ENDOBULIN

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • ENDOBULIN IV FL 5000MG FL100ML
  • Forma farmaceutica:
  • PREPARAZIONE INIETTABILE
  • Composizione:
  • "50 MG/ML POLVERE E SOLVENTE PER SOLUZIONE PER INFUSIONE" FLACONE POLVERE DA 5000 MG + FLACONE SOLVENTE DA 100 ML
  • Classe:
  • H
  • Tipo di ricetta:
  • Uso ospedaliero
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • ENDOBULIN IV FL 5000MG FL100ML
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 025264122
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

DENOMINAZIONE

ENDOBULIN

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Sieri immuni e immunoglobuline: immunoglobuline umane normali per

somministrazione endovenosa.

PRINCIPI ATTIVI

Un flacone contiene quantita' di proteine plasmatiche totali, di

cui almeno il 95% di immunoglobuline umane normali (IgG).

ECCIPIENTI

Flacone polvere: cloruro di sodio, glucosio.

Flacone solvente: acqua per preparazioni iniettabili.

INDICAZIONI

>>Terapia sostitutiva.

Sindromi da immunodeficienza primaria: agammaglobulinemia o

ipogammaglobulinemia congenite; immunodeficienza comune

variabile; immunodeficienza combinata grave; sindrome di Wiskott

Aldrich.

Mieloma o leucemia linfocitica cronica con grave

ipogammaglobulinemia secondaria e infezioni ricorrenti.

Bambini con AIDS congenita e infezioni ricorrenti.

>>Immunomodulazione.

Porpora trombocitopenica idiopatica (PTI) nei bambini o negli

adulti ad alto rischio di emorragia oprima di interventi

chirurgici per correggere la conta piastrinica.

Sindrome di Guillain Barre'. >>Trapianto allogenico di midollo

osseo.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI

Ipersensibilita' ad uno qualsiasi dei componenti.

Ipersensibilita' alle immunoglobuline omologhe, specialmente nei

casi molto rari di deficit di IgA, quando il paziente ha

anticorpi anti-IgA.

POSOLOGIA

>>Posologia.

Nella terapia sostitutiva puo' essere necessario personalizzare

il dosaggio per ciascun paziente in relazione alla

farmacocinetica e clinica.

Poiche' ogni ml di prodotto contiene 50 mg di IgG funzionalmente

intatte, le indicazioni in milligrammi devono essere diviseper 50

per calcolare la quantita' corrispondente in millilitri.

>>Terapia sostitutiva nelle sindromi da immunodeficienza

primaria.

Lo schemadi trattamento dovrebbe essere tale da garantire un

livello minimo diIgG (misurato prima dell'infusione successiva)

pari ad almeno 4,0-6,0g/l.

Dopo l'inizio della terapia sono necessari da 3 a 6 mesi prima di

ottenere l'equilibrio.

La dose di partenza raccomandata e' di 0,4-0,8 g/kg seguita da

almeno 0,2 g/kg ogni 3 settimane.

La dose necessariaper ottenere un livello minimo di 6,0 g/l e'

dell'ordine di 0,2-0,8 g/kg/mese.

Una volta raggiunto un livello di equilibrio (stato stazionario),

l'intervallo tra le somministrazioni varia da 2 a 4 settimane.

Devono essere misurati i livelli minimi plasmatici in modo da

Devono essere misurati i livelli minimi plasmatici in modo da

aggiustare la dose e l'intervallo tra le infusioni. >>Terapia

sostitutiva in caso di mieloma o di leucemia linfocitica cronica

con grave ipogamma-globulinemia secondaria e infezioni

ricorrenti; terapia sostitutiva nei bambini con AIDS e infezioni

ricorrenti.

La dose raccomandata e' di 0,2-0,4 g/kg ogni 3-4 settimane.

>>Porpora trombocitopenica idiopatica (PTI).

Per il trattamento di un episodio acuto, 0,8-1,0 g/kg al primo

giorno.

Il trattamento puo' essere ripetuto per una volta entro 3 giorni,

oppure possono essere somministrati 0,4 g/kg al giorno per 2-5

giorni.

Il trattamento puo' essere ripetuto in caso di recidiva.

>>Sindromedi Guillain Barre'. 0,4 g/kg/die per 3-7 giorni.

