DOPERGIN

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • DOPERGIN 30CPR 0,2MG
  • Forma farmaceutica:
  • COMPRESSE
  • Composizione:
  • "0,2 MG COMPRESSE" 30 COMPRESSE
  • Classe:
  • A
  • Tipo di ricetta:
  • Ricetta ripetibile, validità 6 mesi, ripetibile 10 volte
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • DOPERGIN 30CPR 0,2MG
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Dopamine Agents

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 025997026
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

DOPERGIN   0,2 mg compresse  

DOPERGIN   0,5 mg compresse 

DOPERGIN   1 mg compresse 

lisuride maleato acido  

Categoria farmacoterapeutica 

Agonisti della dopamina. Inibitori della prolattina 

Indicazioni terapeutiche 

Agonista della dopamina in presenza delle seguenti patologie: 

Morbo di Parkinson, Morbo di Parkinson postencefalitico, Morbo di Parkinson di altra origine 

(esclusa la forma indotta da farmaci). 

Inibitore della prolattina nei casi seguenti: 

-  Inibizione della lattazione: per evitare la montata lattea o per far regredire la lattazione 

in atto  

-  Galattorrea, amenorrea prolattino-dipendente  

-  infertilità femminile prolattino-dipendente  

-  acromegalia. 

Controindicazioni 

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. 

Gravi disturbi circolatori periferici ed insufficienza coronarica 

In pazienti affetti da psicosi si dovrà usare cautela. 

Uso concomitante di fenilpropanolamina 

Precauzioni per l’uso 

L’indicazione  clinica  deve  essere  valutata  con  attenzione  in  pazienti  con  psicosi  in  atto  o 

nell'anamnesi.  È  opportuno  valutare  attentamente  il  rapporto  rischio/beneficio,  tenendo  in 

particolare  considerazione  l’indicazione  clinica  (agonista  della  dopamina  vs.  inibitore  della 

prolattina). È possibile un peggioramento o la ricomparsa della sintomatologia.  

Deve essere raccomandata cautela quando i pazienti assumono farmaci con effetto sedativo 

(es. benzodiazepine, antipsicotici o antidepressivi) contemporaneamente alla lisuride, perché 

l’effetto sedativo può essere potenziato. 

Valutare  l’indicazione  con  estrema  attenzione  in  presenza  di  disturbi  della  circolazione 

arteriosa periferica e cardiaca (insufficienza coronarica). 

All’inizio del trattamento i pazienti che soffrono di ipotensione ortostatica possono avere 

improvvisi cali di pressione. Perciò in questi pazienti la lisuride deve essere usata con molta 

cautela. Si raccomanda di monitorare la regolazione della pressione arteriosa, specialmente 

all’inizio del trattamento, a causa del rischio generale di ipotensione ortostatica associato 

alla terapia dopaminergica. 

Raramente  sono  stati  osservati  ipertensione,  infarto  miocardico,  crisi  convulsive  e  ictus 

(sintomi noti dell’angiopatia cerebrale post-partum) in associazione con l’impiego di agonisti 

della dopamina derivati dell’ergot come inibitori della secrezione lattea nel puerperio. Se tali 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

effetti  compaiono  e  se  ne  sospetta  una  relazione  causale  con  la  lisuride  è  opportuno 

interrompere immediatamente il trattamento per evitare la comparsa di ipertensione, cefalea 

persistente  o  altri  segni  di  alterazione  del  sistema  nervoso  centrale  nelle  donne  che 

assumono Dopergin per inibire la secrezione lattea. 

Nell'inibizione  della  lattazione,  non  si  deve  attaccare  il  bambino  al  seno  né  estrarre  il  latte 

meccanicamente onde evitare lo stimolo alla lattazione stessa.  

Prima  di  iniziare  il  trattamento  dell’iperprolattinemia  con  Dopergin,  deve  essere  chiarita  la 

causa del disturbo (ad es. medicinali, ipotiroidismo). Di particolare importanza è considerare 

la presenza di un grande adenoma invasivo della ghiandola pituitaria. In caso di gravidanza 

nelle  donne  con  adenoma  ipofisario  (prolattinoma),  gli  eventuali  segni  di  ripresa  della 

crescita  tumorale  devono  essere  sottoposti  ad  attento  monitoraggio,  servendosi  degli 

strumenti  diagnostici  più  indicati.  I  soggetti  con  alterazioni  della  funzionalità  renale,  e  in 

particolare  i  pazienti  sottoposti  a  dialisi,  sono  particolarmente  sensibili  agli  agonisti  della 

dopamina.  Pertanto,  è  opportuno  iniziare  sempre  un  trattamento  con  gli  inibitori  della 

prolattina con la minore dose possibile, e aumentare la dose gradualmente. La lisuride viene 

metabolizzata  quasi  completamente  nel  fegato;  dal  momento  che  non  sono  disponibili  dati 

controllati  sufficienti  relativi  all’uso  della  lisuride  nei  pazienti  con  gravi  alterazioni  della 

funzionalità epatica clinicamente rilevanti, si consiglia di iniziare il trattamento con particolare 

cautela e con dosi basse. 

Sono stati segnalati casi di sindrome patologica del gioco d’azzardo, incremento della libido 

e  ipersessualità,  nei  pazienti  in  trattamento  con  agonisti  della  dopamina,  per  il  Morbo  di 

Parkinson. 

Si  deve  prestare  particolare  attenzione con Dopergin nei casi di reazioni fibrotiche (tessuto 

cicatriziale) pregresse o in atto a carico del cuore, dei polmoni o dell’addome. 

Prima del trattamento, il medico potrà verificare se il cuore, i polmoni e i reni sono in buone 

condizioni. Durante il trattamento il medico presterà particolare attenzione a qualsiasi segno 

eventualmente  correlato  a  reazioni  fibrotiche.  Se  necessario,  sarà  effettuato  un 

ecocardiogramma (un esame ad ultrasuoni per il cuore). In presenza di reazioni fibrotiche il 

trattamento dovrà essere interrotto. 

Interazioni  

Informare il medico o il farmacista se si sta assumendo o si è recentemente assunto 

qualsiasi altro medicinale, anche quelli senza prescrizione medica. 

Associazioni controindicate 

  Fenilpropanolamina: rischio di vasocostrizione e/o crisi ipertensive 

Associazioni non raccomandate 

  Antipsicotici  neurolettici  (esclusa  la  clozapina):  antagonismo  reciproco  fra  agonisti 

dopaminergici e neurolettici, con il rischio di una riduzione dell’efficacia 

  Alfa simpaticomimetici (forme orali e/o nasali) e simpaticomimetici indiretti: rischio di 

vasocostrizione e/o crisi ipertensive 

  Alcaloidi  derivati  dell’ergot  ad  attività  vasocostrittrice:  rischio  di  vasocostrizione  e/o 

crisi ipertensive 

  Altri  alcaloidi  derivati  dell’ergot  (es.  metilergometrina):  la  lisuride  non  deve  essere 

usata  contemporaneamente  ad  altri  alcaloidi  derivati  dell’ergot  dopo  il  parto  e  nel 

periodo puerperale, anche se fino ad ora non sono state osservate interazioni 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

  Anticolinergici antiparkinsoniani: rischio di aumento di disturbi neuropsichici 

  Antiipertensivi:  bisogna  avere  una  particolare  cautela  nel  prescrivere  Dopergin  a 

donne  che  hanno  preso  o stanno prendendo farmaci per il controllo della pressione 

del sangue 

I  neurolettici  e  altri  agonisti  della  dopamina  (aloperidolo,  sulpiride,  metoclopramide, 

clorpromazina) possono ridurre gli effetti di Dopergin. 

Il  domperidone  inibisce  solo  gli  effetti  periferici,  ma  non  gli  effetti  centrali,  di  Dopergin,  e 

perciò non ha alcun effetto sui sintomi del morbo di Parkinson. 

L’effetto sedativo della lisuride può essere potenziato da farmaci che deprimono il sistema 

nervoso centrale o dall’alcol. 

Avvertenze speciali 

Durante il trattamento con agonisti della dopamina possono essere osservati allucinazioni, 

incubi, disorientamento e confusione, con probabilità maggiore in pazienti anziani e con 

dosaggi alti. All’inizio del trattamento i pazienti devono essere attentamente monitorati in 

relazione a questi sintomi. Se questi persistono, il dosaggio deve essere ridotto, e se questo 

non è sufficiente, il trattamento deve essere sospeso. 

In pazienti trattati con lisuride è stata osservata sonnolenza eccessiva durante il giorno, ed i 

in pazienti trattati con agonisti dopaminergici, specialmente in pazienti affetti da morbo di 

Parkinson, improvvisi colpi di sonno sono stati osservati. I pazienti trattati con lisuride 

devono essere informati di ciò e della necessità di usare cautela mentre guidano veicoli o 

operano su macchinari. Pazienti che hanno avuto episodi di sonnolenza devono astenersi 

dal guidare veicoli od usare macchinari. In questi pazienti la cosomministrazione con un 

farmaco con effetto sedativo può aumentare il rischio di sonnolenza e deve essere evitata, 

se possibile. Inoltre devono essere prese in considerazione la riduzione del dosaggio o la 

sospensione del trattamento. 

