazione anafilattoide/allergica:

L’allergia generalizzata è rara e per lo più lieve e si manifesta in genere sotto forma di reazioni

cutanee. Non si può tuttavia escludere completamente la possibilità di una grave reazione

d’ipersensibilità (vedere “Avvertenze e precauzioni”).

Patologie gastrointestinali:

La soluzione ipertonica di Gastrografin può provocarle diarrea che scompare però non appena il suo

intestino si sarà svuotato. Se al momento della somministrazione soffre di colite o enterite, queste

possono transitoriamente aggravarsi. In caso di ostruzione, il contatto prolungato con la mucosa

intestinale può causare erosioni e necrosi intestinale (la distruzione e la morte del tessuto

dell’intestino) (vedere “Avvertenze e precauzioni”).

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga

al medico, al farmacista o all’infermiere. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente

tramite il sistema nazionale di segnalazione http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 6 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di

questo medicinale.

5.

Come conservare Gastrografin

Tenere questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sul flacone dopo “Scadenza”. La

data di scadenza si riferisce all’ultimo giorno di quel mese. La data di scadenza si riferisce al prodotto

in confezionamento integro, correttamente conservato.

A temperature inferiori ai 7°C il Gastrografin può presentare tendenza alla cristallizzazione, fenomeno

reversibile dopo il riscaldamento e l'agitazione. Con ciò non viene influenzata l'efficacia e la stabilità

del preparato.

Non conservare a temperatura superiore ai 25°C. Tenere il flacone nell’imballaggio esterno per

proteggere il medicinale dalla luce. Conservare al riparo dai raggi

La soluzione di mezzo di contrasto non utilizzata entro 1 giorno dall’apertura del flacone deve essere

eliminata.

Non getti alcun medicinale nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come

eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l’ambiente.

6.

Contenuto della confezione e altre informazioni

Cosa contiene Gastrografin

I principi attivi sono sodio amidotrizoato e meglumina amidotrizoato. 100 ml di soluzione

gastroenterica contengono 10 g di sodio amidotrizoato e 66 g di meglumina amidotrizoato.

Gli altri componenti sono: sodio edetato, saccarina sodica, essenza di anice, polisorbato 80,

acqua depurata.

Descrizione dell’aspetto di Gastrografin e contenuto della confezione

Soluzione gastroenterica

Flacone da 100 ml

Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio e produttore

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio

Bayer S.p.A. - Viale Certosa, 130 – 20156 Milano

Produttore

Berlimed SA c/ Francisco Alonso s/n 28806 Alcalà de Henares - Madrid/Spagna

Questo foglio illustrativo è stato aggiornato il {MM/AAAA}.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Le informazioni seguenti sono destinate esclusivamente agli operatori sanitari:

Gastrografin è un medicinale solo per uso diagnostico, per somministrazione orale o rettale.

Per la presenza di additivi (aromatizzanti e un agente umidificante), Gastrografin non deve essere

utilizzato per via intravascolare.

Si raccomanda di assicurare e mantenere un’adeguata idratazione e un corretto equilibrio elettrolitico

(dei sali nel sangue) dei pazienti, in quanto l’iperosmolarità (elevata concentrazione) di Gastrografin

può causare disidratazione e squilibrio elettrolitico. Disturbi del bilancio idroelettrolitico devono essere

corretti prima dell’esame diagnostico.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 7 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Gastrografin non deve essere somministrato non diluito in pazienti con ridotto volume plasmatico, ad

esempio neonati, lattanti, bambini e pazienti disidratati, poiché in questi pazienti le complicanze

ipovolemiche (diminuzione del volume di sangue) potrebbero essere particolarmente gravi.

A causa della sua elevata pressione osmotica e della tendenza all’assorbimento da parte dell’intestino,

Gastrografin non va somministrato nei neonati, nei lattanti e nei bambini piccoli a dosaggi superiori a

quelli raccomandati. Nei neonati e nei lattanti spesso è possibile utilizzare con maggiore sicurezza

mezzi di contrasto a bassa osmolarità piuttosto che Gastrografin ad elevata osmolarità.

Gastrografin non deve essere somministrato non diluito in pazienti con sospetta possibilità di

aspirazione o fistola bronco-esofagea, poiché l’iperosmolarità può causare edema polmonare acuto,

polmonite chimica, collasso respiratorio e morte.

In pazienti con predisposizione allergica, con nota ipersensibilità ai mezzi di contrasto iodati o con

anamnesi di asma, deve essere preso in considerazione il pretrattamento con antistaminici e/o

glucocorticoidi.

manifestano

reazioni

ipersensibilità

(vedere

“Possibili

effetti

indesiderati”),

somministrazione del mezzo di contrasto deve essere interrotta immediatamente e – se necessario –

istituita una terapia specifica attraverso un accesso venoso.

Si raccomanda la disponibilità all’adozione di contromisure immediate in caso d’emergenza, nonché di

medicinali per il trattamento di reazioni di ipersensibilità.

L’impiego del medicinale nei pazienti con una precedente reazione anafilattoide/di ipersensibilità a

qualsiasi altro mezzo di contrasto iodato deve essere valutato attentamente sotto il profilo del rapporto

rischio/beneficio, a causa del maggior rischio di reazioni anafilattoidi/di ipersensibilità in tali pazienti.

I pazienti in trattamento con beta-bloccanti che manifestano tali reazioni possono essere resistenti ai

beta-agonisti (vedere “Altri medicinali e Gastrografin”).

Disfunzione tiroidea

In pazienti con ipertiroidismo accertato o presunto, si può esaminare la possibilità di eseguire test sulla

funzionalità tiroidea prima di somministrare Gastrografin e/o di adottare un trattamento tireostatico

preventivo (per bloccare l’attività della tiroide).

Stato di salute precario

La necessità dell’esame deve essere valutata molto attentamente nei pazienti con uno stato di salute

precario.

Solfato di bario

Se si utilizza Gastrografin assieme a preparati a base di solfato di bario, si deve prestare particolare

attenzione alle controindicazioni, alle avvertenze ed ai possibili effetti collaterali relativi a tali

preparati.

____________________________________________________________________________________________________

AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco – Via del Tritone, 181 – 00187 Roma - Tel. 06.5978401 -

www.agenziafarmaco.gov.it

Pagina 8 di 8

Documento reso disponibile da AIFA il 10/06/2016

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).