L'esperienza di utilizzo nei bambini e' limitata. >>Trapianto

allogenico di midollo osseo.

Il trattamento con immunoglobuline umane normali puo' essere

impiegato come parte della terapia di condizionamento e dopo il

trapianto.

Peril trattamento di infezioni e nella profilassi della malattia

da trapianto verso l'ospite, il dosaggio viene adattato

individualmente.

La dose iniziale e' normalmente di 0,5 g/kg/settimana,

cominciando sette giorni prima del trapianto e continuando fino a

3 mesi dopo il trapianto.

In caso di persistente deficit di produzione di anticorpi si

consiglia il dosaggio di 0,5 g/kg/mese fino al ripristino dei

normali livelli anticorpali. >>Metodo di somministrazione.

Prima dell'infusione e' consigliabile portare la soluzione a

temperatura corporea o a temperatura ambiente.

La quantita' di prodotto da somministrare e' espressa inml per kg

di peso corporeo/h.

Per i primi 30 minuti il farmaco dovrebbe essere infuso per via

endovenosa ad una velocita' iniziale non superiore a 0,5 ml/kg/h.

Se ben tollerata, la velocita' di somministrazionepuo' essere

aumentata progressivamente fino ad un massimo di circa 8ml/kg/h

per la quantita' rimanente da infondere.

Negli adulti, se bentollerata, la velocita' delle infusioni

successive puo' essere portataad un massimo di 15 ml/kg/h.

CONSERVAZIONE

Conservare in frigorifero a temperatura compresa fra 2 e 8 gradi

C, nel contenitore originale e nell'imballaggio esterno per

proteggere il medicinale dalla luce.

Non congelare, il flacone di solvente potrebbe rompersi.

AVVERTENZE

Alcune gravi reazioni avverse nei confronti del farmaco possono

esserecorrelate alla velocita' di infusione; la velocita' di

infusione raccomandata deve essere rigorosamente rispettata.

I pazienti devono essere sottoposti ad un attento monitoraggio ed

osservati per evidenziare l'eventuale comparsa di qualsiasi

sintomo per l'intera durata dell'infusione.

Alcune reazioni avverse possono verificarsi con maggiore

frequenza: in caso di elevata velocita' di infusione, in pazienti

con ipo- oagammaglobulinemia con o senza deficit di IgA, in

pazienti trattati con immunoglobuline umane normali per la prima

volta oppure, raramente,in caso di sostituzione del prodotto a

base di immunoglobuline normali umane, o se e' passato un lungo

intervallo dalla infusione precedente.

Reazioni da ipersensibilita' vere e proprie sono rare.

Queste possono verificarsi nei casi molto infrequenti di deficit

di IgA con anticorpi anti-IgA. In rari casi le immunoglobuline

umane normali possono causare una caduta della pressione

sanguigna con reazione anafilattica,anche in pazienti che avevano

sanguigna con reazione anafilattica,anche in pazienti che avevano

tollerato precedenti trattamenti con immunoglobuline umane

normali.

Spesso e' possibile evitare potenziali complicanze assicurandosi:

che i pazienti non siano sensibili alle immunoglobuline umane

normali iniettando dapprima il prodotto lentamente (0,08

ml/kg/min); che i pazienti vengano attentamente monitorati per

evidenziare la comparsa di eventuali sintomi per l'intera durata

dell'infusione.

In particolare, i pazienti mai trattati in precedenza con

immunoglobuline umane normali, i pazienti ai quali una

specialita' contenente immunoglobuline umane normali sia stata

sostituita con un'altra o ipazienti in cui sia trascorso un lungo

intervallo di tempo dalla infusione precedente dovrebbero essere

monitorati durante la prima infusione e per la prima ora dopo la

prima infusione, per poter rilevare eventuali reazioni avverse

(tutti gli altri pazienti dovrebbero essere osservati per almeno

20 minuti dopo la somministrazione); che il contenuto di glucosio

(1g/g di IgG) sia tenuto in considerazione in caso di pazienti

con diabete latente (nei quali potrebbe presentarsi una

glicosuria transitoria), nei diabetici, o nei pazienti in dieta

ipoglucidica(la somministrazione di dosi elevate di farmaco a

soggetti diabetici puo' causare un aumento temporaneo dei livelli

sierici di glucosio).