Poiché in caso di interruzione improvvisa di terapia dopaminergica sono stati riportati sintomi 

indicativi di sindrome neurolettica maligna, la sospensione del trattamento deve essere 

graduale. 

La lisuride è un derivato dell’ergot. Dopo un uso prolungato di derivati dell’ergot, compresa la 

lisuride, sono stati osservate alterazioni infiammatorie di tipo fibrotico con gravi disturbi, 

come pleurite, versamento pleurico, fibrosi pleurica, fibrosi polmonare, pericardite, 

versamento pericardico e fibrosi retroperitoneale. Poiché queste alterazioni hanno un 

esordio insidioso, i pazienti devono essere monitorati per tutta la durata del trattamento, 

ponendo particolare attenzione alla comparsa di segni e sintomi indicativi di un disturbo 

infiammatorio di tipo fibrotico o sieroso. 

Se si sospetta un disturbo fibrotico, il trattamento deve essere interrotto e la diagnosi 

confermata attraverso l’esecuzione di un test appropriato, come la velocità di 

sedimentazione degli eritrociti (VES), la determinazione della creatinina sierica e procedure 

di diagnostica per immagini (es. raggi X al torace, ecocardiografia). 

Informazioni importanti su alcuni eccipienti 

Dopergin  contiene  lattosio  quindi    se  il  medico  le  ha  diagnosticato  una  intolleranza  agli 

zuccheri, lo contatti prima di prendere questo medicinale. 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

Gravidanza e allattamento 

Gravidanza 

Chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di prendere qualsiasi medicinale 

Non vi sono dati sufficienti riguardanti l’uso della lisuride in donne in gravidanza. Gli studi 

condotti sugli animali non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno, ma nei ratti sono stati 

osservati riduzione della fertilità ed embriotossicità, associati all’attività farmacodinamica. Il 

rischio potenziale per gli esseri umani non è noto. Perciò si raccomanda di evitare l’uso di 

Dopergin durante la gravidanza. Se Dopergin viene impiegato per il trattamento dell’infertilità 

indotta da prolattina, si consiglia, pertanto, di interrompere il trattamento non appena si 

sospetta una gravidanza.  

Allattamento 

Piccole  quantità  di  lisuride  sono  escrete  nel  latte  materno.  Poiché  la  lisuride  diminuisce  la 

secrezione di prolattina negli esseri umani, è da aspettarsi un’inibizione della lattazione. Per 

queste ragioni la lisuride non deve essere somministrata a donne che desiderano allattare.  

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari 

I pazienti in trattamento con Dopergin che presentano sonnolenza devono essere avvertiti di 

evitare di guidare veicoli o di intraprendere attività per le quali una riduzione della vigilanza 

possa mettere se stessi o altri a rischio di lesioni gravi o morte (es. utilizzo di macchinari). 

Anche  attenendosi  alle  dosi  prescritte,  un  trattamento con Dopergin può, occasionalmente,  

causare  una  caduta  improvvisa  della  pressione  arteriosa  e  quindi  alterare  la  capacità  di 

reazione  in  misura  tale  da  compromettere  la  capacità  di  guidare  veicoli  o  azionare 

macchinari. 

Dose, modo e tempo di somministrazione 

Prendere sempre Dopergin seguendo esattamente le istruzioni del medico. In caso di dubbi 

deve consultare il medico o al farmacista. 

Le compresse devono essere sempre assunte in occasione di un pasto o di uno spuntino. In 

genere, è possibile migliorare la tollerabilità iniziando il trattamento gradualmente 

(eccezione: inibizione della montata lattea) e possibilmente la sera. Ciò vale soprattutto in 

caso di somministrazione di dosi elevate. 

Per dimezzare una compressa da 0.2 mg, posizionarla su una superficie dura con la linea di 

pre-rottura verso il basso, quindi premere sulla compressa con un dito. 

E’ opportuno attenersi ai seguenti schemi: 

Morbo di Parkinson 

La dose deve essere adattata alle esigenze individuali del singolo paziente. 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

Il trattamento inizia con ½ compressa di Dopergin da 0,2 mg (0,1 mg) la sera; si consiglia di 

aumentare la dose di 0,1 mg alla settimana fino alla comparsa di un effetto clinico evidente. 

Settimana di trattamento  Numero di compresse (0,2 mg) 

mattino   mezzogiorno  sera 

1  –  –  ½ 

2  ½  –  ½ 

3  ½  ½  ½ 

4  ½  ½  1 

5  1  ½  1 

6  1  1  1 

7  Ulteriori incrementi settimanali di ½ compressa, se necessario 

Le  compresse  Dopergin  da  0,5  mg  o  da  1  mg  di  principio  attivo  devono  essere  impiegate 

esclusivamente per proseguire un trattamento iniziato con Dopergin compresse da 0,2 mg di 

principio attivo. 

La  dose  giornaliera  dipende  dalla  tollerabilità  e  dall’efficacia  del  trattamento  e  dalla  gravità 

della  malattia;  generalmente  è  compresa  tra  0,6  e  2  mg,  sebbene  in  singoli  casi  possano 

essere necessarie dosi superiori. Essa viene generalmente suddivisa in 3-4 dosi singole che 

possono  essere  assunte  insieme  alla  L-dopa  e/o  ad  altri  farmaci  antiparkinson.  In  caso  di 

fluttuazioni marcate, è consigliabile dividere la dose giornaliera in frazioni ancora più piccole.   

La dose può essere ridotta nelle prime fasi del Morbo di Parkinson e deve essere aumentata 

solo  lentamente.  La  dose  di  medicinali  a  base  di  L-dopa  può  essere  ridotta  all’aumentare 

delle dosi di Dopergin. Questo merita particolare attenzione nei casi in cui l’inibitore MAO-B 

selegilina,  che  aumenta  e  prolunga  la  disponibilità  della  dopamina  ai  recettori,  è 

somministrata  in  concomitanza  con  la  L-dopa.  In  singoli  casi  è  anche  possibile  la 

monoterapia con Dopergin. 

Dopo  ogni  incremento  della  dose,  l’effetto  e  la  tollerabilità  devono  essere  tenute  sotto 

osservazione per almeno una settimana prima di aumentare nuovamente la dose.  

In  caso  di  comparsa  di  effetti  collaterali,  la  dose  non  deve  essere ulteriormente aumentata 

per nessuna ragione.  

La  tollerabilità  di  solito  si  sviluppa  verso  alcuni  effetti  collaterali  (nausea,  mal  di  testa, 

stanchezza, vertigine), così che la dose può, se necessario, essere aumentata ulteriormente 

dopo  la  scomparsa  degli  effetti  collaterali.  Più  la  dose  totale  giornaliera  è  divisa  in  dosi 

piccole, migliore è la tollerabilità di Dopergin. 

In  casi  di  Morbo  di  Parkinson  in  stato  avanzato,  la  dose  può  essere  a  volte  aumentata  più 

velocemente in dipendenza della tolleranza e dell’efficacia. 

Se la condizione clinica del paziente necessita di una rapida risposta terapeutica a Dopergin, 

gli  effetti  collaterali  sopra  esposti  possono  essere  eliminati  dalla  concomitante 

somministrazione  di  domperidone  e  dal  dosaggio  ulteriormente  aumentato,  se  necessario. 

Questa,  tuttavia,  deve  essere  un’eccezione.  La  necessità  di  continuare  la  cura  con 

domperidone  dovrebbe  essere  controllata  dopo  4  settimane  al  massimo  sospendendone 

l’assunzione. 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

In presenza di effetti collaterali marcati si consiglia una riduzione temporanea della dose di 

Dopergin.  

Indicazioni endocrine 

Inibizione della montata lattea 

Se possibile, iniziare il trattamento immediatamente dopo il parto o l’aborto, ma comunque 

entro le prime 24 ore. La dose giornaliera è di 1 compressa di Dopergin da 0,2 mg 2- 3 volte 

al giorno per un totale di 14 giorni. 

Raramente  può  verificarsi  una  lieve  ripresa  della  secrezione  lattea  dopo  l'interruzione  del 

trattamento  con  il  Dopergin;  in  questo  caso  è  sufficiente  ripetere  il  trattamento  per  un’altra 

settimana.  

Soppressione della lattazione in atto 

Giorno di trattamento  Numero di compresse (0,2 mg) 

mattino  mezzogiorno  sera 

1°  -  -  1 

2°  -  1  1 

dal 3° fino al massimo 14°  1  1  1 

Per  una  soppressione  rapida  della  secrezione  lattea  in  atto  è  opportuno  iniziare  con  1 

compressa di Dopergin da 0,2 mg 3 volte al giorno, a partire dal primo giorno di trattamento. 

Il trattamento può essere interrotto 4 giorni dopo la scomparsa della secrezione lattea. 

