FERRI EMINA

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • FERRIEMINA OS 10FL 10ML
  • Forma farmaceutica:
  • FLACONCINI OS
  • Composizione:
  • 10 FLACONCINI ORALI 10 ML
  • Classe:
  • C
  • Tipo di ricetta:
  • Ricetta ripetibile, validità 6 mesi, ripetibile 10 volte
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • FERRIEMINA OS 10FL 10ML
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Iron trivalent oral preparations

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 025546021
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Ferro trivalente in complesso organico.

INDICAZIONI

Anemia sideropenica.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI

Anemie ipoplastiche, emocromatosi, anemie emolitiche e perniciose

nontrattate, insufficienza renale ed epatica acuta, allergia al

ferro.

POSOLOGIA

ADULTI: 2 flaconcini al giorno durante i pasti.

BAMBINI: 1 flaconcinoal giorno, durante i pasti.

INTERAZIONI

I derivati del ferro possono ridurre l'assorbimento delle

tetracicli-ne.

Il cloramfenicolo puo'ritardare la risposta marziale.

EFFETTI INDESIDERATI

Nausea, vomito, diarrea, reazioni allergiche di tipo anafilattico

(peruso parenterale).

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

22-5-2018

Iperpotassiemia, dopo l'Ema anche la Fda approva il sodio zirconio ciclosilicato, dopo averlo respinto due volte [Fda]

Iperpotassiemia, dopo l'Ema anche la Fda approva il sodio zirconio ciclosilicato, dopo averlo respinto due volte [Fda]

La Fda ha approvato il farmaco sodio zirconio ciclosilicato, noto anche come ZS-9, uno scambiatore cationico sperimentale progettato per intrappolare il potassio a livello intestinale, dopo averlo respinto due volte per questioni legate alla produzione. Il farmaco di AstraZeneca, che avrà il nome commerciale Lokelma, è stato studiato per eliminare livelli eccessivi di potassio (iperpotassiemia o iperkaliemia), una condizione che affligge i pazienti con malattie cardiache e malattie renali croniche.

Italia - PharmaStar

12-5-2018

Diabete, inibitori SGLT-2 riducono mortalità e rischio cardiovascolare meglio di altre classi [Diabete]

Diabete, inibitori SGLT-2 riducono mortalità e rischio cardiovascolare meglio di altre classi [Diabete]

Gli inibitori del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT-2) hanno ottenuto i migliori risultati in termini di mortalità, rischio cardiovascolare e endpoint di sicurezza in una vasta meta-analisi di studi clinici che confrontava tra loro le nuove classi di farmaci antidiabetici. Gli inibitori DPP-4 (dipeptidil peptidasi 4) sono stati un po' meno efficaci e gli agonisti GLP-1 (glucagon-like peptide 1) una via di mezzo.

Italia - PharmaStar

7-4-2018

Quanto dev'essere ridotto il consumo di sale negli ipertesi? Confronto/scontro tra due esperti all'ACC.18 [Cardio]

Quanto dev'essere ridotto il consumo di sale negli ipertesi? Confronto/scontro tra due esperti all'ACC.18 [Cardio]

C'è un consenso quasi universale sul fatto che un eccessivo intake di sodio nella dieta è un fatto negativa per la salute, ma qui finisce l'accordo, in quanto numerose organizzazioni e società scientifiche assumono posizione diverse su quanto debba essere basso il consumo di sale nei pazienti ipertesi. Due esperti si sono confrontati sul 'pomo della discordia' a Orlando (USA), nel corso dell'American College of Cardiology (ACC) 2018 Scientific Session.

Italia - PharmaStar

24-3-2018

Diabete e malattia renale cronica, dapagliflozin migliora glicemia, peso e pressione sistolica [Diabete]

Diabete e malattia renale cronica, dapagliflozin migliora glicemia, peso e pressione sistolica [Diabete]

L'antidiabetico dapagliflozin, un inibitore orale dei co-trasportatori sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT2), ha raggiunto gli endpoint primari nello studio DERIVE di Fase III in pazienti con diabete di tipo 2 (T2D) con malattia renale cronica in stadio 3A, riducendo significativamente l'emoglobina media A1C (HbA1C) rispetto al placebo dopo 24 settimane.