Esistono evidenze cliniche di un'associazione tra la

somministrazione diimmunoglobuline per uso endovenoso (IgEV) e la

comparsa di eventi tromboembolici (come infarto del miocardio,

stroke, embolia polmonare e trombosi delle vene profonde), che si

ritiene essere correlati ad un aumento relativo della viscosita'

plasmatica a causa dell'alto influssodi immunoglobulina in

pazienti a rischio.

Deve essere pertanto esercitata cautela nella prescrizione ed

impiego di IgEV negli obesi e nei pazienti con preesistenti

fattori di rischio per eventi trombotici (quali l'eta' avanzata,

ipertensione, diabete mellito e una storia di vasculopatie o

episodi trombotici, soggetti con disordini trombofilici acquisiti

o ereditari, quelli sottoposti a lunghi periodi di

immobilizzazione, i pazienti gravemente ipovolemici e quelli

affetti da patologie che aumentano l'emoviscosita').

In pazienti sottoposti a terapia con IgEV sono stati riportati

casi di insufficienza renale acuta.

Nella maggior parte dei casi sono stati identificati i fattori di

rischio, qualipreesistente insufficienza renale, diabete mellito,

ipovolemia, sovrappeso, assunzione concomitante di medicinali

nefrotossici, o eta' >65anni.

In caso di compromissione renale, deve essere presa in

considerazione l'interruzione del trattamento con IgEV. Anche se

segnalazioni di disfunzione renale e di insufficienza renale

acuta sono state associate all'uso di molte specialita' a base di

IgEV autorizzate, va considerato che quelle contenenti saccarosio

come stabilizzante rappresentano una quota preponderante

dell'intero numero.

Nei pazienti a rischio,pertanto, dovrebbe essere preso in

considerazione l'uso di prodotti IgEV che non contengono

saccarosio.

Il farmaco non contiene saccarosio.

In pazienti a rischio di insufficienza renale acuta o di reazioni

avverse tromboemboliche, i prodotti a base di IgEV devono essere

somministrati alla velocita' infusionale piu' bassa praticabile.

In tutti i pazienti la somministrazione di IgEV necessita di:

adeguata idratazione prima dell'inizio della infusione di IgEV,

monitoraggio della produzione di urina, monitoraggio dei livelli

sierici di creatinina, evitare l'uso concomitante di diuretici

dell'ansa.

In caso di reazioni avverse,e' necessario ridurre la velocita' di

somministrazione o interromperel'infusione.

Il trattamento necessario dipende dalla natura e dalla gravita'

degli effetti collaterali.

In caso di shock e' necessario seguire le attuali linee guida per

la terapia dello shock.

Il farmaco vieneprodotto da plasma umano.

Misure standard per prevenire le infezioniderivanti dall'uso di

medicinali preparati dal sangue o dal plasma umano includono la

selezione dei donatori, lo screening delle singole donazioni e

dei pool di plasma per specifici indicatori di infezione e

l'inclusione di fasi di produzione efficaci per

l'inattivazione/rimozione di virus.

Ciononostante, quando vengono somministrati medicinali preparati

da sangue o plasma umano, la possibilita' di trasmettere un

agente infettivo non puo' essere esclusa completamente.

Cio' riguarda anche virus sconosciuti o emergenti e altri agenti

patogeni.

Per il farmaco le misure prese sono considerate efficaci per i

virus con involucrocome HIV, HCV ed HBV. Le procedure di

inattivazione/rimozione viralepotrebbero risultare di valore

limitato nei confronti di virus privi di involucro, quali il

virus dell'epatite A o il Parvovirus B19 Vi e' un'esperienza

clinica rassicurante riguardo la mancata trasmissione diepatite A

o parvovirus B19 con immunoglobuline e si presume inoltre che il

contenuto di anticorpi contribuisca in modo notevole alla

sicurezza virale.

E' fortemente raccomandato che ogni volta che il farmaco viene

somministrato ad un paziente, siano annotati il nome commerciale

ed il numero di lotto del prodotto per mantenere un legame tra il

paziente e il lotto del prodotto.

INTERAZIONI

>>La somministrazione di immunoglobuline umane normali puo'

compromettere, per un periodo di almeno 6 settimane e fino ad un

periodo massimodi 3 mesi, l'efficacia dei vaccini ottenuti da

virus vivi attenuati,quali morbillo, rosolia, parotite e

varicella.