Galattorrea  

Amenorrea prolattino-dipendente  

Infertilità femminile prolattino-dipendente  

Giorno di trattamento  Numero di compresse (0.2 mg) 

mattino  mezzogiorno  sera 

1°  -  -  1/2 

2°  -  1/2  1/2 

dal 3°   1/2  1/2  1/2 

Proseguire il trattamento della galattorrea fino alla scomparsa della secrezione lattea. 

In caso di amenorrea, il trattamento deve proseguire (spesso per diversi mesi) fino al 

ripristino di cicli normali con regolari mestruazioni mensili. 

A  seconda  dei  livelli  di  prolattina  o  dell’effetto  ottenuto,  è  possibile  che  la  dose  giornaliera 

debba  essere  aumentata:  per  una  migliore  tollerabilità,  ciò  deve  avvenire  non  prima  di  3-4 

giorni  dall'inizio  del  trattamento  e  la  dose  giornaliera  deve  essere  suddivisa  in  più  dosi 

singole. 

Acromegalia 

Posologia  come  per  la  galattorrea  ecc.  (vedi  sopra).  A  seconda  della  tollerabilità  e  degli 

effetti sui livelli dell’ormone della crescita, la dose può essere ulteriormente aumentata fino a 

un massimo di 2 mg/die. 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

Sovradosaggio 

Dopo  una  singola  ingestione  accidentale  di  grandi  quantità  di  compresse  (ad  es.  30 

compresse  da  0,2  mg  di  lisuride  ciascuna)  possono  comparire  reazioni  gravi  tipiche  degli 

agonisti della dopamina, quali nausea, vomito e vertigine. 

In  caso  di  sovradosaggio  moderato  se  necessario,  può  essere  somministrata,  come 

antidoto,  la  metoclopramide  (nel  parkinson:  domperidone),  sulpiride  i.m.  fino  a  100  mg  nei 

casi gravi. 

In  caso  di  ingestione/assunzione  accidentale  di  una  dose  eccessiva  di  Dopergin  avvertite 

immediatamente il medico o rivolgersi al più vicino ospedale. 

Se si ha qualsiasi dubbio sull’uso di Dopergin, rivolgersi al medico o al farmacista. 

Effetti indesiderati 

Come tutti i medicinali, Dopergin può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le 

persone li manifestino.  

I seguenti effetti indesiderati sono stati osservati durante studi clinici. È opportuno ricordare 

che Dopergin provoca effetti indesiderati simili agli altri farmaci agonisti della dopamina. Nel 

Mordo  di  Parkinson,  Dopergin  viene  impiegato  quasi  esclusivamente  in  combinazione  con 

altri  farmaci.  Esistono  solo  dati  molto  limitati  relativi  all’impiego  di  Dopergin  come 

monoterapia,  sia  per  quanto  riguarda  gli  studi  clinici  che  i  dati  post-marketing.  Pertanto,  in 

caso di comparsa di effetti indesiderati, deve rivalutare il suo intero regime terapeutico anti-

Parkinson. 

La lisuride è associata a sonnolenza. Improvvisi colpi di sonno sono stati osservati in 

pazienti trattati con agonisti dopaminergici, specialmente in pazienti affetti da morbo di 

Parkinson. 

Per ulteriori informazioni, chiedere al medico.  

Di seguito sono elencati i possibili effetti collaterali in base a quanto sono frequenti:  

Molto comuni significa che si possono manifestare in 10 o più persone su 100  

Comuni si possono manifestare da 1 a 10 persone su 100  

Non comuni si possono manifestare da 1 a 10 persone su 1000 

Frequenza  “Non  nota”  si  riferisce  agli  effetti  indesiderati  osservati  durante  la 

commercializzazione e per i quali non può essere definita la frequenza. 

Possibili effetti indesiderati di Dopergin nel trattamento del Morbo di Parkinson 

Disturbi del metabolismo e della nutrizione 

Molto comuni: Diminuzione dell’appetito 

Disturbi psichiatrici  

Molto comuni: allucinazioni, ansia 

Comuni: confusione, incubi, insonnia 

Frequenza non nota: reazioni paranoidi*, disorientamento*, ipersessualità§, aumento della 

libido§, sindrome patologica del gioco d’azzardo§ 

Patologie del sistema nervoso  

Molto comuni: anomali movimenti involontari (discinesia), sonnolenza, vertigini, mal di testa  

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

Comuni: insolite contrazioni muscolari che provocano deformazioni del corpo (distonia), 

contrazioni muscolari (mioclonie) 

Patologie cardiache     

Comuni: battito accelerato o irregolare (palpitazioni) 

Frequenza non nota: pericardite, versamento pericardico 

Patologie vascolari  

Molto comuni: improvvisi cali di pressione quando ci si alza in piedi (ipotensione 

ortostatica), estremità fredde 

Comuni: ingrossamento doloroso dei vasi sanguigni delle estremità del corpo 

(eritromelalgia) 

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche  

Comuni: difficoltà respiratoria “fame d’aria” (dispnea) 

Frequenza non nota: versamento pleurico, fibrosi polmonare, fibrosi pleurica 

Patologie gastrointestinali  

Molto comuni: nausea, secchezza delle fauci, costipazione 

Comuni: vomito 

Frequenza non nota: fibrosi retroperitoneale 

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione  

Molto comuni: rigonfiamento delle mani, delle caviglie e dei piedi (edema periferico), 

sudorazione  

Disturbi del sistema immunitario 

Frequenza non nota: reazioni allergiche a carico della cute o delle mucose 

Esami diagnostici 

Frequenza non nota: aumento di peso** 

*   Eventi osservati quasi esclusivamente nei pazienti con Morbo di Parkinson e più  

frequenti nei pazienti anziani, in caso di demenza (sindrome cerebrale organica),  

infezioni acute, disidratazione e somministrazione di dosi elevate di Dopergin e/o di altri  

   agonisti della dopamina. I sintomi possono generalmente essere controllati con la  

riduzione della dose. 

**  E’ stato osservato in alcuni pazienti con Morbo di Parkinson. Generalmente tale evento è  

considerato un effetto positivo del trattamento.  

§   Casi segnalati in pazienti trattati con dopamino agonisti, per il Morbo di Parkinson, 

specialmente ad alti dosaggi, e generalmente reversibili con la riduzione o l’interruzione  

del trattamento. 

Possibili effetti indesiderati di Dopergin nel trattamento dell’infertilità da prolattina 

Disturbi del metabolismo e della nutrizione 

Comuni: perdita dell’appetito 

Patologie del sistema nervoso  

Non comuni: capogiro, mal di testa 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

Patologie cardiache     

Non comuni: battito accelerato e/o irregolare (palpitazioni) 

Patologie vascolari  

Non comuni: improvvisi cali di pressione quando ci si alza in piedi (ipotensione ortostatica),   

aumento della pressione 

Patologie gastrointestinali  

Non comuni: nausea, disturbi addominali 

Disturbi del sistema immunitario 

Frequenza non nota: reazioni allergiche a carico della cute o delle mucose 

Mal  di  testa,  capogiro,  nausea,  secchezza  delle  fauci,  stanchezza,  sudorazione  e, 

raramente, vomito possono comparire soprattutto all’inizio del trattamento se l’aumento della 

dose avviene troppo rapidamente o se la dose è eccessiva, e se le compresse non vengono 

assunte in occasione di un pasto o di uno spuntino. 

In casi isolati, caratterizzati da una particolare sensibilità individuale, sono stati osservati cali 

improvvisi della pressione (fino al collasso ortostatico) e vomito violento. In presenza di tali 

gravi e sproporzionate reazioni di intolleranza può essere somministrata la sulpiride per via 

intramuscolare (fino a 100mg) . 

Tali effetti indesiderati non rendono necessaria, generalmente, l’interruzione del trattamento 

e  possono  essere  controllati  tramite  la  riduzione  della  dose.  Generalmente,  nel  corso  del 

trattamento,  gli  effetti  indesiderati  cessano,  anche  in  caso  di  somministrazione  di  dosi 

significativamente maggiori. 

In casi isolati, dopo l’uso prolungato di sostanze simili a Dopergin, sono stati osservati fibrosi 

polmonare,  fibrosi  pleurica,  versamento  pleurico  o  fibrosi  retroperitoneale.  E’  necessario 

consultare  il  medico  in  presenza  di  difficoltà  respiratoria  “fame  d’aria”,  persistente  stimolo 

alla tosse o alterazioni della funzionalità renale nel corso di un trattamento con Dopergin. 

In pazienti trattati con derivati dell’ergot sono state osservate valvolopatie cardiache (incluso 

il rigurgito). 

La  comparsa  di  movimenti  anomali  involontari  (discinesia)  è  una  complicanza  del 

trattamento  a  lungo  termine  del  Morbo  di  Parkinson  con  agonisti  della  dopamina,  in 

particolare  con  la  L-dopa.  Nei  pazienti  con  Morbo  di  Parkinson  avanzato  che  manifestano 

discinesia,  è  necessario  stabilire  con  cura  la  dose  ottimale  e  rivalutare  i  benefici  di  un 

trattamento con agonisti della dopamina, compreso Dopergin. 