Italia - PharmaStar

9-3-2018

Iqvia Italia si rafforza con tre nuovi ingressi in diverse aree

Iqvia Italia si rafforza con tre nuovi ingressi in diverse aree

Entrano in azienda Stefano Ferri (key account manager team vendite), Anna Maria Ferri (senior manager, key account team Sales Rx) e Francesco D’Agostino (engagement manager, technology solutions) L'articolo Iqvia Italia si rafforza con tre nuovi ingressi in diverse aree sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

7-3-2018

Studi su empagliflozin per lo scompenso cardiaco

Studi su empagliflozin per lo scompenso cardiaco

Si amplia il programma di sviluppo di empagliflozin per lo scompenso cardiaco cronico con i due nuovi trial EMPERIAL. Questi infatti studieranno l’effetto del co-trasportatore sodio-glucosio di tipo 2 (SGLT2) sulla capacità di svolgere attività fisica da parte dei pazienti anche non affetti da diabete. Boehringer Ingelheim ed Eli Lilly and Company annunciano l’estensione del loro programma di studi su […] L'articolo Studi su empagliflozin per lo scompenso cardiaco sembra essere il primo su N...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

1-3-2018

Diabete, alleanza positiva tra dulaglutide e anti SGLT-2 [Diabete]

Diabete, alleanza positiva tra dulaglutide e anti SGLT-2 [Diabete]

L'aggiunta dell'antidiabetico dulaglutide, un agonista del recettore GLP-1 (glucagon-like peptide 1), al trattamento con un inibitore del SGLT-2 (cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2), ha ridotto ulteriormente la glicemia, misurata dai livelli di HbA1c. Lo conferma proviene da uno studio pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology.

Italia - PharmaStar

27-2-2018

Chetoacidosi diabetica associata ai SGLT2 inibitori, rara ma grave [Diabete]

Chetoacidosi diabetica associata ai SGLT2 inibitori, rara ma grave [Diabete]

Molti casi di chetoacidosi diabetica (DKA) associata agli inibitori del SGLT2 (inibitori del trasportatore sodio-glucosio di tipo 2) si potrebbero prevenire, secondo quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata online sulla rivista Diabetes Care. Ma medici e pazienti non colgono i segni e i sintomi di questo raro effetto collaterale, o addirittura non li conoscono, e di conseguenza tutti i casi riportati sono risultati gravi, e uno di questi è stato fatale, secondo la recente verifica sui database aus...

Italia - PharmaStar

27-2-2018

Canagliflozin, oltre a trattare il diabete, riduce l'insufficienza cardiaca rispetto agli altri antidiabetici [Diabete]

Canagliflozin, oltre a trattare il diabete, riduce l'insufficienza cardiaca rispetto agli altri antidiabetici [Diabete]

Canagliflozin, un inibitore del SGLT2 (inibitore del trasportatore sodio-glucosio di tipo 2) indicato per il trattamento del diabete di tipo 2, è associato a un minor rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e a un rischio simile per infarto miocardico o ictus rispetto agli inibitori della DPP-4 (inibitori della dipeptidil-peptidasi IV), agli agonisti del recettore GLP-1 o alle sulfoniluree. Lo riporta uno studio pubblicato online sul British Medical Journal in febbraio.

Italia - PharmaStar

25-2-2018

Tolvaptan, diuretico efficace e sicuro in pazienti con scompenso cardiaco e malattia renale cronica [Cardio]

Tolvaptan, diuretico efficace e sicuro in pazienti con scompenso cardiaco e malattia renale cronica [Cardio]

Il profilo di sicurezza di tolvaptan, farmaco diuretico, appare accettabile per i pazienti con scompenso cardiaco (HF) e nefropatia cronica (CKD). È quanto emerge da una meta-analisi pubblicata online su "Heart, Lung and Circulation", secondo cui esistono prove di un miglioramento dei livelli del sodio sierico e di una riduzione dei fluidi corporei senza deterioramento della funzione renale.

Italia - PharmaStar

19-11-2017

Disturbi del ritmo sonno-veglia nel Parkinson, efficace il sodio oxibato in fase 2a [Neuro]

Disturbi del ritmo sonno-veglia nel Parkinson, efficace il sodio oxibato in fase 2a [Neuro]

Uno studio appena pubblicato su "JAMA Neurology" fornisce un'evidenza di classe I per l'efficacia del sodio oxibato nel trattamento della sonnolenza eccessiva diurna (EDS) e del disturbo del sonno notturno nei pazienti con malattia di Parkinson (PD).

