AMOXICILLINA E ACIDO CLAVULANICO IBI LORENZINI

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • AMOXIC.AC.CLAVUL.IBI 12BUST
  • Forma farmaceutica:
  • SOSPENSIONE OS
  • Composizione:
  • " 875 MG + 125 MG POLVERE PER SOSPENSIONE ORALE " 12 BUSTINE
  • Classe:
  • A
  • Tipo di ricetta:
  • Ricetta ripetibile, validità 6 mesi, ripetibile 10 volte
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

  • per i professionisti:
  • Il foglio illustrativo per questo prodotto non è al momento disponibile, é possibile inviare una richiesta al nostro Servizio Clienti ed essere avvisati nel momento in cui è disponibile sulla nostra piattaforma.


    Richiedi il foglio illustrativo per i professionisti.

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • AMOXIC.AC.CLAVUL.IBI 12BUST
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Altre informazioni

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 037332018
  • Ultimo aggiornamento:
  • 09-08-2016

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

DENOMINAZIONE

AMOXICILLINAEACIDOCLAVULANICOIBILORENZINI

CATEGORIAFARMACOTERAPEUTICA

Associazionedipenicillineinclusigliinibitoridellebeta-

lattamasi.

PRINCIPIATTIVI

Amoxicillinatriidratocorrispondenteadamoxicillina875mge

potassioclavulanatocorrispondenteadacidoclavulanico125mg.

ECCIPIENTI

Compresse:silicecolloidale,magnesiostearato,sodioamido

glicolato,cellulosamicrocristallina,

idrossipropilmetilcellulosa,titaniodiossido,macrogol4000,

macrogol6000,dimeticone.

Polverepersospensioneorale:silicecolloidale,aromalimone,

aromafragola,gommaxantano,saccarosio.

INDICAZIONI

Terapiadiinfezionibatterichesostenutedagermisensibili,

qualicomunementesiriscontranonelle:infezionidellevie

respiratorieedinfezioniotomastoidee;infezionidellevieuro-

genitali;infezionidellapelleedeitessutimolli;infezioni

ginecologiche;infezionientericheedelleviebiliari.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTISECONDARI

Ipersensibilita'agliantibioticibeta-lattamiciquali

penicillineecefalosporine.

Precedentidiittero/disfunzioneepaticaassociatialprodotto.

POSOLOGIA

>>Adulti,inclusiglianziani:1compressao1bustinada875mg

+125mg,duevoltealgiorno.

Laposologiapuo'essereaumentataa1compressao1bustinada

875mg+125mg,trevoltealgiorno,infunzionedeltipoedella

gravita'dell'infezione.>>Bambini.

Peribambinidipesosuperioreai40kgdovrebbeessere

utilizzatolostessoschemaposologicovalidopergliadulti.

>>Insufficienzarenale.

Peradultiebambiniconclearancedellacreatininasuperiorea

30ml/minnonsirichiedonoaggiustamentiposologici.

Leformulazionidelfarmacononsonoadeguateperla

somministrazionenegliadultieneibambiniconclearancedella

creatininainferiorea30ml/min.>>Insufficienzaepatica.

Adultiebambini:almomentononsonodisponibilidati

sufficientipersuggerireindicazioniposologicheadeguate.

Somministrareconcautela,monitorandolafunzionalita'epatica

adintervalliregolari.

Seneconsiglialasomministrazionesubitoprimadelpasto.

Laduratadeltrattamentodeveesserestabilitainrapporto

all'evoluzionedellaformainfettiva.

Comeperognitrattamentoantibiotico,sospenderela

somministrazionenonprimadi48oredopolosfebbramentoela

guarigioneclinica.

Qualorailtrattamentodovesseessereprolungatooltre14giorni,

e'opportunoprocederesottocontrollo.

Nellaprimissimainfanziailprodottovasomministratoneicasi

dieffettivanecessita'.

dieffettivanecessita'.

Ilcontenutodellebustinedeveesserescioltoinunpo'diacqua

primadellasomministrazione.

Alfinedifacilitarneladeglutizione,lecompressepossono

esseresuddivise,mavannoassunteimmediatamente.

CONSERVAZIONE

Conservarenellaconfezioneoriginaleperriparareilprodotto

dallaluceedall'umidita'atemperaturanonsuperiorea25gradi

AVVERTENZE

Primadiiniziareunaterapiadeveesserecondottaunaindagine

accuratariguardanteprecedentireazionidiipersensibilita'alle

penicilline,allecefalosporineoadaltriallergeni.