In  pazienti  trattati  con  dopamino  agonisti,  per  il  Morbo  di  Parkinson,  specialmente  ad  alti 

dosaggi,  sono  stati  segnalati  casi  di    sindrome  patologica  del  gioco  d’azzardo,  incremento 

della  libido  e  ipersessualità,  generalmente  reversibili  con  la  riduzione  o  l’interruzione  del 

trattamento. 

Da  ricordare anche che alcuni dei sintomi considerati effetti indesiderati possono, in realtà, 

essere i segni della malattia in questione. 

Nei  pazienti  trattati  con  ergot-derivati,  come  la  lisuride,  molto  raramente  (in  meno  di  una 

persona  su  10.000)  sono  stati  osservati  casi  di  pericardite  (infiammazione  del  rivestimento 

esterno  del  cuore)  e  di  versamento  pericardico  (accumulo  di  liquido  tra  il  rivestimento 

esterno del cuore e il cuore stesso). 

Nei  pazienti  trattati  con  ergot-derivati  sono  stati  anche  osservati  effetti  sulle  valvole 

cardiache.  I  sintomi  precoci  di  tali  effetti  sul  cuore  possono  comprendere  difficoltà  a 

DOPERGIN                                                                                                                      Foglio illustrativo  

                  

respirare, respiro corto, dolore al torace o alla schiena e gonfiore delle gambe. Se compare 

uno qualsiasi di questi sintomi deve essere informato immediatamente il medico. 

Il rispetto delle istruzioni contenute nel foglio illustrativo riduce il rischio di effetti indesiderati. 

Se  uno  qualsiasi  degli  effetti  indesiderati  si  aggrava,  o  se  si  nota  la  comparsa  di  qualsiasi 

effetto  indesiderato  non  elencato  in  questo  foglio  illustrativo,  informare  il  medico  o  il 

farmacista. 

Scadenza e conservazione 

Scadenza: vedere la data di scadenza indicata sulla confezione 

La  data  di  scadenza  si  riferisce  al  prodotto  in  confezionamento  integro,  correttamente 

conservato. 

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione. 

I medicinali non devono essere gettati nell’acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al 

farmacista  come  eliminare  i  medicinali  che  non  utilizza  più.  Questo  aiuterà  a  proteggere 

l’ambiente. 

Conservare a temperatura non superiore ai 30°C. Pro teggere dalla luce. 

Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini. 

Composizione 

Principio attivo: lisuride maleato acido  

Eccipienti: lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, magnesio stearato, acido tartarico 

sodio calcio edetato. 

1 compressa contiene 0,2 mg, oppure 0,5 mg, oppure 1 mg di principio attivo 

Forma farmaceutica e contenuto 

Ogni confezione contiene 1 flacone in vetro scuro con 30 compresse. 

Titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio e produttore 

Bayer S.p.A. – Viale Certosa, 130 – 20156 Milano 

Produttore 

Delpharm Lille SAS - Lys-Lez-Lannoy, Francia  

Revisione  del  foglio  illustrativo  da  parte  dell’Agenzia  Italiana  del  Farmaco  maggio 

2010 

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

18-5-2018

Sla, nuovo studio clinico internazionale tutto made in Italy

Sla, nuovo studio clinico internazionale tutto made in Italy

Un medicinale a base di Tudca (acido tauroursodesossicolico), già approvato per malattie epatiche e sviluppato dall’azienda genovese Bruschettini, sarà il protagonista di uno studio coordinato da centri italiani e vincitore del bando Horizon 2020 per malattie rare e farmaci orfani L'articolo Sla, nuovo studio clinico internazionale tutto made in Italy sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

13-5-2018

Ipertensione, prevenzione primaria dell'ictus. Possibili benefici da integrazione di acido folico [Cardio]

Ipertensione, prevenzione primaria dell'ictus. Possibili benefici da integrazione di acido folico [Cardio]

Gli adulti ipertesi con bassa conta piastrinica che hanno assunto giornalmente una pillola combinata di enalapril e acido folico hanno fatto registrare una riduzione del 73% del rischio di primo ictus rispetto ai pazienti che assumevano quotidianamente solo enalapril. È quanto riporta uno studio condotto in Cina e pubblicato sul "Journal of the American College di Cardiology".

Italia - PharmaStar

10-5-2018

Polifenoli da foglie di patata dolce

Polifenoli da foglie di patata dolce

In questo studio sono state studiate l’attività antiossidante in vitro e l’inibizione delle specie di ossigeno reattivo intracellulare (ROS) dei composti fenolici totali e individuali delle foglie di patata Yuzi. I polifenoli delle foglie di patata dolce possiedono un’attività antiossidante significativamente più elevata rispetto all’acido ascorbico, ai polifenoli del tè e ai polifenoli dei semi […] L'articolo Polifenoli da foglie di patata dolce sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

9-5-2018

Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia

Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia

Fonte inestimabile di micro e macro nutrienti come fibre, proteine, flavonoidi (luteina e zeaxantina), vitamine (vitamina C e acido folico) e sali minerali (potassio, fosforo, ferro, calcio e zinco), povero in grassi e a basso contenuto calorico (solo 17 kcal/100 g), Momordica charantia esprime al meglio il suo potenziale terapeutico grazie a un particolare fitonutriente: […] L'articolo Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

3-5-2018

Acido obeticolico nei pazienti con colangite biliare primitiva: la biopsia epatica conferma l'efficacia del trattamento a 3 anni  [Gastro]

Acido obeticolico nei pazienti con colangite biliare primitiva: la biopsia epatica conferma l'efficacia del trattamento a 3 anni [Gastro]

Le valutazioni tramite biopsia di un trattamento a 3 anni con acido obeticolico (OCA) confermano che la terapia a lungo termine con questa molecola, in grado di agire riducendo l'esposizione del fegato agli acidi biliari, porta alla regressione o alla stabilizzazione della fibrosi e della cirrosi nei pazienti con colangite biliare primitiva (PBC) che hanno avuto una risposta incompleta all'acido ursodesossicolico (UDCA). Questi risultati, in linea con quelli osservati in studi pre-clinici, forniscono la...

Italia - PharmaStar

1-5-2018

Acido ialuronico cationico, una soluzione per lo hair care

Acido ialuronico cationico, una soluzione per lo hair care

Amik Italia ha presentato Hydroxypropyltrimonium Hyaluronate, una innovativa versione di acido ialuronico che esercita una specifica azione condizionante sui capelli. L’acido ialuronico è solitamente una molecola lineare con carica negativa che ha scarsa interazione con i capelli. Combinandolo con un gruppo cationico, grazie a un processo altamente tecnologico, è stato possibile ottenere questo nuovo ingrediente […] L'articolo Acido ialuronico cationico, una soluzione per lo hair care sembra esser...

Italia - Kosmetica News

26-4-2018

Barcellona, forum dei dermatologi europei, esteri dell'acido fumarico sotto i riflettori [Varie]

Barcellona, forum dei dermatologi europei, esteri dell'acido fumarico sotto i riflettori [Varie]

Oltre 800 dermatologi ed esperti di salute della pelle, provenienti da tutta Europa, si sono riuniti a Barcellona, in occasione dell'undicesima edizione di 'Skin Academy', un forum di dermatologia medica, organizzata da Almirall.

Italia - PharmaStar

24-4-2018

Nuova soluzione terapeutica per il trattamento dell'iperuricemia nel paziente con gotta [Orto-Reuma]

Nuova soluzione terapeutica per il trattamento dell'iperuricemia nel paziente con gotta [Orto-Reuma]

Da oggi medici e pazienti possono contare su una nuova opportunità di trattamento, efficace nel correggere la ridotta escrezione renale di acido urico, causa dell'iperuricemia nell'80-90% dei casi: è stata annunciata oggi, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Milano, la disponibilità, anche nel nostro Paese, di lesinurad, un trattamento unico e innovativo che appartiene ad una nuova classe di uricosurici (farmaci che aumentano l'escrezione renale di acido urico). Questo trattamento, da somminis...

Italia - PharmaStar

24-4-2018

Arriva lesinurad, nuova soluzione terapeutica per il trattamento dell'iperuricemia nel paziente con gotta [Italia]

Arriva lesinurad, nuova soluzione terapeutica per il trattamento dell'iperuricemia nel paziente con gotta [Italia]

Da oggi medici e pazienti possono contare su una nuova opportunità di trattamento, efficace nel correggere la ridotta escrezione renale di acido urico, causa dell'iperuricemia nell'80-90% dei casi: è stata annunciata oggi, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Milano, la disponibilità, anche nel nostro Paese, di lesinurad, un trattamento unico e innovativo che appartiene ad una nuova classe di uricosurici (farmaci che aumentano l'escrezione renale di acido urico). Questo trattamento, da somminis...