Dopo la somministrazione di questo prodotto e' necessario

osservare un intervallo di 3 mesi prima di procedere a

vaccinazioni con vaccini ottenuti da virus vivi attenuati.

Nel caso del morbillo, questa compromissione puo' persisterefino

ad 1 anno.

Pertanto e' necessario controllare il titolo anticorpale dei

pazienti sottoposti a vaccinazione per il morbillo. >>Dopo

l'iniezione di immunoglobuline umane normali, l'aumento

transitorio dei vari anticorpi trasferiti passivamente nel sangue

del paziente puo' determinare dei risultati positivi fuorvianti

nei test sierologici.

La trasmissione passiva di anticorpi contro gli antigeni

eritrocitari, es.

A, B, D, puo' interferire con alcuni test sierologici per gli

alloanticorpi dei globuli rossi (es. test di Coombs), per la

conta dei reticolociti e l'aptoglobina.

EFFETTI INDESIDERATI

Occasionalmente possono verificarsi reazioni avverse quali

brividi, mal di testa, febbre, vomito, reazioni allergiche,

nausea, artralgia, ipotensione e moderato dolore lombare.

Raramente le immunoglobuline umane normali possono causare una

improvvisa caduta della pressione sanguigna e, in casi isolati,

shock anafilattico, anche in pazienti che nonhanno mostrato

ipersensibilita' a precedenti somministrazioni.

Dopo somministrazione di immunoglobuline umane normali sono stati

osservati casi di meningite asettica reversibile, isolati casi di

anemia emolitica/emolisi reversibile e rari casi di reazioni

cutanee transitorie.

Sono stati osservati aumento della creatininemia e/o

Sono stati osservati aumento della creatininemia e/o

insufficienza renaleacuta.

Molto raramente sono state osservate reazioni di natura

tromboembolica, come infarto del miocardio, "stroke", embolia

polmonare, trombosi delle vene profonde.

Eventi trombotici sono stati riportati neipazienti anziani, in

quelli con segni di ischemia cerebrale o cardiaca, oltre che in

pazienti in sovrappeso e marcatamente ipovolemici.

Le reazioni avverse riportate nell'elenco che segue sono ricavate

dall'esperienza post-marketing.

Molto comune (>1/10).

Comune (>1/100, <1/10).

Non comune (>1/1.000, <1/100).

Raro (>1/10.000, <1/1.000) e molto raro(<1/10.000).

Raro.

Disturbi del sistema immunitario: reazioni allergiche; patologie

sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione:

brividi.

Molto raro.

Patologie del sistema emolinfopoietico:anemia emolitica

reversibile; disturbi del sistema immunitario: shockanafilattico,

reazione di ipersensibilita'; patologie del sistema nervoso:

vertigini, disestesia, cefalea, convulsioni, irrequietezza;

patologie cardiache: tachicardia; patologie vascolari: vampate,

ipertensione, ipotensione, evento trombotico; patologie

respiratorie, toraciche emediastiniche: tosse, dispnea, patologie

respiratorie; patologie gastrointestinali: nausea, vomito;

patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: eritema,

prurito, rash, reazione cutanea transitoria; patologie del

sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo: artralgia,

lombalgia; patologie sistemiche e condizioni relative alla sede

di somministrazione: febbre, malessere, edema.

In molti casi e' possibileevitare le reazioni avverse elencate

riducendo la velocita' di infusione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

La sicurezza del farmaco per il suo impiego in gravidanza non e'

statastabilita in studi clinici controllati, e, quindi, il

prodotto deve essere somministrato con cautela alle donne gravide

e alle madri che allattano.

L'esperienza clinica con le immunoglobuline suggerisce che non

sono prevedibili effetti dannosi sul corso della gravidanza o sul

feto e sul neonato.

Le immunoglobuline sono escrete nel latte e possonocontribuire al

trasferimento di anticorpi protettivi al neonato.