Inpazientiinterapiaconpenicillinesonostatesegnalate

reazionidiipersensibilita'graveeoccasionalmentefatale

(reazionianafilattoidi).

Talireazionisonostateriportateperlopiu'aseguitodi

impiegoparenteraledipenicilline,moltoraramenteaseguitodi

impiegoorale.

L'insorgenzaditalireazionie',comunque,piu'frequentein

soggetticonanamnesidiipersensibilita'allepenicilline.

Puo'esistereallergenicita'crociataconpenicillinee

cefalosporine.

Incasodireazioneallergicasideveinterrompereiltrattamento

edistituireunaterapiaidonea(aminevasopressorie,

antistaminici,corticosteroidi)o,inpresenzadianafilassi,

immediatotrattamentoconadrenalinaealtreopportunemisure

diemergenza(puo'essererichiestoiltrattamentoconossigeno,

steroidiperviaendovenosa;assicurarsidellapervieta'dellevie

aeree,anchericorrendo,quandonecessario,all'intubazione).

Evitarelasomministrazionequalorasisospettilamononucleosi

infettiva,poiche'inquestacondizionel'utilizzodi

amoxicillinae'statoassociatoallacomparsadirash

morbilliforme.

L'usoprolungatodipenicilline,cosi'comedialtriantibiotici,

puo'favorirelosviluppodimicrorganisminonsensibili,inclusi

ifunghi,cherichiedel'adozionediadeguatemisure

terapeutiche.

Neitrattamentiprolungatisonoraccomandabilicontrolli

periodicidellacrasiematicaedellafunzionalita'epaticae

renale.

Raramentee'statosegnalatoallungamentodeltempodi

protrombina.

Pertanto,incasodisomministrazioneconcomitantedi

anticoagulanti,sideveeffettuareunmonitoraggioadeguatodi

taleparametro.

Ilmedicinaledeveessereutilizzatoconcautelainpazienticon

disfunzioniepatiche.

Inpazientiaffettidainsufficienzarenale,laposologiadeve

essereadeguatainfunzionedelgradodicompromissionerenale.

Neipazienticonridottaemissionediurina,e'stataosservata

moltoraramentecristalluria,soprattuttoaseguitoditerapia

parenterale.

Durantelasomministrazionediamoxicillinaadosielevate,si

consigliadimantenereunaassunzionediliquidiedunaemissione

diurinaadeguate,alfinediridurrelapossibilita'di

cristalluriadaamoxicillina.

Ilfarmacocontienesaccarosio,ilprodottopertantodeve

essereutilizzatoconcautelaneisoggetticonrariproblemidi

intolleranzaereditariaalfruttosio,consindromedi

malassorbimentoglucosio-galattosioocondeficitdisucrasi-

isomaltasi.

INTERAZIONI

INTERAZIONI

Sisconsiglial'usoconcomitantediprobenecid.

Ilprobeneciddiminuiscelasecrezionetubularerenaledi

amoxicillina:lacontemporaneasomministrazionepuo'determinare

unaumentoeunprolungamentoneltempodeilivelliematicidi

amoxicillina,manondiacidoclavulanico.

Lacontemporaneaassunzionediallopurinoloeamoxicillinapuo'

aumentarelaprobabilita'cheinsorganoreazioniallergiche

cutanee.

Nonsonodisponibilidatisull'usoconcomitanteconallopurinolo.

E'notouneffettoterapeuticosinergicotralepenicilline

semisintetcheegliaminoglicosidi.

L'acidoacetilsalicilico,ilfenilbutazoneoaltri

farmaciantinfiammatoriafortidosi,somministratiin

concomitanzaconpenicilline,neaumentanoilivelliplasmaticie

l'emivita.

Puo'ridurrel'efficaciadeicontraccettivioraliedicio'

devonoessereavvisatiipazienti.

EFFETTIINDESIDERATI

Moltocomune(>1/10);comune(>1/100e<1/10);noncomune

(>1/10000e<1/100);raro(>1/10000e<1/1000)emoltoraro

(<1/10000).

Infezioniedinfestazioni.

Comuni:candidiasimucocutanea.

Disturbiematiciedelsistemalinfatico.