Italia - PharmaStar

19-4-2018

Effetto protettivo cutaneo dell’epigallocatechina gallato

Effetto protettivo cutaneo dell’epigallocatechina gallato

L’epigallocatechin gallate (EGCG) è una catechina, polifenolo presente in maniera abbondante nel tè verde. Sebbene diversi documenti abbiano valutato l’EGCG come componente cosmetico, l’effetto di idratazione della pelle dell’EGCG è attualmente scarsamente compreso. Nel presente lavoro i ricercatori hanno studiato il meccanismo mediante il quale l’EGCG promuove l’idratazione della pelle, misurando l’espressione del gene dell’acido […] L'articolo Effetto protettivo cutaneo dell’epigallocatechina ga...

Italia - Kosmetica News

18-4-2018

Formulazione innovativa a base di airgel

Formulazione innovativa a base di airgel

Il potenziale interesse di una formula a base di airgel è l’uso in composti per pelli del viso naturalmente lucide. Nel presente studio sono stati applicati in vitro varie formule e ingredienti come un film sottile su piastre di contrasto, e studiati attraverso la misurazione della lucentezza indotta dopo l’applicazione di una miscela di acido […] L'articolo Formulazione innovativa a base di airgel sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

17-4-2018

Acido obeticolico, regressione di fibrosi e cirrosi in pazienti con colangite biliare primitiva. #EASL2018  [Gastro]

Acido obeticolico, regressione di fibrosi e cirrosi in pazienti con colangite biliare primitiva. #EASL2018 [Gastro]

Dati sulla biopsia epatica del sottostudio di fase 3, POISE, supportano la capacità dell'acido obeticolico (OCA) di indurre regressione o stabilizzare la fibrosi e la cirrosi nei pazienti con colangite biliare primitiva (PBC) a seguito di un trattamento a lungo termine. E' quanto emerge dai dati presentati durante l'International Liver Congress 2018, il 53 ° Meeting annuale dell'Associazione europea dello studio del fegato (EASL) da poco conclusosi a Parigi.

Italia - PharmaStar

8-4-2018

Antibiotici e acido-soppressori nella prima infanzia correlati a sviluppo di allergie [Pneumo]

Antibiotici e acido-soppressori nella prima infanzia correlati a sviluppo di allergie [Pneumo]

Nei neonati e nei primi sei mesi di vita, l'uso di farmaci per ridurre l'acidità gastrica e di antibiotici è legato al successivo sviluppo di malattie allergiche, probabilmente a causa dell'alterazione del microbioma intestinale, importante per la modulazione della risposta immunitaria. E' quanto emerge da uno studio pubblicato su JAMA Pediatrics.

Italia - PharmaStar

5-4-2018

La calendula per le pelli arrossate, disidratate e irritate

La calendula per le pelli arrossate, disidratate e irritate

La linea Cosmesi Funzionale 35% di Aessere comprende anche la Calendula Crema che vi segnaliamo. La Calendula officinalis è una pianta i cui fiori e le cui foglie hanno un contenuto importante di flavonoidi, mucillagini, triterpeni, polisaccaridi, caroteni, fitosteroli, acido salicilico, tannini pirogallici, oltre al proprio olio essenziale. La sinergia di queste componenti comporta un’azione […] L'articolo La calendula per le pelli arrossate, disidratate e irritate sembra essere il primo su Farma...

Italia - Farmacia News

2-4-2018

Palmitoiletanolamide per trattare il dolore cronico

Palmitoiletanolamide per trattare il dolore cronico

La palmitoiletanolamide (PEA) è un composto lipidico endogeno (ammide di un acido grasso) che presenta proprietà analgesiche e antinfiammatorie, che inibisce il rilascio di mediatori pro infiammatori da parte dei mastociti, cellule immunitarie ritenute esser coinvolte nell’insorgenza e nel mantenimento del dolore neuropatico. Studi scientifici ne hanno dimostrato l’efficacia nel trattamento di sindromi dolorose croniche […] L'articolo Palmitoiletanolamide per trattare il dolore cronico sembr...

Italia - Farmacia News

23-3-2018

Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica

Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica

Uno studio di fase II dimostra efficacia e tollerabilità di paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica primario o recidivante. Fidia Pharma Group ha annunciato i risultati emersi dallo studio di fase II che ha valutato l’attività antitumorale di paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico (Oncofid®P-B) in pazienti affetti da carcinoma papillare della […] L'articolo Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica s...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

18-3-2018

PAD, meno complicazioni agli arti inferiori con un approccio combinato rivaroxaban-aspirina a basse dosi [Cardio]

PAD, meno complicazioni agli arti inferiori con un approccio combinato rivaroxaban-aspirina a basse dosi [Cardio]

L'uso della combinazione di rivaroxaban a basso dosaggio e aspirina (acido acetilsalicilico, ASA) in pazienti con malattia arteriosa periferica (PAD) stabile agli arti inferiori offre vantaggi non solo nella prevenzione degli eventi avversi agli arti (MALE) ma nel mitigare gli esiti negativi che seguono tali eventi. È quanto dimostra un'analisi dello studio COMPASS, presentata a Orlando (USA) in occasione dell'American Academy of Cardiology 2018 Scientific Session (ACC.18), e pubblicata contemporaneamen...

Italia - PharmaStar

16-3-2018

Chiarimenti sulle Determinazioni AIFA del 29/01/2018 concernenti la sospensione delle AIC di agenti di contrasto per uso umano a base di gadolinio (16/03/2018)

Chiarimenti sulle Determinazioni AIFA del 29/01/2018 concernenti la sospensione delle AIC di agenti di contrasto per uso umano a base di gadolinio (16/03/2018)

A seguito delle richieste pervenute ad AIFA in merito ai provvedimenti di sospensione delle AIC di agenti di contrasto a base di gadolinio contenenti gadodiamide e acido gadopentetico, l’Agenzia fornisce chiarimenti sui provvedimenti stessi e sulla modalità di gestione delle scorte dei medicinali interessati.

Italia - AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

13-3-2018

L'acido bempedoico raggiunge l'obiettivo di riduzione del colesterolo [Cardio]

L'acido bempedoico raggiunge l'obiettivo di riduzione del colesterolo [Cardio]

La società farmaceutica Esperion, specializzata in farmaci per il colesterolo LDL elevato, ha annunciato che uno studio di Fase III sull'acido bempedoico, in alcuni pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) o ad alto rischio di ASCVD con ipercolesterolemia, ha raggiunto il suo endpoint primario con una diminuzione del colesterolo LDL del 28% rispetto al placebo.

Italia - PharmaStar

9-3-2018

L’integratore che sostiene la depurazione dell’organismo

L’integratore che sostiene la depurazione dell’organismo

L’accumulo di tossine può affaticare e rallentare le normali attività, causando stanchezza, sonnolenza, pesantezza e anche difficoltà digestive e gonfiori addominali. Bilepa, l’integratore alimentare proposto da Vital Factors Italia è un concentrato naturale di succhi d’ananas, aloe e prugna con con vitamine, minerali, arginina, ornitina, acido alfa lipoico, beta carotene ed estratti vegetali, che sostiene […] L'articolo L’integratore che sostiene la depurazione dell’organismo sembra essere il pri...

Italia - Farmacia News

7-3-2018

Mieloma multiplo, denosumab bene come acido zoledronico contro la malattia ossea [oncologia-ematologia]

Mieloma multiplo, denosumab bene come acido zoledronico contro la malattia ossea [oncologia-ematologia]

L'inibitore del ligando di RANK (RANKL) denosumab è risultato non inferiore al bisfosfonato acido zoledronico nel ritardare gli eventi avversi correlati all'apparato scheletrico in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi e una o più lesioni ossee litiche, in uno studio internazionale di fase III pubblicato di recente su The Lancet Oncology.

Italia - PharmaStar

5-3-2018

Una pelle pura e fresca

Una pelle pura e fresca

Nuxe offre alle giovani donne con pelle impura un’efficace soluzione cosmetica che associa la fresca idratazione della ninfea bianca del Madagascar, ricca di mucillagini, tannini e polifenoli, all’acido ialuronico di origine naturale. Si chiama Aquabella la nuova linea di trattamenti, il cui profumo evoca un sentore acquatico che coniuga la delicatezza fiorita del gelsomino a una […] L'articolo Una pelle pura e fresca sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

4-3-2018

Prevenzione del TEV dopo artroplastica di anca o ginocchio, proposto switch da NOAC ad ASA al 5° giorno [Cardio]

Prevenzione del TEV dopo artroplastica di anca o ginocchio, proposto switch da NOAC ad ASA al 5° giorno [Cardio]

Secondo i dati del nuovo studio EPCAT II, pubblicato sul "New England Journal of Medicine", per la prevenzione del tromboembolismo venoso sintomatico (TEV) il passaggio (switch) da un anticoagulante orale diretto ad aspirina (acido acetilsalicilico, ASA) nei primi giorni dopo l'artroplastica di anca o ginocchio risulta efficace.

