CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • CALCIO LEVOF.FIDIA 1FL 100MG
  • Forma farmaceutica:
  • PREPARAZIONE INIETTABILE
  • Composizione:
  • " 100 MG POLVERE PER SOLUZIONE PER INFUSIONE " 1 FLACONCINO
  • Classe:
  • H
  • Tipo di ricetta:
  • Uso ospedaliero
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • CALCIO LEVOF.FIDIA 1FL 100MG
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 036086027
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo

Foglio illustrativo 25 mg 

CALCIO LEVOFOLINATO fidia 25 mg polvere per soluzione iniettabile

V03AF04 Calcio levo-folinato

COMPOSIZIONE

Ogni flacone contiene:

Principio attivo: Calcio levo-folinato 27 mg (pari ad acido levo-folinico 25 mg).

Eccipienti: mannitolo, acido cloridrico e/o sodio idrossido.

FORMA FARMACEUTICA E CONFEZIONE

Polvere per soluzione per uso parenterale intramuscolare, endovenoso o per infusione.

1 flacone da 25 mg.

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antidoto disintossicante.

TITOLARE AIC

Fidia Farmaceutici S.p.A. - Via Ponte della Fabbrica, 3/A - 35031 Abano Terme (PD)

PRODUTTORE

BIOLOGICI Italia Laboratories S.r.l. - Via Filippo Serpero, 2 -  Masate (MI)

HIKMA ITALIA S.p.A. - V.le Certosa n. 10 - Pavia

CONTROLLORE FINALE

BIOLOGICI Italia Laboratories S.r.l. - Via Filippo Serpero, 2 -  Masate (MI)

HIKMA ITALIA S.p.A. - V.le Certosa n. 10 - Pavia 

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA trova utilità come antidoto di dosi eccessive di antagonisti dell'acido

folico e per combattere gli effetti collaterali indotti da aminopterina (acido 4-amino-pteroil-glutammico) e da

metotressato   (acido   4-amino-N10-metil-pteroil-glutammico).   CALCIO   LEVOFOLINATO   FIDIA   trova

inoltre indicazione in tutte le forme anemiche da carenza di folati dovute ad aumentata richiesta, ridotta

utilizzazione, insufficiente apporto dietetico di folati.

CONTROINDICAZIONI

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA non deve essere somministrato per il trattamento dell'anemia perniciosa

o di altre anemie megaloblastiche quando la vitamina B

  è carente, se non in associazione alla medesima.

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

PRECAUZIONI D'USO

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

Convulsioni   e/o   sincope  sono  stati  riportati  raramente  in   pazienti  portatori   di  tumore   in  trattamento   con

calcio levo-folinato, di solito in associazione a fluoropirimidine, ed in particolare in pazienti con metastasi al

sistema nervoso centrale o in pazienti predisposti; tuttavia non è stata stabilita una correlazione diretta di

questi episodi.

CALCIO   LEVOFOLINATO   FIDIA   è   una   terapia   impropria   dell'anemia   perniciosa   o   di   altre   anemie

megaloblastiche   conseguenti   a   carenza   di   vitamina   B

:   può   verificarsi,   infatti,   remissione   ematologica,

mentre le manifestazioni neurologiche restano progressive. La terapia va pertanto condotta sotto controllo

ematologico.

Nel   trattamento   del   sovradosaggio   da   antagonisti   dell'acido   folico   la   somministrazione   dell'acido   levo-

folinico   deve   essere   effettuata   possibilmente   entro   1   ora,   risultando   generalmente   inefficace   una

somministrazione   dopo   un   periodo   di  4   ore.  La  somministrazione   del   farmaco   deve   essere   eseguita   con

attenzione in modo da evitare pericolo di reazioni allergiche od effetti collaterali.

INTERAZIONI MEDICAMENTOSE

L'acido levo-folinico antagonizza gli effetti degli antifolici. Agisce come "salvataggio" (rescue) nella terapia

con alte dosi di metotressato e come antidoto in caso di sovradosaggio.