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

21-5-2018

Hiv, approvazione europea doppietta dolutegravir/rilpivirina  [Ema]

Hiv, approvazione europea doppietta dolutegravir/rilpivirina [Ema]

La Commissione europea ha approvato Juluca, il primo regime anti HIV contenente due farmaci e indicato per trattare pazienti adulti con il virus dell' immunodeficienza umana tipo 1 (HIV-1) nei quali il virus sia stato soppresso (RNA HIV-1 inferiore a 50 copie per mL ) in regime antiretrovirale regolare da almeno sei mesi, senza precedenti insuccessi terapeutici e senza resistenze note o sospette associate a qualsiasi inibitore non nucleosidico della transcriptasi inversa o inibitore dell'integrasi.

Italia - PharmaStar

16-5-2018

Succhi 100% frutta, sì ma con moderazione

Succhi 100% frutta, sì ma con moderazione

Secondo un recente studio della Società Italiana di Nutrizione Umana il consumo nella dieta di succhi 100% frutta è ammissibile senza grandi problemi, pur con alcune limitazioni. Il dossier si riferisce solamente ai succhi 100% frutta, quelli cioè ottenuti interamente da frutta spremuta e privi di “zuccheri aggiunti”. Contengono tutti gli zuccheri naturalmente presenti nella frutta, in quantità paragonabili a quelle della corrispondente frutta fresca. L'articolo Succhi 100% frutta, sì ma con moderazion...

Italia - Farmacia News

15-5-2018

Intelligenza artificiale, la mente umana non basta più

Intelligenza artificiale, la mente umana non basta più

Al Sas Forum di Milano il 15 maggio si è parlato dei nuovi scenari dell'Ai. Ci saranno sempre più informazioni e gestirle sarà un'impresa. Per questo si stanno sviluppando nuove tecnologie che qualche anno fa erano solo da fantascienza L'articolo Intelligenza artificiale, la mente umana non basta più sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

14-5-2018

Assorbimento del testosterone in vitro: cute umana e suina a confronto

Assorbimento del testosterone in vitro: cute umana e suina a confronto

Nel mondo cosmetico da anni si usano le Linee Guida 428 dell’OCSE (2004) per stabilire l’assorbomento dermico di sostanze in vitro. Un recente studio ha fatto un confronto per verificare se sia più efficiente utilizzare cute umana o suina in questi test, prendendo a campione una delle sostanze chimiche di riferimento, il testosterone. I risultati […] L'articolo Assorbimento del testosterone in vitro: cute umana e suina a confronto sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

12-5-2018

Il Collegio dei reumatologi (CReI) ha un nuovo presidente: Angelo De Cata  [Orto-Reuma]

Il Collegio dei reumatologi (CReI) ha un nuovo presidente: Angelo De Cata [Orto-Reuma]

È il dottor Angelo De Cata il nuovo presidente nazionale del Collegio dei Reumatologi (CReI). Eletto all'unanimità nel corso del XXI Congresso Nazionale a Roma riceve il testimone dal Dott. Stefano Stisi, che ha terminato il suo mandato dopo aver guidato con professionale e umana lungimiranza per 3 anni il Collegio Reumatologi Italiani.

Italia - PharmaStar

6-5-2018

Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) , approvazione UE per Hizentra (Immunoglobulina normale umana) [Ema]

Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP) , approvazione UE per Hizentra (Immunoglobulina normale umana) [Ema]

La Commissione Europea ha concesso l'autorizzazione per la commercializzazione di Hizentra (Immunoglobulina normale umana) come prima ed unica immunoglobulina sottocutanea (SCIg) per la terapia di mantenimento in pazienti affetti da polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP), dopo stabilizzazione con immunoglobuline per via endovenosa (IVIg).

Italia - PharmaStar

4-5-2018

Malattie rare, una nuova terapia di Csl Behring ottiene il via libera in Europa

Malattie rare, una nuova terapia di Csl Behring ottiene il via libera in Europa

La Commissione Ue ha approvato la prima e unica immunoglobulina sottocutanea per i pazienti con polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (Cidp), malattia autoimmune che colpisce i nervi periferici e può anche causare danni permanenti L'articolo Malattie rare, una nuova terapia di Csl Behring ottiene il via libera in Europa sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

