FLUSOLV

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • FLUSOLV 10SIR 0,5ML 12500UI
  • Forma farmaceutica:
  • PREPARAZIONE INIETTABILE
  • Composizione:
  • "12500UI/0,5 ML SOLUZIONE INIETTABILE" 10 SIRINGHE-PRERIEMPITE
  • Classe:
  • A
  • Tipo di ricetta:
  • Ricetta ripetibile, validità 6 mesi, ripetibile 10 volte
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • FLUSOLV 10SIR 0,5ML 12500UI
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 033670047
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Anticoagulante ad attivita' antitrombinica.

Inibisce il fattore X at-tivato, riduce l'attivazione dei fattori

VII, IX, X e XII. Si opponealla liberazione del fattore

piastrinico III e deprime gli inibitoridella fibrinolisi.

INDICAZIONI

Profilassi e terapia della malattia tromboembolica venosa ed

arteriosa

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI

Malattie emorragiche, ipertensione grave, ulcera peptica,

sindromiemorroidarie, gravidanza all'ultimo trimestre e

nell'immediato post-partum, traumi recenti a carico del S.N.C..

POSOLOGIA

L'iniezione deve essere praticata nel tessuto sottocutaneo,

preferibilmente nei glutei o all'altezza della cresta iliaca

sinistra o destra.

Il dosaggio deve essere stabilito dal Medico.

INTERAZIONI

L'uso contemporaneo di ASA, destrano o comunque di farmaci che

inter-feriscono con l'aggregazione piastrinica, accentua il

rischio emorra-gico.

EFFETTI INDESIDERATI

Fenomeni emorragici, irritazione locale, reazioni istamino-

simili.

Pertrattamenti prolungati: osteoporosi, necrosi cutanea,

inibizione dellaproduzione di aldosterone, iperkaliemia, aumento

reversibile delle a-minotransferasi sieriche e delle gamma GT,

alopecia transitoria, pria-pismo, iperlipemia reattiva,

trombocitopenia reversibile.

In soggetti ipersensibili possono verificarsi febbre, asma,

eruzioniorticarioidi, rinite, lacrimazione e segni di anafilassi.

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

3-1-2018

Prevenzione del tromboembolismo venoso nei pazienti oncologici, agenti orali possibile nuovo standard of care [OncoEmato]

Prevenzione del tromboembolismo venoso nei pazienti oncologici, agenti orali possibile nuovo standard of care [OncoEmato]

Due ampi studi presentati al congresso annuale dell'American Society of Hematology (ASH) dimostrano che un anticoagulante orale potrebbe prendere il posto dell'eparina iniettabile a basso peso molecolare per il trattamento e la prevenzione delle recidive di un tromboembolismo venoso (TEV) acuto nei pazienti oncologici.

Italia - PharmaStar

8-12-2017

Ca al polmone, enoxaprina riduce le trombosi, ma non allunga la vita [OncoEmato]

Ca al polmone, enoxaprina riduce le trombosi, ma non allunga la vita [OncoEmato]

Il trattamento con l'eparina a basso peso molecolare (LMWH) enoxaparina non ha migliorato gli outcome di sopravvivenza, sia quella globale (OS) sia quella libera da progressione (PFS), nei pazienti con un carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC), nonostante un miglioramento dell'incidenza della tromboembolia venosa (TEV). Questo il risultato dello studio RASTEN, un trial multicentrico randomizzato di fase III, in aperto, appena pubblicato su Annals of Oncology.

Italia - PharmaStar

1-9-2017

Con apixaban minor rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale in attesa della cardioversione. Studio EMANATE [Cardio]

Con apixaban minor rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale in attesa della cardioversione. Studio EMANATE [Cardio]

I pazienti con fibrillazione atriale non valvolare trattati con l'anticoagulante orale apixaban prima della cardioversione programmata sembrano avere un rischio di ictus minore rispetto a quelli trattati con la terapia standard, cioè warfarin ed eparina. A evidenziarlo sono i risultati dello studio multicentrico di fase IV EMANATE, appena presentato al congresso annuale della Società europea di cardiologia (ESC) a Barcellona.

Italia - PharmaStar

23-7-2017

Cangrelor più sicuro di clopidogrel nel PCI con uso di eparina non frazionata [Cardio]

Cangrelor più sicuro di clopidogrel nel PCI con uso di eparina non frazionata [Cardio]

Nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo (PCI) con uso di eparina non frazionata (UFH) come anticoagulante procedurale di fondo, l'impiego di cangrelor riduce le complicazioni periprocedurali precoci ischemiche senza aumentare i sanguinamenti gravi rispetto a clopidogrel. Il dato, ricavato dal trial CHAMPION PHOENIX, è stato pubblicato online sull'American Journal of Cardiology.

Italia - PharmaStar