Betadine

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • Betadine Lösung standardisiert
  • Forma farmaceutica:
  • Lösung standardisiert
  • Composizione:
  • iodum 11 mg ut povidonum iodinatum, excipiens annuncio solutionem pro 1 ml.
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco biologico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • Betadine Lösung standardisiert
    Svizzera
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Gruppo terapeutico:
  • Synthetika
  • Area terapeutica:
  • Haut-, Schleimhaut-, Wunddesinfiziens

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • Swissmedic - Swiss Agency for Therapeutic Products
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 34282
  • Data dell'autorizzazione:
  • 06-01-1969
  • Ultimo aggiornamento:
  • 19-10-2018

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Patienteninformation

Betadine® soluzione standardizzata

Mundipharma Medical Company

Che cos'è la soluzione standardizzata Betadine e quando si usa?

La soluzione standardizzata Betadine è un disinfettante per l'uso esterno. Uccide batteri, funghi, virus

e altri agenti patogeni che provocano infezioni.

La soluzione standardizzata Betadine si utilizza per la disinfezione della pelle e delle mucose nonché

per la disinfezione di piccole ferite, lacerazioni, escoriazioni e leggere bruciature di piccole

dimensioni (bruciature senza formazione di vesciche).

Solamente su prescrizione medica, la soluzione standardizzata Betadine si utilizza per il trattamento

di ferite infette.

Di che cosa occorre inoltre tener conto durante il trattamento?

Le ferite estese, molto sporche e profonde, nonché le ferite gravi provocate da bruciature, morsi o

punture richiedono un trattamento medico (tra l'altro a causa del rischio di tetano). La consultazione

medica è ugualmente necessaria se il diametro della ferita rimane invariato per qualche tempo o se la

ferita non guarisce nell'arco di 10–14 giorni. Lo stesso vale anche nel caso in cui i bordi della ferita

presentino degli arrossamenti, se la ferita si gonfia improvvisamente, se è molto dolorosa o se la

lesione è accompagnata da febbre (pericolo di setticemia).

Quando non si può usare la soluzione standardizzata Betadine?

La soluzione standardizzata Betadine non si può usare:

·in caso di ipersensibilità allo iodopovidone, allo iodio o a un altro ingrediente;

·in caso di ipertiroidismo o di altre malattie preesistenti della tiroide;

·in caso di dermatite erpetiforme di Duhring (malattia cutanea molto rara, simile all'herpes);

·prima e fino alla fine di un esame o trattamento della tiroide con iodio radiomarcato (terapia con

radioiodio). Lo iodopovidone può influenzare l'assimilazione dello iodio da parte della tiroide e,

associato a un trattamento con Betadine, può portare a interferenze con gli esami diagnostici alla

tiroide (scintigrafia tiroidea, determinazione dello iodio legato alle proteine, diagnostica con

radioiodio) e rendere impossibile una terapia con radioiodio pianificata. Prima di iniziare una terapia

con radioiodio è necessario aspettare almeno 1–2 settimane dalla sospensione del trattamento con

Betadine;

·per i neonati e lattanti di età inferiore ai 6 mesi.

Quando è richiesta prudenza nell'uso della soluzione standardizzata Betadine?

In caso di aumento del volume della tiroide, noduli tiroidei o altre malattie non acute della tiroide,

Betadine può essere utilizzato solo su espressa prescrizione medica per un periodo prolungato (ad es.

più di 14 giorni) e/o su superfici cutanee estese (ad es. più del 10% della superficie corporea). Anche

al termine del trattamento (fino a 3 mesi) è necessario prestare attenzione a sintomi precoci di un

possibile ipertiroidismo e, se opportuno, monitorare la funzionalità tiroidea.

Betadine può essere utilizzato su lattanti e bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni

esclusivamente su prescrizione medica. Può essere necessario un controllo della funziona tiroidea.

L'assunzione di Betadine da parte dei bambini deve essere assolutamente evitata.

In caso di una disinfezione della pelle prima di un intervento chirurgico bisogna evitare un accumulo

di Betadine nelle pieghe cutanee o sotto il paziente perché il contatto prolungato della pelle con la

soluzione non asciugata può provocare irritazioni e, in casi rari, anche gravi reazioni cutanee simili a

bruciature.

