CHININA SOLFATO

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • CHININA SOLFATO 20CPR 250MG
  • Forma farmaceutica:
  • COMPRESSE
  • Composizione:
  • 20 COMPRESSE RIVESTITE 250 MG
  • Classe:
  • C
  • Tipo di ricetta:
  • Ricetta ripetibile, validità 6 mesi, ripetibile 10 volte
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • CHININA SOLFATO 20CPR 250MG
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 031313012
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antimalarico che agisce come schizonticida.

E' anche gametocida.

INDICAZIONI

Trattamento di febbri malariche provocate da ceppi di

P.falciparum re-sisitenti alla clorochina, alla sulfadoxima, alla

pirimetamina.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI

Soggetti con precedenti emolitici, tinnito, neuriti ottiche,

fibrilla-zione atriale o altre cardiopatie, miastenia, carenza di

G6PDH. Iper-sensibilita' ai componenti.

POSOLOGIA

Adulti: 650 mg ogni 8 ore per 10-14 giorni, quando l'infezione e'

pro-vocata da ceppi resistenti alla clorochina; 200-1000mg ogni 8

ore per6-12 giorni per le altre infezioni malariche.

Bambini: 8,3 mg/kg peso ogni 8 ore.

INTERAZIONI

Gli antiacidi contenenti alluminio possono ridurne

l'assorbimento.

Lacimetidina puo' prolungarne l'emivita.

La chinina prolunga l'emivitaplasmatica della digossina, prolunga

gli effetti dei bloccanti neuro-muscolari e contrasta quella

degli inibitori della acetilcolinestera-si.

EFFETTI INDESIDERATI

Dopo trattamenti prolungati disturbi gastrointestinali, cutanei,

uditivi, visivi.

Inoltre: anemia emolitica, trombocitopenia, ipoprotrombi-nemia,

agranulocitosi, crisi asmatiche, ipoglicemia, iperinsulinemia.

Reazioni tossiche in pazienti ipersensibili.