AVVERTENZE SPECIALI

Uso in gravidanza ed allattamento. Le anemie in gravidanza conseguenti all'aumentato fabbisogno di folati

possono essere migliorate o normalizzate con somministrazioni di acido levo-folinico.

Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine. CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA non

interferisce sulla capacità di guidare e sull'uso di macchine.

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

DOSE, MODO E TEMPO DI SOMMINISTRAZIONE

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA può essere somministrato per via intramuscolare, per infusione o per via

endovenosa.

La polvere liofilizzata può essere ricostituita con 5 ml di acqua sterile per soluzioni iniettabili; per l'infusione

usare soluzione fisiologica.

La soluzione ricostituita può essere conservata per 12 ore, al riparo dalla luce.

L'impiego di calcio levo-folinato è indicato nell'ambito di protocolli particolari di chemioterapia antiblastica

con alti dosaggi di metotressato.

In   base   alle   più   recenti   acquisizioni,   per   migliorare   l'indice   terapeutico   del   metotressato,   CALCIO

LEVOFOLINATO FIDIA viene utilizzato in un trattamento sequenziale antidotico ("rescue"). Adottando

schemi   terapeutici   che   prevedono   l'utilizzazione   di   metotressato,   ad   alti   dosaggi,   e   di   CALCIO

LEVOFOLINATO FIDIA è infatti possibile un miglior controllo delle forme tumorali, senza registrare, nel

contempo, significativi incrementi di tossicità.

Il   protocollo   terapeutico   prevede   l'impiego   dell'acido   levo-folinico   per   via   parenterale   nella   prima   fase

corrispondente   all'antidotismo   per   competizione,   per   via   orale   nella   seconda   fase,   in   cui   entra   in   gioco

prevalentemente   la   componente   biochimico-metabolica.   Al   momento   tuttavia   non   risultano   definiti   con

certezza schemi posologici generali.

Poiché il calcio levo-folinato è un antagonista del metotressato, la loro concomitante somministrazione può

essere   attuata   solo   quando,   nei   singoli   casi,   si   è   proceduto   alla   definizione   di   uno   specifico   protocollo

terapeutico. A tale scopo è raccomandabile consultare la più recente letteratura in materia.

Antidoto in caso di sovradosaggio di metotressato.

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA, antidoto specifico del metotressato, consente di neutralizzare gli effetti

tossici esercitati dall'antimetabolita sul sistema ematopoietico e sulle mucose dell'apparato digerente. Nel suo

ruolo   di   antidoto,   CALCIO   LEVOFOLINATO   FIDIA   viene   impiegato   a   diverse   posologie   in   funzione

dell'effetto da ottenere. Nei casi di sovradosaggio accidentale, per ottenere un effetto di competizione, si

consiglia CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA per infusione (fino a 50 mg entro 12 ore); per ottenere un

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

effetto   biochimico-metabolico   si   consiglia   CALCIO   LEVOFOLINATO   FIDIA   per   via   intramuscolare   o

endovenosa (5-6 mg ogni 6 ore per 4 dosi).

Nei casi di effetti collaterali da dosi convenzionali di metotressato si consiglia CALCIO LEVOFOLINATO

FIDIA per via parenterale (i.m. o e.v. 5-6 mg ogni 6 ore per 4 dosi).

Nei casi di somministrazione accidentale, CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA deve essere somministrato in

dosi   pari   o   superiori   a   quelle   del   metotressato   entro   la   prima   ora;   la   somministrazione   di   CALCIO

LEVOFOLINATO FIDIA in tempi successivi risulta meno efficace.

Nella terapia delle anemie da carenza di folati.

Per   particolari   patologie   si   consiglia   la   via   intramuscolare.   Il   trattamento   si   inizierà   con   una

somministrazione di 5 mg di CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA continuando poi giornalmente con detta

dose per 10-15 giorni. In caso di risposta favorevole la dose potrà scendere quindi a 2,5 mg di CALCIO

LEVOFOLINATO FIDIA al giorno continuando fino alla normalizzazione del quadro ematologico ed alla

scomparsa dei segni clinici.

