Cordarone

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Cordarone compresse
  • Forma farmaceutica:
  • compresse
  • Composizione:
  • amiodaroni hydrochloridum 200 mg, excipiens pro compresso.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Cordarone compresse
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • Antiaritmici

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 33393
  • Data dell'autorizzazione:
  • 18-01-1968
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Texte approuvé en français 31.01.2017 CCDSV20

Informazione destinata ai pazienti

Legga attentamente il foglietto illustrativo prima di far uso del medicamento.

Questo medicamento le è stato prescritto personalmente e quindi non deve essere consegnato ad altre

persone, anche se i sintomi sono gli stessi. Il medicamento potrebbe nuocere alla loro salute.

Conservi il foglietto illustrativo per poterlo rileggere all’occorrenza.

CORDARONE® Compresse

Che cos’è Cordarone e quando si usa?

Su prescrizione medica.

Cordarone è un medicamento che riporta alla normalità varie disfunzioni cardiache. Esso regolarizza

il battito cardiaco irregolare, troppo forte o troppo veloce, senza influenzare la forza di contrazione

del cuore.

Il suo medico le prescrive Cordarone per il trattamento del ritmo cardiaco irregolare o troppo veloce.

Di che cosa bisogna tener conto durante il trattamento?

Le persone che soffrono di disturbi cardiaci reagiscono con maggior sensibilità allo stress, al

nervosismo e all’eccitazione; ma anche al fumo e al consumo di bevande a base di caffeina.

Cerchi quindi di evitare il più possibile questi fattori nocivi per il cuore.

Quando non si può assumere Cordarone?

Non si deve usare Cordarone nei casi seguenti:

·reazione di ipersensibilità (allergia) allo iodio o al principio attivo amiodarone,

·ritmo cardiaco troppo lento, alterazioni della circolazione cardiaca,

·disturbi della funzionalità della tiroide, gozzo

·diminuzione della concentrazione di potassio nel sangue,

·trattamento con un inibitore delle monoaminossidasi (medicamento utilizzato nel trattamento della

depressione).

Quando è richiesta prudenza nella somministrazione di Cordarone?

Se ha sofferto di disturbi della funzionalità della tiroide oppure se questo tipo di malattia è presente

nella sua famiglia lo comunichi al medico, che sarà indotto a effettuare una sorveglianza medica

regolare.

Poiché durante il trattamento con Cordarone si possono manifestare eruzioni cutanee, si consiglia di

evitare l’esposizione diretta al sole o di proteggersi comunque con creme solari con un elevato indice

di protezione.

Si consiglia di utilizzare Cordarone solo in caso di assoluta necessità se è stato(a) trattato(a) con

medicamenti contro il virus dell’epatite C (sofosbuvir in associazione con daclatasvir, simeprevir,

ledipasvir), poiché questi medicamenti possono provocare un’interazione medicamentosa con

Cordarone, che si manifesta attraverso disturbi gravi del ritmo cardiaco (ritmo cardiaco troppo lento).

Questa aritmia può potenzialmente mettere in pericolo di vita. Di conseguenza, se è stato(a)

trattato(a) con Cordarone, con o senza altri medicamenti che diminuiscono la frequenza cardiaca e se

assume nel medesimo tempo questi medicamenti contro l’epatite C, contatti immediatamente il

medico o si rechi presso l’ospedale più vicino se avverte tali sintomi (notevole diminuzione del ritmo

cardiaco, vertigini, svenimento).

Diversi medicamenti possono potenziare l’intensità degli effetti indesiderati di Cordarone, oppure la

loro azione può essere modificata da quest’ultimo.

Si tratta in particolare di medicamenti destinati alla terapia di malattie del cuore e/o dell’ipertensione

arteriosa, medicamenti che possono dare origine a un’ipopotassiemia, come determinati lassativi e

diuretici, antibiotici, antiallergici di tipo antistaminico, di medicamenti contro il dolore o l’epilessia,

di determinati tranquillanti e antidepressivi, di amine vasopressorie, di antinausea, di

anticongestionanti, di broncodilatatori, di medicamenti che inibiscono la coagulazione del sangue

(anticoagulanti), di medicamenti che vengono somministrati durante o dopo un trapianto d’organo

(ciclosporina) o di medica-menti che riducono il tasso di colesterolo nel sangue (statine). Deve

dunque assolutamente indicare al suo medico quali sono i medicamenti che prende già.

Prima e durante il trattamento, il suo medico può effettuare test per valutare il suo stato di salute,

quali delle analisi del sangue (ad esempio, un controllo periodico della funzione tiroidea), una

radiografia dei polmoni, un elettrocardiogramma e un controllo oftalmologico.

Se è previsto un intervento chirurgico, è importante avvertire in anticipo il medico dell’assunzione di

Cordarone.

Cordarone non deve essere preso in concomitanza con pompelmi, perché l’effetto farmacologico può

essere aumentato.

Informi il suo medico o il suo farmacista se

·soffre di altre malattie

·soffre di allergie o

·assume o applica esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua iniziativa!).

Questo medicamento può ridurre la capacità di reazione, la capacità di condurre un veicolo e la

capacità di utilizzare attrezzi o macchine.

Si può assumere Cordarone durante la gravidanza o l’allattamento?

Poiché il principio attivo contenuto in Cordarone attraversa la placenta e passa nel latte materno,

Cordarone non deve essere preso durante la gravidanza e l’allattamento, salvo se il suo medico ne

considera assolutamente indispensabile la somministrazione.