Italia - PharmaStar

3-3-2018

Un'aspirina al giorno riduce la mortalità in pazienti con diabete 2 e scompenso cardiaco. Anteprima ACC.18 [Cardio]

Un'aspirina al giorno riduce la mortalità in pazienti con diabete 2 e scompenso cardiaco. Anteprima ACC.18 [Cardio]

Per le persone che vivono sia con diabete di tipo 2 sia con insufficienza cardiaca, l'assunzione quotidiana di un'aspirina (acido acetilsalicilico, ASA) sembra ridurre il rischio di morte o ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, secondo una ricerca che sarà presentata a Orlando (USA), durante 67a sessione scientifica annuale dell'American College of Cardiology (ACC.18).

Italia - PharmaStar

10-2-2018

Lo sciroppo che integra il ferro

Lo sciroppo che integra il ferro

Ferrogreen Plus sciroppo è stato formulato dai laboratori Specchiasol con ingredienti selezionati, come il ferro liposomiale, che migliora l’assorbimento del minerale a livello delle membrane cellulari intestinali Ferro, mela, rosa canina, albicocca, crescione, barbabietola, acido folico, vitamina B12 e manganese rientrano nella composizione di Ferrogreen Plus sciroppo. L’integratore è stato formulato dai laboratori Specchiasol con […] L'articolo Lo sciroppo che integra il ferro sembra essere il p...

Italia - Farmacia News

8-2-2018

Nota Informativa Importante su Ocaliva (acido obeticolico) (12/02/2018)

Nota Informativa Importante su Ocaliva (acido obeticolico) (12/02/2018)

L'Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili nuove e importanti raccomandazioni sulla differenziazione dei dosaggi di Ocaliva nei pazienti affetti da colangite biliare primitiva con insufficienza epatica moderata e grave.

Italia - AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

8-2-2018

Incapsulamento di estratti di foglie di olivo in nanoparticelle di PLA

Incapsulamento di estratti di foglie di olivo in nanoparticelle di PLA

Lo scopo del presente lavoro era quello di incapsulare l’estratto di foglie di olivo in nanoparticelle di acido polilattico biodegradabili, caratterizzare tali nanoparticelle e definire i parametri sperimentali che influenzano la procedura di incapsulamento. Inoltre, nello studio, le nanoparticelle caricate sono state incorporate in una formulazione cosmetica, studiando la stabilità della formulazione per un periodo […] L'articolo Incapsulamento di estratti di foglie di olivo in nanoparticelle di ...

Italia - Kosmetica News

2-2-2018

Vasculopatia aterosclerotica, rivaroxaban add-on ad ASA dimezza tassi di ictus ischemico e non alza rischi di emorragia intracerebrale [Neuro]

Vasculopatia aterosclerotica, rivaroxaban add-on ad ASA dimezza tassi di ictus ischemico e non alza rischi di emorragia intracerebrale [Neuro]

Una nuova ricerca - presentata all'International Stroke Conference (ISC) 2018, a Los Angeles - dimostra che, in pazienti con malattia vascolare aterosclerotica stabile, rivaroxaban associato ad acido acetilsalicilico (ASA) taglia di quasi la metà il tasso di ictus ischemico senza un significativo incremento del rischio di emorragia intracerebrale (ICH) rispetto all'ASA.

Italia - PharmaStar

31-1-2018

Aifa aggiorna le raccomandazioni sui medicinali contenenti micofenolato 

Aifa aggiorna le raccomandazioni sui medicinali contenenti micofenolato 

L’Agenzia italiana del farmaco hanno pubblicato una nota informativa importante circa il ricorso alla contraccezione da parte dei pazienti che fanno uso di medicinali contenenti micofenolato mofetile (MMF)/acido micofenolico (MPA). La nota recepisce le indicazioni in tal senso dell’Agenzia europea dei medicinali (scaricala qui). Il micofenolato è un principio attivo utilizzato per la prevenzione del rigetto […] L'articolo Aifa aggiorna le raccomandazioni sui medicinali contenenti micofenolato  sem...

Italia - Farmacia News

18-1-2018

Gel vaginale agli ioni d’argento in menopausa

Gel vaginale agli ioni d’argento in menopausa

È un dispositivo intravaginale monouso per il trattamento della sintomatologia nella Sindrome Genitourinaria in Menopausa (GSM). Promensil Gel di Named contribuisce alla riduzione della secchezza e dell’atrofia vaginali e ristabilisce il trofismo dei tessuti e le normali funzioni fisiologiche della mucosa. Si tratta di un dispositivo medico a base di acido ialuronico, associato a ioni […] L'articolo Gel vaginale agli ioni d’argento in menopausa sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

15-1-2018

Nota Informativa Importante su medicinali contenenti micofenolato mofetile (MMF)/acido micofenolico (MPA) (22/01/2018)

Nota Informativa Importante su medicinali contenenti micofenolato mofetile (MMF)/acido micofenolico (MPA) (22/01/2018)

L'Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili nuove e importanti informazioni sui medicinali contenenti micofenolato mofetile (MMF)/acido micofenolico (MPA) in relazione alla contraccezione.

Italia - AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco

11-1-2018

Autismo: meno rischi se la mamma assume acido folico e vitamine prime e durante la gravidanza [Altri Studi]

Autismo: meno rischi se la mamma assume acido folico e vitamine prime e durante la gravidanza [Altri Studi]

I bambini nati da donne che prima o durante la gravidanza hanno assunto supplementi multivitaminici o di acido folico potrebbero avere un rischio ridotto di sviluppare disordini dello spettro autistico. E' quanto emerso da uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Psychiatry, condotto da Stephen Z. Levine e colleghi del dipartimento di salute mentale comunitaria dell'Università di Haifa in Israele.

Italia - PharmaStar

5-1-2018

Antiepilettici in gravidanza, senza integrazione di acido folico rischio di tratti autistici nella prole  [Neuro]

Antiepilettici in gravidanza, senza integrazione di acido folico rischio di tratti autistici nella prole [Neuro]

Il rischio di tratti autistici nei bambini esposti a farmaci antiepilettici (AED) in utero può essere mitigato dalla supplementazione periconcezionale di acido folico e dal livello del folato. Pertanto, secondo un grande studio di coorte norvegese pubblicato online su "JAMA Neurology", le donne fertili che usano AED dovrebbero assumere continuamente integratori di acido folico.

Italia - PharmaStar

4-1-2018

Nuovo prodotto anti-età: uno studio clinico

Nuovo prodotto anti-età: uno studio clinico

L’invecchiamento della pelle può essere accelerato da molteplici fattori estrinseci: la radiazione ultravioletta, il fumo e l’inquinamento aumentano l’attività ossidativa, danneggiando componenti cellulari ed extracellulari come il DNA, le proteine e i lipidi. Con l’età, i livelli di collagene e acido ialuronico diminuiscono, con conseguente perdita di elasticità e umidità della pelle; con il passare […] L'articolo Nuovo prodotto anti-età: uno studio clinico sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

3-1-2018

Enfisema polmonare, uso regolare acido acetilsalicilico ne rallenta la progressione [Pneumo]

Enfisema polmonare, uso regolare acido acetilsalicilico ne rallenta la progressione [Pneumo]

L'utilizzo regolare di acido acetilsalicilico (ASA) si associa ad una riduzione superiore del 50% della progressione di enfisema/BPCO. Questo il responso del MESA Lung Study, di recente pubblicazione sulla rivista Chest. L'associazione tra ridotta progressione di enfisema/BPCO e impiego di ASA è stata documentata per tutte le dosi sperimentate, risultando di entità maggiore nei partecipanti più anziani dello studio con ostruzione significativa delle vie aeree respiratorie.

Italia - PharmaStar

17-12-2017

Scompenso cardiaco: ridotta da sacubitril/valsartan l'uricemia, predittore indipendente di outcome avversi  [Cardio]

Scompenso cardiaco: ridotta da sacubitril/valsartan l'uricemia, predittore indipendente di outcome avversi [Cardio]

La concentrazione sierica di acido urico (SUA) risulta un predittore indipendente di outcome peggiori dopo aggiustamento multivariabile in pazienti con scompenso cardiaco con ridotta frazione d'eiezione (HFrEF). Rispetto a enalapril, sacubitril/valsartan ha ridotto la SUA e ha migliorato gli outcome indipendentemente dall'uricemia. È quanto emerge da un'analisi del trial PARADIGM-HF, pubblicata online sull' "European Journal of Heart Failure".

Italia - PharmaStar

13-12-2017

Steatoepatite non alcolica, dati promettenti per gli agonisti del recettore FXR  [Gastro]

Steatoepatite non alcolica, dati promettenti per gli agonisti del recettore FXR [Gastro]

Ci sono diverse molecole in studio per la steatoepatite non alcolica (NASH) ma quelle che sembra daranno i migliori risultati sono gli attivatori del recettore FXR. I dati dello studio REGENERATIVE sull'acido obeticolico nel trattamento della NASH arriveranno nel 2019 ma le aspettative sono elevate considerando gli ottimi risultati dello studio che lo ha preceduto. Si ripongono molte speranze anche in GS-9674, altro inibitore del recettore FXR, che funzionando in modo analogo dovrebbe portare a risultat...