SOVRADOSAGGIO

Non sono stati segnalati fino ad ora effetti da sovradosaggio.

EFFETTI INDESIDERATI

La somministrazione del prodotto può essere seguita da reazioni generali di ipersensibilità (febbre, orticaria,

ipotensione arteriosa, tachicardia, broncospasmo, shock anafilattico).

Il rispetto delle istruzioni riportate nel presente foglio illustrativo riduce il rischio di effetti collaterali.

È opportuno che il paziente comunichi al medico curante o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato, ove

riscontrato.

SCADENZA E CONSERVAZIONE

Vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. Tale data si intende per il prodotto in confezionamento

integro correttamente conservato.

Attenzione: non utilizzare il prodotto oltre la data di scadenza indicata sulla confezione

Ultima revisione del foglio illustrativo  da parte dell'Agenzia  Italiana  del Farmaco in data: ottobre

2010

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

Foglio illustrativo 100 mg – 175 mg 

CALCIO LEVOFOLINATO fidia

100 mg polvere per soluzione per infusione

175 mg polvere per soluzione per infusione

V03AF04 Calcio levo-folinato

COMPOSIZIONE

Ogni flacone da 100 mg contiene:

Principio attivo: Calcio levo-folinato 108 mg (pari ad acido levo-folinico 100 mg).

Eccipienti: mannitolo, acido cloridrico e/o sodio idrossido.

Ogni flacone da 175 mg contiene:

Principio attivo: Calcio levo-folinato 189 mg (pari ad acido levo-folinico 175 mg).

Eccipienti: mannitolo, acido cloridrico e/o sodio idrossido.

FORMA FARMACEUTICA E CONFEZIONE

Polvere per soluzione per infusione.

1 flacone da 100 mg - 1 flacone da 175 mg

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antidoto disintossicante.

TITOLARE AIC

Fidia Farmaceutici S.p.A. - Via Ponte della Fabbrica, 3/A - 35031 Abano Terme (PD)

PRODUTTORE

BIOLOGICI Italia Laboratories S.r.l. - Via Filippo Serpero, 2 -  Masate (MI)

HIKMA ITALIA S.p.A. - V.le Certosa n. 10 - Pavia

CONTROLLORE FINALE

BIOLOGICI Italia Laboratories S.r.l. - Via Filippo Serpero, 2 -  Masate (MI)

HIKMA ITALIA S.p.A. - V.le Certosa n. 10 - Pavia 

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA trova utilità come antidoto di dosi eccessive di antagonisti dell'acido

folico e per combattere gli effetti collaterali indotti da aminopterina (acido 4- aminopteroil-glutammico) e da

metotressato (acido 4-amino-N10-metil-pteroil-glutammico). È indicato, inoltre, come terapia di salvataggio

(rescue)   dopo   trattamento   con   metotressato   e   come   potenziante   gli   effetti   del   5-fluorouracile   durante

protocolli di chemioterapia antiblastica.

CONTROINDICAZIONI

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

PRECAUZIONI D'USO

L'insorgenza   di   effetti   indesiderati   (fra   i   più   comuni:   diarrea,   mucosite,   leucopenia)   conseguenti   al

potenziamento dell'attività delle fluoropirimidine da parte del calcio levo-folinato richiede la pronta adozione

delle necessarie contromisure terapeutiche.

Convulsioni   e/o   sincope  sono  stati  riportati  raramente  in   pazienti  portatori   di  tumore   in  trattamento   con

calcio levo-folinato, di solito in associazione a fluoropirimidine, ed in particolare in pazienti con metastasi al

sistema nervoso centrale o in pazienti predisposti; tuttavia non è stata stabilita una correlazione diretta di

questi episodi.

INTERAZIONI MEDICAMENTOSE

Ad esclusione delle note interazioni del calcio levo-folinato con le fluoropirimidine, con il metotressato ed

altri antifolici, non sono state riportate interazioni con altri farmaci e/o sostanze.