Come usare Cordarone?

Il suo medico determinerà un preciso schema posologico conforme al suo caso. Le seguenti

indicazioni sono perciò soltanto una direttiva generale.

Prendere 3 compresse da 200 mg al giorno, per 8-10 giorni.

Per la terapia a lungo termine, la posologia può variare da 100 a 400 mg al giorno. È possibile

prendere Cordarone ogni 2 giorni, oppure per 5 giorni consecutivi seguiti da una pausa di 2 giorni.

La pausa non è indispensabile, ma è possibile farla, grazie alla lunga durata d’azione del

medicamento, senza diminuire l’efficacia del trattamento.

Nei pazienti anziani può essere prescritta una dose quotidiana inferiore.

La dose giornaliera stabilita va presa possibilmente con un po’ d’acqua durante i pasti.

Non modifichi di propria iniziativa la posologia prescritta. Se ritiene che l’azione del medicamento

sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico o al suo farmacista.

Quali effetti collaterali può avere Cordarone?

Con l’assunzione di Cordarone possono manifestarsi i seguenti effetti collaterali: disturbi della

tiroide, disturbi respiratori, disturbi della vista, reazioni cutanee, manifestazioni digestive, disturbi

neurologici, aritmie, disturbi neuromuscolari.

Avverta subito il suo medico se durante la terapia con Cordarone nota difficoltà di respirazione,

tosse, febbre, dolori polmonari, stanchezza particolarmente pronunciata, diminuzione o aumento di

peso, leggero tremore degli arti o la ricomparsa di un ritmo cardiaco troppo elevato o irregolare o dei

disturbi digestivi (nausea, vomito, gusto metallico). Comunichi al suo medico anche se il polso

rallenta eccessivamente. Tutti questi sintomi possono indicare un disturbo della funzionalità della

tiroide o essere in altro modo correlati alla terapia con Cordarone.

Le alterazioni della funzione tiroidea frequentemente osservate sono costituite da un’attività

eccessiva o insufficiente. Molto frequentemente, la somministrazione di Cordarone può determinare

disturbi della vista (aloni colorati attorno agli oggetti, visione annebbiata, lacune del campo visivo o

ipersensibilità alla luce) che scompariranno completamente dopo aver cessato la terapia o, più

raramente, un abbassamento dell’acuità visiva.

Possono pure manifestarsi piuttosto frequentemente reazioni cutanee al sole; più raramente una

pigmentazione color ardesia delle parti scoperte della pelle o caduta dei capelli; molto raramente

eruzioni cutanee talora gravi dall’esito potenzialmente fatale. Se nota segni di eruzione cutanea che

non accenna a risolversi, bensì tende a formare bolle (vescicole) e/o a interessare le mucose,

sospenda l’assunzione di Cordarone e consulti immediatamente un medico.

Sono stati anche segnalati molto frequentemente: fenomeni transitori a carico del tratto digerente,

essenzialmente nella fase iniziale della terapia; disturbi del fegato, generalmente di modesta entità e

temporanei; frequentemente: alterazioni del ritmo cardiaco, alterazioni neurologiche, tremori, incubi,

alterazioni del sonno, mal di testa; raramente: asma, insufficienza respiratoria acuta; molto

raramente: dolori degli arti, stanchezza muscolare, inadeguato coordinamento dei movimenti,

anomalie del quadro ematico, dolore ai testicoli, impotenza, alterazioni del sistema immunitario,

quali edema e shock allergico immediato, infiammazione vascolare, infiammazione del pancreas,

epatiti gravi che rendono necessari controlli periodici del fegato. In questo caso, segua le

raccomandazioni del suo medico.

Raramente si è osservata una neuropatia ottica (infiammazione del nervo ottico) che si manifesta

sotto forma di diminuzione o addirittura perdita improvvisa della vista. Consulti immediatamente il

medico se nota disturbi oculari simili.

Durante la terapia con Cordarone, può manifestarsi o aggravarsi un’irregolarità del ritmo cardiaco.

Inoltre possono insorgere diminuzione dell’appetito, secchezza delle fauci, costipazione, riduzione

della libido, disturbi dell’olfatto, disturbi psichiatrici quali allucinazioni e confusione mentale.

Sono stati osservati una sindrome lupus-simile composto di perdita di peso, un’ eruzione cutanea

persistente, febbre, stanchezza, dolori articolari o muscolari e infiammazioni.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti, dovrebbe informare il suo medico o il suo farmacista.

Di che altro occorre tener conto?

Cordarone deve essere conservato al riparo dalla luce, in un luogo asciutto, a temperatura inferiore a

30°C e fuori dalla portata dei bambini.

Il medicamento non deve essere utilizzato oltre la data indicata con “EXP” sul contenitore.

Il suo medico o il suo farmacista, che sono in possesso di un’informazione professionale dettagliata,

possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene Cordarone?

Il principio attivo di Cordarone è l’amiodarone.

1 compressa di Cordarone contiene 200 mg di amiodarone ed eccipienti.

Contiene lattosio.

Numero dell’omologazione

33393 (Swissmedic)

Dov’è ottenibile Cordarone? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia dietro presentazione della prescrizione medica.

Cordarone: 20 e 60 compresse (divisibili)

Titolare dell’omologazione

sanofi-aventis (svizzera) sa, 1214 Vernier/GE

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l’ultima volta nel gennaio 2017 dall’autorità

competente in materia di medicamenti (Swissmedic).