Italia - PharmaStar

9-12-2017

Chirurgia non cardiaca, benefici da aspirina a basso dosaggio perioperatoria in pazienti con pregresso PCI [Cardio]

Chirurgia non cardiaca, benefici da aspirina a basso dosaggio perioperatoria in pazienti con pregresso PCI [Cardio]

La somministrazione perioperatoria a basso dosaggio di aspirina (acido acetilsalicilico, ASA) può ridurre il rischio di morte e infarto miocardico (IM) non fatale dopo chirurgia non cardiaca nei pazienti che hanno subito un pregresso intervento coronarico percutaneo (PCI). Lo suggeriscono i risultati di un'analisi per sottogruppi post hoc non prespecificata del trial POISE-2, presentati ad Anheim (USA) durante le American Heart Association (AHA) 2017 Scientific Sessions e pubblicati negli "Annals of In...

Italia - PharmaStar

24-11-2017

Riempitivo a base di acido ialuronico con lidocaina

Riempitivo a base di acido ialuronico con lidocaina

Le depressioni infraorbitali della pelle sono una delle zone più facili da affrontare per i pazienti esteticamente consapevoli. Il presente lavoro ha avuto come obiettivo quello di valutare l’efficacia e la sicurezza di Juvéderm Volbella con Lidocaine (VYC-15L; Allergan plc, Dublino, Irlanda) per la correzione delle depressioni bilaterali infraorbitarie. In questo studio a 12 mesi, […] L'articolo Riempitivo a base di acido ialuronico con lidocaina sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

21-11-2017

Gotta, incidenza legata esclusivamente ad uricemia? [Orto-Reuma]

Gotta, incidenza legata esclusivamente ad uricemia? [Orto-Reuma]

L'incidenza di gotta è sì fortemente legata alle concentrazioni di acido urico nel sangue dei pazienti. Tuttavia, meno della metà dei pazienti con livelli di uricemia pari o superiori a 10 mg/dL svilupperà tale condizione in un lasso di tempo della durata di 15 anni. Queste le conclusioni di uno studio presentato nel corso dell'ultimo congresso ACR (ad oggi l'analisi più ampia, condotta sulla base dei dati individuali disponibili, ad avere esaminato tale relazione).

Italia - PharmaStar

18-11-2017

By-pass aorto-coronarico, pervietà della safena migliore con DAPT rispetto ad ASA e ticagrelor da soli [Cardio]

By-pass aorto-coronarico, pervietà della safena migliore con DAPT rispetto ad ASA e ticagrelor da soli [Cardio]

Anaheim, California. Nel corso delle American Heart Association Sessions 2017 è stato presentato un nuovo studio, denominato DACAB, che dimostra come la combinazione di acido acetilsalicilico (ASA) più ticagrelor porta a miglioramenti significativi nella pervietà dell'innesto della vena safena (SVG) a 12 mesi rispetto al solo ASA nei pazienti sottoposti a by-pass aorto-coronarico (CABG). Più precisamente, la pervietà era migliore con ticagrelor più ASA rispetto a uno dei due agenti da soli, anche se i r...

Italia - PharmaStar

12-11-2017

Ca al seno iniziale, benefici di zoledronato variano in base allo status di MAF  [OncoEmato]

Ca al seno iniziale, benefici di zoledronato variano in base allo status di MAF [OncoEmato]

Nelle donne con un carcinoma mammario iniziale, i risultati del trattamento con il bisfosfonato acido zoledronico in aggiunta alla terapia adiuvante standard sono diversi a seconda dell'espressione o meno dell'oncogene MAF, un biomarker di metastasi ossee. È questo il risultato dello studio randomizzato di fase III AZURE, un trial multicentrico inglese pubblicato di recente su The Lancet Oncology. Le pazienti MAF-negative sembrano trarre beneficio dalla terapia con il bisfosfonato, mentre quelle MAF-pos...

Italia - PharmaStar

5-11-2017

Aspirina, se presa a lungo dimezza i tumori gastrici. Studio alla 25a UEG Week [OncoEmato]

Aspirina, se presa a lungo dimezza i tumori gastrici. Studio alla 25a UEG Week [OncoEmato]

In 120 anni di vita, dopo aver rivoluzionato la terapia di febbre e dolore, dopo aver fatto crollare drammaticamente le morti per infarto, l'acido acetilsalicilico, conosciuto in tutto il mondo con il nome di aspirina si candida adesso a un impiego anche in prevenzione oncologica. Di queste proprietà ci arriva una conferma importante dal recente congresso europeo di malattie digestive nel corso del quale è stato presentato uno studio che dimostra come l'uso a lungo termine di aspirina riduce l'incidenz...

Italia - PharmaStar

5-11-2017

AF e coronaropatia combinate, con ASA i DOAC sono più efficaci e sicuri rispetto ai VKA [Cardio]

AF e coronaropatia combinate, con ASA i DOAC sono più efficaci e sicuri rispetto ai VKA [Cardio]

I DOAC (anticoagulanti orali ad azione diretta, noti anche come NOAC o NAO) possono essere più sicuri ed efficaci rispetto agli anticoagulanti orali antagonisti della vitamina K (VKA) nel trattamento dei pazienti con fibrillazione atriale (AF) in terapia concomitante con acido acetilsalicilico (ASA). È questo l'esito di una meta-analisi di studi randomizzati controllati (RCT) pubblicata online su "Circulation".

Italia - PharmaStar

3-11-2017

Mezzo di contrasto per risonanza magnetica

Mezzo di contrasto per risonanza magnetica

Il nuovo mezzo di contrasto per risonanza magnetica Claricyclic™ (acido gadoterico) di GE Healthcare ha ricevuto l’autorizzazione all’immissione in commercio in Italia. Sviluppato per aumentare la gamma di opzioni disponibili per pazienti e radiologi, Claricyclic™ è un mezzo di contrasto a base di gadolinio progettato per supportare un’efficace visualizzazione delle patologie a carico del sistema […] L'articolo Mezzo di contrasto per risonanza magnetica sembra essere il primo su ...

Italia - Tecnica Ospedaliera

24-10-2017

Acido obeticolico, efficacia e sicurezza in fase II in pazienti con colangite sclerosante primitiva [Gastro]

Acido obeticolico, efficacia e sicurezza in fase II in pazienti con colangite sclerosante primitiva [Gastro]

L'acido obeticolico ha prodotto una riduzione statisticamente significativa della fosfatasi alcalina (ALP) rispetto al placebo alla 24a settimana di trattamento in pazienti con colangite sclerosante primitiva (PSC). I dati derivano da uno studio di fase 2 e sono stati presentati durante il Liver Meeting 2017, il convegno annuale dell'associazione americana per lo studio delle malattie epatiche (AASLD), a Washington. Allo studio hanno partecipato anche centri italiani, 'Università di Bologna (prof. Pietr...

Italia - PharmaStar

20-10-2017

Malattie del sistema nervoso e recettori metabotropici del glutammato

Malattie del sistema nervoso e recettori metabotropici del glutammato

I recettori metabotropici per il glutammato (mGlu) sono proteine di membrana che rispondono all’acido glutammico, il principale neurotrasmettitore eccitatorio del Sistema Nervoso Centrale. Essi quindi risultano cruciali nella trasmissione di segnali tra le cellule del sistema nervoso. I recettori mGlu sono considerati uno dei più promettenti bersagli verso i quali indirizzare terapie innovative contro diverse patologie neurologiche e psichiatriche, […] L'articolo Malattie del sistema nervoso e rec...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

20-10-2017

Colangite biliare primitiva, disponibile in Italia un nuovo farmaco a base di acido obeticolico

Colangite biliare primitiva, disponibile in Italia un nuovo farmaco a base di acido obeticolico

La molecola della statunitense Intercept è sul mercato dal 18 ottobre. Dopo vent’anni d’attesa una nuova opzione per il trattamento della malattia rara del fegato che in Italia colpisce 13mila persone L'articolo Colangite biliare primitiva, disponibile in Italia un nuovo farmaco a base di acido obeticolico sembra essere il primo su AboutPharma.

Italia - AboutPharma

18-10-2017

Vitamine e minerali per capelli, unghie e pelle

Vitamine e minerali per capelli, unghie e pelle

Tra gli integratori alimentari inseriti nella linea Colours of Life da Optima Naturals segnaliamo un integratore che contribuisce al normale mantenimento di capelli, unghie e pelle. Si chiama, infatti, Capelli – Unghie – Pelle, e ha una composizione che prevede ben 16 vitamine (A, C e del gruppo B compreso l’acido folico), il coenzima Q10, […] L'articolo Vitamine e minerali per capelli, unghie e pelle sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

18-10-2017

Il ferro biodisponibile in flaconcini

Il ferro biodisponibile in flaconcini

Ferrogreen plus monodose è realizzato in pratici flaconcini dotati di un tappo dosatore contenente ferro, estratto di Rosa canina titolato in vitamina C, vitamina D, vitamina B12 e acido foli L'articolo Il ferro biodisponibile in flaconcini sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

18-10-2017

Multivitaminici in gravidanza allontanano i rischi autismo con disabilità intellettiva  [Altri Studi]

Multivitaminici in gravidanza allontanano i rischi autismo con disabilità intellettiva [Altri Studi]

Durante la gravidanza, la supplementazione multivitaminica materna, con aggiunta di ferro e/o acido folico, è associata a un rischio ridotto del 31% dei disturbi dello spettro autistico con disabilità intellettiva nei bambini. Sono le conclusioni di uno studio recentemente pubblicato sul British Medical Journal, in cui gli autori hanno anche affermato che, invece, la supplementazione non influenza la probabilità di sviluppare i disturbi dello spettro autistico senza disabilità intellettiva.