AVVERTENZE SPECIALI

Pur   non   essendo   controindicato   l'impiego   del   calcio   levo-folinato   in   gravidanza   ed   allattamento,   queste

condizioni pregiudicano l'impiego e la somministrazione di protocolli chemioterapici.

Il calcio levo-folinato non possiede attività farmacologiche intrinseche che interferiscono sulla capacità di

guida e sull'uso di macchine.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

DOSE, MODO E TEMPO DI SOMMINISTRAZIONE

CALCIO   LEVOFOLINATO   FIDIA   100   mg   polvere   per   soluzione   per   infusione   e   CALCIO

LEVOFOLINATO   FIDIA   175   mg   polvere   per   soluzione   per   infusione   devono   essere   somministrati

esclusivamente per via endovenosa.

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA 100 mg polvere per soluzione per infusione: diluire il contenuto del

flacone in 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili.

CALCIO LEVOFOLINATO FIDIA 175 mg polvere per soluzione per infusione: diluire il contenuto del

flacone in 15-20 ml di acqua per preparazioni iniettabili.

Le soluzioni così ottenute sono compatibili con la soluzione glucosata e la soluzione fisiologica.

Le soluzioni ricostituite possono essere conservate per 12 ore, al riparo dalla luce.

Nel trattamento del carcinoma colon-retto, in associazione con le fluoropirimidine, il dosaggio del calcio

levo-folinato viene determinato in funzione dei protocolli chemioterapici adottati.

Le   posologie  più  frequentemente   utilizzate   in   associazione  al  5-fluorouracile  sono   100  mg/mq/die  per  5

giorni consecutivi in infusione lenta (10  min.) ogni 4 settimane o 250 mg/mq/settimana per 6 settimane

seguite da 2 di intervallo.

Nel   "rescue"   da   alte   dosi   di   metotressato   il   calcio   levo-folinato   è   efficace   nella   prevenzione   della

mielosoppressione alle dosi di 100 mg/mq per livelli sierici di metotressato di 10 -6  M. 

Le dosi possono essere proporzionalmente aumentate per livelli ematici di antiblastico più elevato.

Non si ritiene  necessario  indicare  particolari  raccomandazioni  durante la  preparazione  della  soluzione  in

quanto il calcio levo-folinato è sprovvisto di attività citotossica intrinseca.

SOVRADOSAGGIO

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

Non sono stati segnalati fino ad ora effetti da sovradosaggio.

EFFETTI INDESIDERATI

La somministrazione del prodotto può essere seguita da reazioni generali di ipersensibilità (febbre, orticaria,

ipotensione arteriosa, tachicardia, broncospasmo, shock anafilattico).

Il rispetto delle istruzioni riportate nel presente foglio illustrativo riduce il rischio di effetti collaterali.

È opportuno che il paziente comunichi al medico curante o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato, ove

riscontrato.

SCADENZA E CONSERVAZIONE

Vedere la data di scadenza indicata sulla confezione. Tale data si intende per il prodotto in confezionamento

integro correttamente conservato.

Attenzione: non utilizzare il prodotto oltre la data di scadenza indicata sulla confezione

Ultima revisione del foglio illustrativo  da parte dell'Agenzia  Italiana  del Farmaco in data: ottobre

2010

Documento reso disponibile da AIFA il 12/11/2013

Non ci sono avvisi di sicurezza relativi a questo prodotto.

9-5-2018

Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia

Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia

Fonte inestimabile di micro e macro nutrienti come fibre, proteine, flavonoidi (luteina e zeaxantina), vitamine (vitamina C e acido folico) e sali minerali (potassio, fosforo, ferro, calcio e zinco), povero in grassi e a basso contenuto calorico (solo 17 kcal/100 g), Momordica charantia esprime al meglio il suo potenziale terapeutico grazie a un particolare fitonutriente: […] L'articolo Un frutto amaro contro il diabete, Momordica charantia sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