La soluzione standardizzata Betadine non deve penetrare sotto i punti di contatto degli elettrodi.

Betadine non dovrebbe essere utilizzato o il trattamento dovrebbe essere interrotto in caso di

iperacidità metabolica del sangue (acidosi metabolica) e insufficienza renale.

La soluzione standardizzata Betadine non deve finire accidentalmente nelle vie respiratorie in caso di

utilizzo nella cavità orale e faringea, perché altrimenti potrebbero insorgere difficoltà respiratorie e

persino una polmonite. L'assunzione da parte dei bambini deve essere assolutamente evitata.

Betadine non può essere utilizzato contemporaneamente o immediatamente dopo aver usato agenti

enzimatici per il trattamento di ferite o disinfettanti contenenti sulfadiazina argentica, perossido di

idrogeno o taurolidina perché può insorgere una reciproca riduzione dell'effetto.

Non usare Betadine contemporaneamente o immediatamente dopo aver usato disinfettanti contenenti

mercurio perché dalla combinazione di mercurio e iodio potrebbe svilupparsi, a determinate

circostanze, una sostanza che danneggia la pelle.

Non usare Betadine contemporaneamente o immediatamente dopo aver usato disinfettanti contenenti

octenidina sulle stesse superfici o su superfici vicine perché potrebbe causare alterazioni scure e

temporanee del colore.

Se si è in trattamento con preparati a base di litio sarebbe opportuno evitare un'applicazione di

Betadine per un periodo prolungato e su superfici corporee estese perché, a causa del litio, lo iodio

assimilato potrebbe favorire l'insorgenza di un ipotiroidismo.

Informi il suo medico, il suo farmacista o il suo droghiere nel caso in cui soffre di altre malattie,

soffre di allergie o assume o applica esternamente altri medicamenti (anche se acquistati di sua

iniziativa!).

Si può usare la soluzione standardizzata Betadine durante la gravidanza o l'allattamento?

Durante la gravidanza e l'allattamento la soluzione standardizzata Betadine va utilizzata soltanto su

esplicita prescrizione del medico e il suo uso deve comunque essere limitato al minimo

indispensabile. Può essere necessario un controllo della funzione tiroidea del neonato/lattante. Deve

essere evitata un'assunzione involontaria di Betadine da parte del lattante appoggiando la bocca sulle

parti trattate del corpo della madre che allatta. Se è incinta oppure allatta, informi il suo medico, il

suo farmacista o il suo droghiere.

Come usare la soluzione standardizzata Betadine?

Adulti, adolescenti e bambini dai 6 anni

Salvo diversa prescrizione del suo medico, deve usare la soluzione standardizzata Betadine come

segue:

Piccole ferite e lesioni cutanee, leggere bruciature

Applicare direttamente dalla bottiglia e senza diluire in maniera uniforme sulla zona da trattare o

stendere abbondantemente e con cautela con una garza imbevuta. Lasciar agire e asciugare per 2–

3 minuti. Ripetere il trattamento quando il prodotto applicato si scolorisce.

Bagni d'immersione

Aggiungere la soluzione standardizzata Betadine all'acqua del bagno a temperatura del corpo fin

quando questa assume il colore di un tè nero forte (proporzioni consigliate: bagno parziale antisettico

circa 1:25, bagno completo antisettico circa 1:100). Immergere la parte del corpo da trattare (dito,

piede, braccio ecc.) per circa 10 minuti in questa soluzione.

Bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni

Betadine non può essere utilizzato sui neonati e lattanti di età inferiore a 6 mesi (si veda il punto

«Quando non si può usare la soluzione standardizzata Betadine?»). Sui bambini fino a 6 anni

utilizzare solo su prescrizione medica (si veda il punto «Quando è richiesta prudenza nell'uso della

soluzione standardizzata Betadine?»).

Posologia specifica

Salvo diversa prescrizione del suo medico, deve usare la soluzione standardizzata Betadine al

bisogno 1–3 volte al giorno. Finché è visibile il colore bruno dorato di Betadine, la soluzione

possiede il suo effetto disinfettante. Uno scolorimento significa una diminuzione dell'efficacia e

indica che bisognerebbe procedere a una nuova applicazione. Quindi, se osserva un evidente

scolorimento, riapplichi della soluzione standardizzata Betadine. Continuare il trattamento fino alla

guarigione.