Italia - PharmaStar

15-10-2017

Sindrome dell'intestino irritabile con stipsi prevalente, efficacia di una nuova molecola che aumenta il sodio intestinale [Gastro]

Sindrome dell'intestino irritabile con stipsi prevalente, efficacia di una nuova molecola che aumenta il sodio intestinale [Gastro]

Uno studio pilota di fase 3 su un inibitore dell'NHE3, tenapanor, ha mostrato buoni risultati di efficacia per questa molecola in pazienti con sindrome dell'intestino irritabile con stipsi prevalente (IBS-C). I risultati sono stati annunciati in un comunicato stampa dall'azienda che si occupa dello sviluppo del farmaco.

Italia - PharmaStar

9-10-2017

Scompenso cardiaco, per il beneficio da inibitori SGLT2 proposta una nuova spiegazione [Cardio]

Scompenso cardiaco, per il beneficio da inibitori SGLT2 proposta una nuova spiegazione [Cardio]

Una 'special communication' apparsa su "JAMA Cardiology" si sofferma sull'uso degli inibitori degli inibitori del cotrasportatore 2 sodio-glucosio (SGLT2), recente classe di ipoglicemizzanti orali che agiscono riducendo il riassorbimento tubulare di glucosio a livello renale, come strumento terapeutico specificamente indicato nel trattamento dello scompenso cardiaco, proponendo un nuovo meccanismo d'azione.

Italia - PharmaStar

22-9-2017

Diabete di tipo 1, risultati promettenti con dapagliflozin [Diabete]

Diabete di tipo 1, risultati promettenti con dapagliflozin [Diabete]

Il trattamento con dapagliflozin, inibitore del co-trasportatore di sodio-glucosio 2 (SGLT2), nei pazienti con diabete di tipo 1 non adeguatamente controllato migliora il controllo glicemico oltre a indurre perdita di peso. Sono le conclusioni di uno studio presentato al meeting annuale European Association for the Study of Diabetes (EASD) 2017 a Lisbona tenutosi qualche giorno fa e pubblicato su The Lancet - Diabetes & Endocrinology.

Italia - PharmaStar

23-6-2017

Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro

Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro

In questo lavoro sono state studiate microcapsule di sodio alginato contenenti olio essenziale di cedro (CWO) per usi in tonici anti-acne, mediante la gelificazione ionica dell’alginato con cloruro di calcio (CaCl2) e successiva... L'articolo Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

16-6-2017

Ipertensione, giusto ridurre il sale, ma non eliminarlo [Cardio]

Ipertensione, giusto ridurre il sale, ma non eliminarlo [Cardio]

Diminuire il consumo di sale, introdotto con la dieta, abbassa il rischio di insorgenza di ipertensione. Tuttavia un eccesso di riduzione, al di sotto dei 7,5 grammi di sale al giorno (corrispondenti a 3 grammi di sodio), potrebbe essere dannoso per la salute. Gli specialisti stanno ancora valutando quale sia la dose ideale di sodio da assumere soprattutto per i malati.

Italia - PharmaStar

15-6-2017

Target pressori e strategie terapeutiche nella gestione dei pazienti ipertesi

Target pressori e strategie terapeutiche nella gestione dei pazienti ipertesi

Intervista a Caludio Borghi, Professore Ordinario di Medicina Interna (UNIBO), Direttore U.O. Medicina Interna Policlinico Sant’Orsola Malpigni   Intervista a Claudio Ferri, Professore presso l’Università degli Studi dell’Aquila   Intervista a Giuseppe Mancia, Professore Emerito Università degli Studi Milano – Bicocca, Presidente della Fondazione European Society of Hypertension L'articolo Target pressori e strategie terapeutiche nella gestione dei pazienti ipertesi semb...

Italia - AboutPharma

10-6-2017

Chetoacidosi diabetica in aumento con gli inibitori dell'SGLT2 [Diabete]

Chetoacidosi diabetica in aumento con gli inibitori dell'SGLT2 [Diabete]

Gli inibitori del cotrasportatore sodio/glucosio di tipo 2 (SGLT2) raddoppiano il rischio di chetoacidosi diabetica rispetto agli inibitori della dipeptidil-peptidasi 4 (DPP-4). Sono le conclusioni del più grande studio condotto fino ad ora sull'argomento e pubblicato di recente mediante un comunicato sul the New England Journal of Medicine.

Italia - PharmaStar