23-3-2018

Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica

Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica

Uno studio di fase II dimostra efficacia e tollerabilità di paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica primario o recidivante. Fidia Pharma Group ha annunciato i risultati emersi dallo studio di fase II che ha valutato l’attività antitumorale di paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico (Oncofid®P-B) in pazienti affetti da carcinoma papillare della […] L'articolo Paclitaxel bio-coniugato con acido ialuronico per il carcinoma papillare della vescica s...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

22-2-2018

Le proprietà del rafano

Le proprietà del rafano

La radice di rafano contiene minerali essenziali quali calcio, fosforo, potassio, ferro e magnesio ed è ricchissima di vitamina C, molto più degli agrumi. Contiene inoltre sinigrina, un olio volatile con spiccate proprietà antibatteriche. Menzionato nell’Esodo dell’Antico Testamento tra le erbe amare della Pasqua Ebraica, il rafano è conosciuto per le sue proprietà fin dai […] L'articolo Le proprietà del rafano sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

20-2-2018

Vitamina D e salute delle ossa. Metanalisi solleva (davvero) dubbi?

Vitamina D e salute delle ossa. Metanalisi solleva (davvero) dubbi?

L’integrazione con vitamina D o calcio, anche in associazione, non riduce il rischio di fratture vertebrali e non vertebrali e anche le fratture totali rispetto al placebo o a nessun trattamento, almeno negli anziani non ospedalizzati o ricoverati in Istituti o RSA. Ad affermarlo sono i risultati di una metanalisi pubblicata da JAMA (scarica qui l’articolo […] L'articolo Vitamina D e salute delle ossa. Metanalisi solleva (davvero) dubbi? sembra essere il primo su NCF - Notiziario Chimico Far...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

3-2-2018

Ipertensione con nefropatia cronica: ACE-inibitore più Ca-antagonista, meglio se di tipo T/L che di tipo L [Cardio]

Ipertensione con nefropatia cronica: ACE-inibitore più Ca-antagonista, meglio se di tipo T/L che di tipo L [Cardio]

Secondo una ricerca pubblicata sul "Journal of Clinical Medicine Research", nei pazienti ipertesi con nefropatia diabetica la terapia combinata basata su un ACE-inibitore (perindopril) e un calcio-antagonista (Ca-antagonista) di tipo T/L (quale benidipina) può prevenire il deterioramento della funzionalità renale in modo più efficace di una combinazione ACE-inibitore/calcio-antagonista di tipo L (come amlodipina).

Italia - PharmaStar

14-1-2018

Ipertesi ad alto rischio, agente ad azione RAS + Ca-antagonista in prima linea. Analisi post hoc di ACCOMPLISH  [Cardio]

Ipertesi ad alto rischio, agente ad azione RAS + Ca-antagonista in prima linea. Analisi post hoc di ACCOMPLISH [Cardio]

Quando è associata a un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACEi), l'amlodipina (calcio-antagonista, CCB) determina una riduzione del rischio cardiovascolare superiore all'idroclorotiazide, diuretico tiazidico (e questo era già noto) ma in modo ampiamente indipendente dall'uso pregresso di farmaci (e qui sta la novità). Questi risultati - secondo gli autori di un lavoro pubblicato sul "Journal of American Heart Association" - aggiungono un ulteriore supporto in favore dell'impiego in...

Italia - PharmaStar

8-1-2018

Un position paper sulla vitamina D nelle patologie extrascheletriche

Un position paper sulla vitamina D nelle patologie extrascheletriche

La vitamina D svolge un ruolo fondamentale per l’assorbimento del calcio da parte di intestino e reni e, di conseguenza, il suo apporto corretto è un elemento importante per la buona salute delle ossa e la prevenzione dell’osteoporosi. La vitamina D viene prodotta in modo endogeno dalla pelle in seguito all’esposizione al sole, ed in […] L'articolo Un position paper sulla vitamina D nelle patologie extrascheletriche sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

7-1-2018

Supplementazione di calcio e vitamina D, utile solo a chi ne ha bisogno. Uno studio su JAMA fa discutere [Orto-Reuma]