Se dopo un'applicazione regolare nell'arco di più giorni (2–5 giorni) i suoi disturbi non dovessero

migliorare o se alla fine del trattamento dovessero ricomparire, la preghiamo di contattare il suo

medico.

In caso di ingestione accidentale occorre avvertire subito il medico.

Si attenga alla posologia indicata nel foglietto illustrativo o prescritta dal suo medico. Se ritiene che

l'azione del medicamento sia troppo debole o troppo forte ne parli al suo medico, al suo farmacista o

al suo droghiere.

Quali effetti collaterali può avere la soluzione standardizzata Betadine?

In casi rari si possono verificare ipersensibilità o dermatite da contatto (con sintomi quali

arrossamenti cutanei, vescicole, prurito).

In caso di disinfezione della pelle prima di un intervento chirurgico possono verificarsi corrosioni

cutanee causate dall'accumulo di Betadine nelle pieghe cutanee o sotto il paziente.

In rarissimi casi possono verificarsi gonfiori acuti e dolorosi della pelle o delle mucose (angioedema)

nonché reazioni allergiche generali acute con eventuale calo della pressione sanguigna e/o dispnea

(reazione anafilattica). In questi casi bisogna interrompere immediatamente il trattamento con

Betadine e informare tempestivamente il medico.

Se il prodotto viene applicato per un periodo prolungato su ampie zone della pelle o su ferite e

bruciature estese è possibile una significativa assimilazione di iodio. In rarissimi casi, in pazienti con

malattie della tiroide, può insorgere un ipertiroidismo con sintomi quali accelerazione del battito

cardiaco o stati di agitazione.

In casi isolati possono insorgere ipotiroidismo, squilibri elettrolitici, iperacidità metabolica del

sangue (acidosi metabolica), insufficienza renale acuta e un'osmolarità del sangue fuori norma.

Se la soluzione finisce accidentalmente nelle vie respiratorie dopo l'applicazione nella cavità orale e

faringea, è possibile che si verifichino polmoniti.

Se osserva effetti collaterali qui non descritti dovrebbe informare il suo medico, il suo farmacista o il

suo droghiere.

Di che altro occorre tener conto?

Conservare a temperatura ambiente (15–25 °C) e tenere lontano dalla portata dei bambini.

Non ingerire.

Le macchie di Betadine possono essere asportate dalle fibre naturali con acqua e sapone, dalle fibre

sintetiche con ammoniaca diluita o con soluzione di sodio tiosolfato.

I vapori di iodio possono scolorire le materie plastiche, i rivestimenti, le tinteggiature ecc. Per questo

motivo, le confezioni contenenti la soluzione standardizzata Betadine vanno chiuse bene. Se appare

un deposito giallo, si raccomanda di pulirlo immediatamente. Provvedere a una buona ventilazione

nel caso di uso come bagno d'immersione, soprattutto nei locali piccoli e chiusi.

Il medicamento non deve essere utilizzato oltre la data indicata con «EXP» sul contenitore. Una volta

aperto, il medicamento si conserva ben chiuso per 3 anni.

Il medico, il farmacista o il droghiere, che sono in possesso di un'informazione professionale

dettagliata, possono darle ulteriori informazioni.

Cosa contiene la soluzione standardizzata Betadine?

1 ml di soluzione contiene 11 mg di iodio sotto forma di iodopovidone nonché sostanze ausiliarie.

Numero dell'omologazione

34282 (Swissmedic).

Dov'è ottenibile la soluzione standardizzata Betadine? Quali confezioni sono disponibili?

In farmacia e in drogheria, senza prescrizione medica.

Flaconi da 10, 30, 60, 120, 500 e 1000 ml.

Farmacia tascabile con flaconcino da 10 ml.

Titolare dell'omologazione

Mundipharma Medical Company, Hamilton/Bermuda, filiale di Basilea.

Questo foglietto illustrativo è stato controllato l'ultima volta nel luglio 2017 dall'autorità competente

in materia di medicamenti (Swissmedic).