Rari:leucopenia(compresaneutropenia)etrombocitopenia

reversibili.

Moltorari:agranulocitosiedanemiaemoliticareversibili.

Prolungamentodeltempodisanguinamentoediprotrombina.

Porpora,eosinofilia.

Disturbidelsistemaimmunitario.

Moltorari:edemaangioneurotico,anafilassi,sindrometipo

malattiadasiero,vasculitedaipersensibilita'.

Disturbidelsistemanervosocentrale.

Noncomuni:vertigini,malditesta.

Moltorari:iperattivita'reversibileeconvulsioni.

Leconvulsionipossonoverificarsiinpazienticonfunzionalita'

renalecompromessaoinpazientitrattaticondosielevatedi

farmaco.

Disturbigastrointestinali.

ADULTI.Moltocomuni:diarrea.

Comuni:nausea,vomito.

BAMBINI.Comuni:diarrea,nausea,vomito.

TUTTI.Lanauseae'piu'spessoassociataaidosaggioralipiu'

elevati.

Selereazionigastrointestinalisonoevidenti,questepossono

essereridottesesisomministrasubitoprimadelpasto.

Noncomune:cattivadigestione.

Moltorari:coliteassociataadantibiotici(inclusalacolite

pseudomembranosaelacoliteemorragica).

Moltoraramentee'statasegnalataneibambinivariazionedella

colorazionesuperficialedeidenti.

Unabuonaigieneoralepuo'aiutarenelpreveniretale

variazione,chedisolitopuo'essereeliminataconlo

spazzolamento.

Glossite.

Disturbiepato-biliari.

Noncomuni:moderatiincrementideilivellidelletransaminasi,

ASTe/oALT,sisonoosservatiinpazientitrattaticon

antibioticidellaclassedeibeta-lattamici,mailloro

significatonone'noto.

Moltorari:epatiteeditterocolestatico.

Talieventisonostatisegnalaticonaltrepenicillinee

cefalosporine.

Glieventiepaticisonostatiriportatiprevalentementenei

pazientidisessomaschileeneipazientianzianiepossonoessere

associatialtrattamentoprolungato.

BAMBINI.Talieventisonostatisegnalatimoltoraramentenei

bambini.

TUTTI.Segniesintomi,disolito,compaionoduranteosubitodopo

iltrattamento,mainalcunicasisipossonomanifestaredopo

moltesettimanedallafinedeltrattamento.

Questisonodisolitoreversibili.

Glieventiepaticipossonoesseregraviesoloincircostanze

estremamenteraresonostatisegnalatieventifatali.

Talicasisisonopresentatiquasisempreinpazientiaffettida

gravipatologiedibaseocheassumevanoinconcomitanzafarmaci

dicuie'notalapotenzialita'diindurreeffettiepatici.

Disturbidermatologiciedeltessutosottocutaneo.

Noncomuni:rashcutaneo,prurito,orticaria.

Rari:eritemamultiforme.

Moltorari:sindromediStevens-Johnson,necrolisiepidermica

tossica,dermatiteesfoliativabollosa,pustolosiesantematosa

generalizzataacuta.

Iltrattamentodeveesseresospesoqualoracompaianoreazioni

d'ipersensibilita'ditipodermatologico.

L'incidenzadireazionicutaneepuo'esserepiu'altainpazienti

conmononucleosiinfettivaoleucemialinfatica.

Disturbirenaliedurinari.

Moltorari:nefriteinterstiziale,cristalluria.

GRAVIDANZAEALLATTAMENTO

Studidiriproduzionecondottineglianimali(topieratti

trattaticondosifinoa10voltesuperioriaquelleutilizzate

nell'uomo)nonhannoevidenziatoeffettiteratogenidopo

somministrazione.

Nelcorsodiunostudiosingoloindonneconrotturaprematura

preterminedellemembranefetali(pPROM)e'statoosservatoche

iltrattamentoprofilatticopuo'essereassociatoadunaumentato

rischiodienterocolitenecrotizzantenelneonato.

Evitarnelasomministrazioneingravidanza,fattaeccezioneperi

casidieffettivanecessita'.

Siconsigliacauteladurantel'allattamento.

Fattaeccezioneperilrischiodisensibilizzazioneassociato

all'escrezioneditraccediamoxicillinanellattematerno,non

sononotieffettinegativiperilneonato.