9-4-2018

Modelli di pelle 3D per testare la genotossicità

Modelli di pelle 3D per testare la genotossicità

I ricercatori di Henkel, BASF, e dell’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) e Procter & Gamble hanno adattato la metodologia comet assay (un test che consente di rilevare il rischio genotossico) a due modelli di pelle umana ricostruiti a pieno spessore, EpiDerm™ e Phenion®. Il modello «3D Skin Comet assay» ha completato […] L'articolo Modelli di pelle 3D per testare la genotossicità sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

27-3-2018

Un nuovo modo di studiare l’irritazione oculare

Un nuovo modo di studiare l’irritazione oculare

L’uso di conigli per indagare l’irritazione cutanea è stato abbandonato da tempo, soprattutto a causa della sofferenza che dava. Varie altrenative sono state sviluppate negli anni: una delle più recenti utilizza un epitelio di cornea umana ricostruita in 3D (RhCEs). Il test con questo tessuto può essere rinforzato se vi si accosta l’analisi di alcuni […] L'articolo Un nuovo modo di studiare l’irritazione oculare sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

24-3-2018

Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP), la Fda approva la prima immunoglobulina sottocutanea [Fda]

Polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP), la Fda approva la prima immunoglobulina sottocutanea [Fda]

Il 16 marzo la Fda ha approvato Hizentra (immunoglobulina umana normale) iniettabile per via sottocutanea, indicata per il trattamento della polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica (CIDP), una rara condizione autoimmune caratterizzata da progressiva debolezza muscolare nelle gambe e nelle braccia, nonché intorpidimento e debolezza periferica.

Italia - PharmaStar

24-3-2018

Hiv, parere positivo Chmp alla doppietta dolutegravir / rilpivirina [Ema]

Hiv, parere positivo Chmp alla doppietta dolutegravir / rilpivirina [Ema]

Il Chmp dell'Ema ha dato parere positivo all'approvazione di Juluca, il primo regime anti HIV contenente due farmaci e indicato per trattare pazienti adulti con il virus dell' immunodeficienza umana tipo 1 (HIV-1) nei quali il virus sia stato soppresso (RNA HIV-1 inferiore a 50 copie per mL ) in regime stabile per almeno sei mesi.

Italia - PharmaStar

16-3-2018

Dolore postoperatorio, paracetamolo orale efficace quanto quello per via endovenosa.  [Dolore]

Dolore postoperatorio, paracetamolo orale efficace quanto quello per via endovenosa. [Dolore]

Il paracetamolo somministrato per via orale prima di un intervento di artroplastica all'anca o al ginocchio, nelle 24 ore successive all'operazione consente un controllo del dolore sovrapponibile al paracetamolo endovenoso somministrato durante l'intervento chirurgico, secondo i risultati di uno studio pubblicato sull'American Society of Health-System Pharmacists.

Italia - PharmaStar

30-1-2018

Alzheimer: prevenzione, campanelli d'allarme e novità dalla ricerca [Neuro]

Alzheimer: prevenzione, campanelli d'allarme e novità dalla ricerca [Neuro]

E' una malattia che lavora al buio, che per 15-20 anni apporta modifiche strutturali a livello cerebrale ma di cui non si ha coscienza. Parliamo dell'Alzheimer, malattia ad oggi incurabile e destinata a crescere entro il 2050 come riportato in un ampio documento stilato dall'Adi (Alzheimer's disease international). Ad accendere una luce di speranza nella lotta a questa malattia cronica degenerativa sono gli studi di uno scienziato italiano, il prof. Marcello D'Amelio, associato di Fisiologia umana e Neu...

Italia - PharmaStar

30-12-2017

Social network offline

Social network offline

Nel contatto umano e nella condivisione faccia a faccia dell’esperienza del prodotto il consumatore riscontra il bello della vendita diretta. I canali diretti sono per le vendite cosmetiche una realtà intramontabile, che negli ultimi anni ha vissuto in Italia un incremento ben superiore all’andamento medio del mercato. La relazione umana rappresenta il cuore e la […] L'articolo Social network offline sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

15-12-2017

Vitamina D3 in alto dosaggio da lichene

Vitamina D3 in alto dosaggio da lichene

La pelle umana è, anche a causa del passare del tempo, sempre meno in grado di sintetizzare vitamina D. L’integrazione di questa vitamina è dunque importante, e Bios Line ha introdotto, nella propria linea Principium, Principium D3 Vegan 2000 Ui con vitamina D3 estratta da lichene islandico, di origine vegetale quindi adatta anche ai vegani. […] L'articolo Vitamina D3 in alto dosaggio da lichene sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