Supplementazione di calcio e vitamina D, utile solo a chi ne ha bisogno. Uno studio su JAMA fa discutere [Orto-Reuma]

Pubblicata su JAMA una metanalisi i cui risultatati sembrerebbero escludere l'utilità di somnministrare calcio e vitamina D nelle persone anziane. I dati vanno però letti con attenzione e interpretati nel modo giusto per non fare confusione. Una nota della Società europea di Endocrinologia ne ridimensiona la portata: pur portando alla luce alcuni dati interessanti, secondo gli esperti europei lo studio avrebbe diversi, importanti, limiti.

Italia - PharmaStar

2-12-2017

Ipercalcemia genetica, possibile fattore causale di emicrania  [Neuro]

Ipercalcemia genetica, possibile fattore causale di emicrania [Neuro]

Livelli di calcio geneticamente aumentati potrebbero rappresentare un fattore-chiave causale alla base della suscettibilità della cefalea emicranica. Lo suggerisce un ampio studio basato sulla popolazione - pubblicato su "Human Molecular Genetics" - che dimostra come elevati livelli di calcio sierico rappresentino una comorbilità comune con l'emicrania.

Italia - PharmaStar

25-11-2017

Supplementazione con calcio nell'osteopenia, nuove prospettive per la scelta degli integratori [Altre News]

Supplementazione con calcio nell'osteopenia, nuove prospettive per la scelta degli integratori [Altre News]

La maggior parte dei trial registrativi di farmaci antifratturativi hanno utilizzato il calcio carbonato mentre, soprattutto negli Stati Uniti, ci si è focalizzati sullo studio del calcio citrato. Questo sale presenta molteplici vantaggi rispetto al primo: dal migliore assorbimento alla maggiore biodisponibilità, dal minore influsso esercitato dal pH gastrico alla minore litogenicità. Per specifiche popolazioni di pazienti a rischio di riduzione della massa ossea si prospetta dunque un nuovo armamentari...

Italia - PharmaStar

25-11-2017

Supplementazione con calcio nell'osteopenia, nuove prospettive per la scelta degli integratori [Orto-Reuma]

Supplementazione con calcio nell'osteopenia, nuove prospettive per la scelta degli integratori [Orto-Reuma]

La maggior parte dei trial registrativi di farmaci antifratturativi hanno utilizzato il calcio carbonato mentre, soprattutto negli Stati Uniti, ci si è focalizzati sullo studio del calcio citrato. Questo sale presenta molteplici vantaggi rispetto al primo: dal migliore assorbimento alla maggiore biodisponibilità, dal minore influsso esercitato dal pH gastrico alla minore litogenicità. Per specifiche popolazioni di pazienti a rischio di riduzione della massa ossea si prospetta dunque un nuovo armamentari...

Italia - PharmaStar

28-10-2017

Arriva in Italia etelcalcetide per il trattamento dell'iperparatiroidismo secondario in pazienti adulti con malattia renale cronica in emodialisi  [Italia]

Arriva in Italia etelcalcetide per il trattamento dell'iperparatiroidismo secondario in pazienti adulti con malattia renale cronica in emodialisi [Italia]

Somministrato direttamente al termine della seduta di emodialisi, tre volte a settimana, riduce i parametri di laboratorio più rilevanti nei pazienti con iperparatiroidismo secondario (sHPT), una frequente complicanza della malattia renale cronica (CKD). Stiamo parlando di etelcalcetide, il nuovo farmaco approvato per il trattamento dell'sHPT. Si tratta di un agente calciomimetico di seconda generazione che si lega ed attiva il recettore sensibile al calcio (CaSR), espresso anche sulle cellule delle ghi...