Italia - PharmaStar

18-10-2017

Colangite biliare primitiva, acido obeticolico da oggi in commercio in Italia [Italia]

Colangite biliare primitiva, acido obeticolico da oggi in commercio in Italia [Italia]

Una nuova terapia per la Colangite Biliare Primitiva (CBP) è disponibile per i pazienti Italiani; la molecola, acido obeticolico, in commercio come Ocaliva, rappresenta il primo nuovo trattamento in Europa da circa 20 anni per questa rara malattia epatica che colpisce prevalentemente le donne.

Italia - PharmaStar

18-10-2017

Multivitaminici in gravidanza allontanano i rischi autismo con disabilità intellettiva  [Neuro]

Multivitaminici in gravidanza allontanano i rischi autismo con disabilità intellettiva [Neuro]

Durante la gravidanza, la supplementazione multivitaminica materna, con aggiunta di ferro e/o acido folico, è associata a un rischio ridotto del 31% dei disturbi dello spettro autistico con disabilità intellettiva nei bambini. Sono le conclusioni di uno studio recentemente pubblicato sul British Medical Journal, in cui gli autori hanno anche affermato che, invece, la supplementazione non influenza la probabilità di sviluppare i disturbi dello spettro autistico senza disabilità intellettiva.

Italia - PharmaStar

13-10-2017

Acido ursodesossicolico più bezafibrato, meno prurito nei pazienti con colangite biliare primitiva [Gastro]

Acido ursodesossicolico più bezafibrato, meno prurito nei pazienti con colangite biliare primitiva [Gastro]

La terapia a lungo termine con acido ursodesossicolico combinato e bezafibrato consente la normalizzazione della fosfatasi alcalina in più del 50% dei pazienti con colangite biliare primaria (PBC) e sollievo dal prurito in un'alta percentuale di soggetti. E' quanto emerge dai risultati di uno studio pubblicato di recente sull'American Journal of Gastroenterology.

Italia - PharmaStar

11-10-2017

Gotta iniziale, le recidive con febuxostat si riducono in Fase II [Orto-Reuma]

Gotta iniziale, le recidive con febuxostat si riducono in Fase II [Orto-Reuma]

I pazienti con gotta all'esordio, sottoposti a terapia ipouricemizzante con febuxostat, sperimentano un miglioramento della sinovite documentata mediante imaging a risonanza magnetica (MRI) e una riduzione delle recidive di malattia rispetto ai pazienti di un gruppo placebo. Lo dimostrano i risultati di un trial randomizzato, in doppio cieco, controllato vs. placebo, di recente pubblicazione su Arthritis Rheumatology che suggeriscono come la riduzione dei livelli di acido urico nel sangue nella gotta al...

Italia - PharmaStar

2-10-2017

Everolimus riduce le infezioni virali dopo trapianto di rene  [Altri Studi]

Everolimus riduce le infezioni virali dopo trapianto di rene [Altri Studi]

Nuovi dati di fase IV confermano l'elevata efficacia del regime a base di everolimus nei pazienti sottoposti a trapianto di rene, in associazione a una ridotta esposizione all'inibitore della calcineurina (CNI). I dati - che sono stati presentati al congresso della European Society of Organ Transplantation (ESOT) a Barcellona - pongono a confronto everolimus in associazione a una esposizione ridotta di CNI verso l'acido micofenolico (MPA, mycophenolic acid) con esposizione standard al CNI.

Italia - PharmaStar

26-9-2017

Acido obeticolico, dosi eccessive collegate a danni epatici, report Fda [Fda]

Acido obeticolico, dosi eccessive collegate a danni epatici, report Fda [Fda]

Dosi eccessive di acido obeticolico possono causare lesioni epatiche in pazienti con colangite biliare primitiva (PBC). Questo è quanto reso noto dall'Fda in una comunicazione di sicurezza in cui viene sottolineato che il farmaco, dosato in modo scorretto, in alcuni pazienti ha prodotto diminuzioni da moderate a severe nella funzionalità epatica, con conseguente aumento del rischio di gravi lesioni epatiche, in alcuni casi fatali.

Italia - PharmaStar

6-9-2017

Un solo integratore per controllare il peso e stare bene

Un solo integratore per controllare il peso e stare bene

Associando Moringa oleifera e Garcinia gambogia nasce un integratore alimentare con la duplice azione, in un solo prodotto, di controllare il peso e sostenere il benessere. Si chiama Moringarcinia, e lo ha realizzato Naturando come superfood che riduce il senso di fame assicurando però l’apporto di nutrienti fondamentali. Infatti mentre l’acido idrossicitrico (G. Cambogia) favorisce il metabolismo dei grassi e controlla il senso di fame, […] L'articolo Un solo integratore per controllare il peso e...

Italia - Farmacia News

5-9-2017

Acqua mineralizzante per rinforzare le difese naturali della pelle

Acqua mineralizzante per rinforzare le difese naturali della pelle

L’89% della formula è Acqua Termale Mineralizzante di Vichy, accanto ad un’alta dose di acido ialuronico e a pochi altri ingredienti, in totale sono 11 per un trattamento adatto anche per la pelle sensibile. Con Minéral 89 i Laboratori Vichy invece di incorporare grandi quantità di acqua mineralizzante di Vichy in differenti formule, hanno trasformato […] L'articolo Acqua mineralizzante per rinforzare le difese naturali della pelle sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

5-9-2017

Il nutrimento per la pelle

Il nutrimento per la pelle

Swisse Bellezza della Pelle è un integratore alimentare in compresse, formulato con acido ialuronico e peptidi del collagene, pensato per supportare l’elasticità cutanea e proteggere l’organismo dallo stress ossidativo L'articolo Il nutrimento per la pelle sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

30-8-2017

Acido obeticolico per la colangite biliare primitiva

Acido obeticolico per la colangite biliare primitiva

Acido obeticolico per la colangite biliare primitiva è stato ammesso alla rimborsabilità da parte del SSN con determina AIFA 1352/2017. L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha ammesso alla rimborsabilità da parte del Servizio Sanitario Nazionale Ocaliva® (acido obeticolico) per il trattamento della colangite biliare primitiva in combinazione con acido ursodesossicolico (UDCA) negli adulti con risposta inadeguata a […] L'articolo Acido obeticolico per la colangite biliare primitiva sembra es...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

24-8-2017

Colangite biliare primitiva, acido obeticolico ottiene rimborsabilità da AIFA [Italia]

Colangite biliare primitiva, acido obeticolico ottiene rimborsabilità da AIFA [Italia]

L'Aifa ha ammesso alla rimborsabilità da parte del Servizio Sanitario Nazionale l'acido obeticolico per il trattamento della colangite biliare primitiva in combinazione con acido ursodesossicolico (UDCA) negli adulti con risposta inadeguata all'UDCA o come monoterapia negli adulti che non tollerano l'UDCA. Sviluppato dalla biotech americana Intercept, il farmaco sarà messo in commercio con il marchio Ocaliva.

Italia - PharmaStar

17-7-2017

Un valido aiuto nel controllo del colesterolo

Un valido aiuto nel controllo del colesterolo

Pharma Food Manufacturing Italia è un’azienda autorizzata dal Ministero della Salute alla produzione di integratori alimentari e dietetici destinati a un’alimentazione particolare. La società ha recentemente lanciato sul mercato Apple Complex Colesterolo, un integratore alimentare in capsule acido resistenti a base di estratto polifenolico di Melannurca Campana IGP il cui uso è indicato anche durante […] L'articolo Un valido aiuto nel controllo del colesterolo sembra essere il primo su NCF - Notiz...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

13-7-2017

Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofenonici

Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofenonici

L’uso diffuso dei filtri UV nei prodotti per la cura personale suscita preoccupazioni circa i loro effetti potenzialmente pericolosi sulla salute umana e sull’ecosistema. In questo studio, è stata valutata la tossicità di quattro filtri UV benzofenonici (BP) comunemente impiegati e in particolare benzofenone (BP), 2-idrossibenzofenone (2HB), 2-idrossi-4-metossibenzofenone (BP3) e 2-idrossi-4-metossibenzofenone-5 – acido solfonico (BP4). […] L'articolo Effetti ecotossicologici dei filtri UV benzofe...

Italia - Kosmetica News