15-12-2017

Zone ad alto rischio ambientale, alterato il 35% del dna spermatico. Effetti negativi sulla riproduzione    [Altre News]

Zone ad alto rischio ambientale, alterato il 35% del dna spermatico. Effetti negativi sulla riproduzione   [Altre News]

È allarme della sopravvivenza della specie umana nei Paesi occidentali e in particolare nelle zone ad altro rischio ambientale. Un'affermazione estrema supportata da studi recenti che dimostrano che la percentuale di milioni di spermatozoi per millilitro si sarebbe dimezzata negli ultimi 40 anni nei paesi occidentali (-59,3% nel numero netto di spermatozoi) e che circa il 35% dei casi di infertilità ha una causa maschile. Durante il 1° Congresso Nazionale SIRU sono stati presentati in anteprima nuovi da...

Italia - PharmaStar

15-12-2017

Procreazione medicalmente assistita, servono linee guida  [Altre News]

Procreazione medicalmente assistita, servono linee guida [Altre News]

Possibilità di redigere delle vere e proprie Linee Guida per la Procreazione medicalmente assistita (PMA), quale espressione specifica e competente della medicina e biologia della Riproduzione, così come previsto dalla nuova normativa sulla Responsabilità Sanitaria, superando i vincoli delle Linee Guida attuali. E' quanto propone la Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU) riunita in questi giorni a Roma (dal 14 al 16 dicembre) in occasione del primo Congresso nazionale che prevede oltre mille p...

Italia - PharmaStar

26-11-2017

Procreazione medicalmente assistita, nuova formulazione di Follitropina alfa facilita la somministrazione del farmaco [Italia]

Procreazione medicalmente assistita, nuova formulazione di Follitropina alfa facilita la somministrazione del farmaco [Italia]

La Follitropina Alfa ricombinante umana , ormone follicolo per la stimolazione ormonale ovarica, studiato per il trattamento dei disturbi della fertilità, è da oggi disponibile anche in confezioni da 5 penne preriempite. Una novità rispetto ai trattamenti multi-dose già presenti sul mercato, questo farmaco è disponibile in soluzione iniettabile in penna pre-riempita monouso in cinque dosaggi, e permette alle donne di avere a disposizione uno strumento più preciso e rapido per l'auto somministrazione.

Italia - PharmaStar

21-11-2017

Hiv, via libera Fda per regime a due farmaci di ViiV [Fda]

Hiv, via libera Fda per regime a due farmaci di ViiV [Fda]

La Food and Drug Administration oggi ha approvato Juluca, il primo regime contenente solo due farmaci indicato per trattare alcuni adulti con il virus dell' immunodeficienza umana tipo 1 (HIV-1) invece dei tre o più farmaci inclusi nel trattamento standard.

Italia - PharmaStar

12-11-2017

Follitropina Alfa ricombinante in penne preriempite

Follitropina Alfa ricombinante in penne preriempite

Gedeon Richter rende disponibile follitropina alfa ricombinante in penne preriempite (Bemfola®). Le nuove confezioni da cinque penne monouso preriempite per l’autosomministrazione sottocutanea sono prescrivibili esclusivamente dai centri specializzati nella procreazione medicalmente assistita. L’indicazione è una volta al giorno per cicli di 10 giorni. La follitropina alfa ricombinante umana di Gedeon Richter, ormone per la stimolazione ormonale ovarica, studiato per […] L'articolo Fol...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

3-11-2017

Laboratori specializzati

Laboratori specializzati

Synlab Italia è un network di laboratori specializzati in medicina di laboratorio umana, veterinaria, ambientale e farmaceutica e offre una gamma completa di servizi lungo tutte le fasi della patologia, dalla valutazione delle predisposizioni genetiche alla prevenzione primaria e secondaria, fino alla valutazione e al follow-up terapeutico. Obiettivo di Synlab è offrire una gamma completa […] L'articolo Laboratori specializzati sembra essere il primo su Tecnica Ospedaliera.