Italia - PharmaStar

25-10-2017

Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica

Iperparatiroidismo secondario alla malattia renale cronica

L’iperparatiroidismo secondario (SHPT) è una complicanza comune della malattia renale cronica (CKD). Il progressivo declino della funzionalità renale, infatti, porta all’alterazione del metabolismo di calcio (Ca), fosforo (P) e vitamina D. Il conseguente sviluppo di ipocalcemia determina un incremento della sintesi di ormone paratiroideo (PTH), ormone prodotto dalle ghiandole paratiroidi, che è il principale regolatore dei livelli […] L'articolo Iperparatiroidismo secondario alla malat...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico

25-10-2017

Linee guida sul calcio in menopausa

Linee guida sul calcio in menopausa

Le nuove linee guida sul ricorso alla supplementazione con il calcio in menopausa sono state pubblicate dalla European Menopause and Andropause Society (EMAS) sulla rivista Maturitas.   Un corretto apporto dell’elemento è essenziale per prevenire la comparsa dell’osteoporosi nelle donne dopo la scomparsa del ciclo mestruale, in quanto il calcio è uno dei componenti fondamentali […] L'articolo Linee guida sul calcio in menopausa sembra essere il primo su Farmacia News.

Italia - Farmacia News

17-10-2017

Osteoporosi post-menopausale, sì al calcio (senza eccessi) in donne sane [Orto-Reuma]

Osteoporosi post-menopausale, sì al calcio (senza eccessi) in donne sane [Orto-Reuma]

Sono state recentemente pubblicate sulla rivista Maturitas le nuove linee guida cliniche dell'EMAS (the European Menopause and Andropause Society) che hanno fatto il punto sulle evidenze attualmente disponibili relative agli effetti del calcio nella riduzione del rischio di osteoporosi (OP) post-menopausale. Dalla revisione della letteratura è emerso che le dosi giornaliere raccomandate di calcio variano da 700 a 1.200 mg, a seconda della fonte di assunzione, e che è meglio non andare oltre queste dosi...

Italia - PharmaStar

14-10-2017

Mayo Clinic: ridotto livello di calcio sierico, rischio maggiore di arresto cardiaco improvviso [Cardio]

Mayo Clinic: ridotto livello di calcio sierico, rischio maggiore di arresto cardiaco improvviso [Cardio]

Bassi livelli di calcio sierico, anche all'interno del range di normalità, possono aumentare il rischio di arresto cardiaco improvviso. Lo suggeriscono nuovi dati pubblicati online sui "Mayo Clinic Proceedings".

Italia - PharmaStar

12-10-2017

Complesso enzimatico minerale per l’igiene orale

Complesso enzimatico minerale per l’igiene orale

L’invenzione si riferisce al campo dei complessi enzimatici minerali per il rafforzamento e lo sbiancamento dello smalto dei denti, nonché a composizioni per l’igiene orale comprendenti il complesso, in particolare dentifrici. Il complesso enzimatico descritto per lo smalto e lo sbiancamento dei denti è caratterizzato dal fatto di contenere idrossiapatite di calcio e tannasi con […] L'articolo Complesso enzimatico minerale per l’igiene orale sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

23-6-2017

Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro

Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro

In questo lavoro sono state studiate microcapsule di sodio alginato contenenti olio essenziale di cedro (CWO) per usi in tonici anti-acne, mediante la gelificazione ionica dell’alginato con cloruro di calcio (CaCl2) e successiva... L'articolo Microcapsule di alginato contenenti olio di cedro sembra essere il primo su Kosmetica.

Italia - Kosmetica News

28-5-2017

Paclitaxel e acido ialuronico per il tumore della vescica in situ

Paclitaxel e acido ialuronico per il tumore della vescica in situ

Fidia Farmaceutici e Istituto Clinico Humanitas annunciano l’avvio di uno studio di fase I, con la somministrazione al primo paziente affetto da carcinoma in situ della vescica (CIS) non responsivo a BCG, di Oncofid-P-B, un bio-coniugato composto da paclitaxel e acido ialuronico. Questo studio è stato disegnato per valutare la sicurezza, la tollerabilità, il profilo […] L'articolo Paclitaxel e acido ialuronico per il tumore della vescica in situ sembra essere il primo su NCF - Notiziario Chimico F...

Italia - Notiziario Chimico Farmaceutico