Italia - Tecnica Ospedaliera

2-11-2017

Eczema pediatrico e asma severo: una relazione pericolosa? [Pneumo]

Eczema pediatrico e asma severo: una relazione pericolosa? [Pneumo]

Nonostante i livelli totali di immunoglobulina E non siano legati alla severità della degenza ospedaliera, è osservazione comune il riscontro di un incremento delle ospedalizzazioni pediatriche in presenza di una storia familiare di asma o di eczema pediatrico pregresso. Lo dimostrano i risultati di uno studio USA recentemente presentato al congresso annuale del'AAAI (the American College of Allergy, Asthma and Immunology).

Italia - PharmaStar

9-10-2017

Genoskin introduce i suoi modelli di pelle umana per test animal free

Genoskin introduce i suoi modelli di pelle umana per test animal free

Gli Stati Uniti non hanno ancora una legislazione che vieta l’uso di animali nei test cosmetici, anche se c’è una proposta di legge al vaglio degli organi competenti. Eppure l’interesse esiste, sia fa parte dei consumatori che delle aziende che vogliano operare senza ledere i diritti degli animali. Parlando di alternative alla sperimentazione animali, a […] L'articolo Genoskin introduce i suoi modelli di pelle umana per test animal free sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

26-9-2017

HIV, Ema approva prima terapia combinata a compressa singola a base di darunavir  [Ema]

HIV, Ema approva prima terapia combinata a compressa singola a base di darunavir [Ema]

La Commissione Europea ha approvato l'uso di darunavir/cobicistat/emtricitabina/tenofovir alafenamide fumarato [D/C/F/TAF]), terapia combinata in compressa singola (STR) a somministrazione unica giornaliera a base di darunavir, per il trattamento dell'infezione da virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 (HIV-1) in adulti e adolescenti di almeno 12 anni d'età e peso corporeo di almeno 40 kg.

Italia - PharmaStar

12-9-2017

Valutazione della sicurezza nel mondo degli ingredienti attivi

Valutazione della sicurezza nel mondo degli ingredienti attivi

Le lettere di avvertimento dell’FDA alle aziende cosmetiche evidenziano che i cosmetici vengono formulati con l’intento di modificare la struttura o la funzione della pelle umana. Storicamente, abbiamo considerato questo tipo di rivendicazioni come marketing estremo, nel tentativo di convincere i consumatori che un prodotto fornisce vantaggi reali e prolungati. Venticinque anni fa, l’industria aveva […] L'articolo Valutazione della sicurezza nel mondo degli ingredienti attivi sembra essere il prim...

Italia - Kosmetica News

11-9-2017

Alberto Papi candidato alla vice-presidenza dell'ERS [Pneumo]

Alberto Papi candidato alla vice-presidenza dell'ERS [Pneumo]

Potrebbe essere italiano il prossimo presidente dell'ERS, la Società europea di malattie respiratorie. Il prof. Alberto Papi è infatti uno dei due candidati alla vice-presidenza della prestigiosa istituzione che raggruppa oltre 20mila membri. Mercoledì sapremo la decisione dei Soci dell'ERS che verrà ufficializzata a Milano dove è in corso il congresso annuale. Il mondo pneumologico italiano fa il tifo per lui non solo per gli ovvi motivi patriottici, che qualche cosa contano ancora, ma soprattutto per ...

Italia - PharmaStar

14-7-2017

Ecco gli algoritmi per studiare l’architettura 3D del Dna

Ecco gli algoritmi per studiare l’architettura 3D del Dna

Uno studio italiano pubblicato su Nature Methods ha dimostrato la potenza di combinare strumenti computazionali e tecniche genomiche per svelare la struttura del genoma all’interno delle nostre cellule: architettura fondamentale per la salute umana L'articolo Ecco gli algoritmi per studiare l’architettura 3D del Dna sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

13-7-2017

Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofenonici

Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofenonici

L’uso diffuso dei filtri UV nei prodotti per la cura personale suscita preoccupazioni circa i loro effetti potenzialmente pericolosi sulla salute umana e sull’ecosistema. In questo studio, è stata valutata la tossicità di quattro filtri UV benzofenonici (BP) comunemente impiegati e in particolare benzofenone (BP), 2-idrossibenzofenone (2HB), 2-idrossi-4-metossibenzofenone (BP3) e 2-idrossi-4-metossibenzofenone-5 – acido solfonico (BP4). […] L'articolo Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofe...

Italia - Kosmetica News