AMOX

Informazioni principali

  • Nome commerciale:
  • AMOX
  • Utilizzare per:
  • Esseri umani
  • Tipo di medicina:
  • Farmaco allopatico

Documenti

Localizzazione

  • Disponibile in:
  • AMOX
    Italia
  • Lingua:
  • italiano

Informazioni terapeutiche

  • Area terapeutica:
  • Amoxicillina
  • Dettagli prodotto:
  • 023909031 - "1 G COMPRESSE"12 COMPRESSE - autorizzato; 023909029 - 1 FLAC. SCIROPPO ESTEMP. 60 ML 5% - revocato; 023909068 - 12 BUSTINE 1000 MG - revocato; 023909017 - 12 CAPSULE 500 MG - revocato

Status

  • Fonte:
  • AIFA - Agenzia Italiana del Farmaco
  • Numero dell'autorizzazione:
  • 023909
  • Ultimo aggiornamento:
  • 18-11-2016

Foglio illustrativo: composizione, posologia, indicazioni, interazioni, gravidanza, allattamento, effetti indesiderati, controindicazioni

Foglio illustrativo

AMOX

Amoxicillina J01CA04

COMPOSIZIONE

Una compressa contiene:

Principio attivo:

Amoxicillina Triidrato . . . . . . . . . . .mg 1150

pari ad Amoxicillina . . . . . . . . . . . . mg 1000

Eccipienti:

Cellulosa Microcristallina, Sodio Carbossimetilamido, Peg 4000, Magnesio stearato, Aroma

Creme caramel.

FORMA FARMACEUTICA

Astuccio di 12 compresse da 1 g

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA

Antibatterico per uso sistematico, penicilline.

TITOLARE A.I.C.

Farto Srl – Farmaco biochimico Toscano

Viale Alessandro Guidoni, 97

50127 Firenze – Italia

STABILIMENTO DI PRODUZIONE E DI CONTROLLO

Officina Farmaceutica MITIM srl - Via Cacciamali, 34/36/38 - 25125 Brescia

FRANCIA Farmaceutici Industria Farmaco – Biologica Srl Via Dei Pestagalli, 7– 20138 Milano

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Infezioni sostenute da germi Gram-positivi e Gram-negativi, sensibili all'antibiotico (delle vie

respiratorie ed otomastoidee, enteriche, epato-biliari, salmonellosi, genito-urinarie e veneree,

dermatologiche, chirurgiche, endocarditi, sepsi).

INFORMAZIONI DA CONOSCERE PRIMA DELL'USO

CONTROINDICAZIONI

Soggetti con ipersensibilità verso i componenti.

Controindicato in età pediatrica.

PRECAUZIONI D'IMPIEGO

Non offre particolari vantaggi nelle infezioni da germi sensibili alla penicillina G ne è attiva

sugli stafilococchi penicillasi-produttori e quindi scarsamente sensibili alla penicillina.

E' possibile allergia crociata con la penicillina G.

Nelle donne in stato di gravidanza e nella primissima infanzia il prodotto va somministrato nei

casi di effettiva necessità sotto il diretto controllo del medico.

Reazioni di ipersensibilità e di anafilassi gravi sono state riportate per lo più a seguito

dell'impiego parenterale di penicillina, molto raramente a seguito di impiego orale.

L'insorgenza di tali reazioni è comunque più frequente in soggetti con anamnesi di

ipersensibilità verso allergeni multipli, di asma, febbre da fieno ed urticaria.

Può esistere allergenicità crociata tra penicilline e cefalosporine.

Documento reso disponibile da AIFA il 23/05/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

Prima di inziare una terapia con una penicillina, è quindi necessaria una anamnesi accurata, in

caso di reazione allergica, si deve interrompere il trattamento e si deve istituire un trattamento

idoneo, o, in presenza di anafilassi, immediato trattamento con adrenalina o altre opportune

misure di emergenza.

L'uso prolungato di penicilline, così come altri antibiotici, può favorire lo sviluppo di

microrganismi non sensibili, inclusi funghi, che richiede l'adozione di adeguate misure

terapeutiche.

AVVERTENZE SPECIALI

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO

DOSE, MODO E TEMPO DI SOMMINISTRAZIONE

La posologia dipende dal tipo di gravità dell'infezione, dal peso corporeo e dalle condizioni del

paziente, e dal giudizio del medico.

In linea di massima si consigliano, salvo prescrizione medica: 1 compressa ogni 8/12 ore.

SOVRADOSAGGIO

Escludendo le reazioni anafilattiche da ipersensibilità individuale, le penicilline presentano una

minima tossicità nell'uomo.

Apparenti effetti tossici che possono essere riportati includono depressione del midollo osseo,

granulocitopenia, dolore e reazioni infiammatorie sterili nel sito di iniezione. Comunque nel

dubbio, come per tutti i farmaci, si consiglia di sospendere la terapia.

EFFETTI INDESIDERATI

Le eventuali reazioni sfavorevoli con l'impiego delle penicilline in genere sono essenzialmente

limitate ai cennati fenomeni di ipersensibilità: eruzioni cutanee a tipo di eritema multiforme o

maculopapuloso, prurito,

urticaria, più frequentemente.

Eccezionalmente di norma, a seguito di somministrazione parenterale, fenomeni anafilattici

talora gravi. Altre reazioni sfavorevoli, anche se rare, possono essere:

Apparato gastrointestinale: glossite, stomatite, nausea, vomito o diarrea per lo più a seguito di

somministrazione orale. Eccezionali e di incerto significato le variazioni del tasso delle

transaminasi;

Apparato emolinfopoietico: altrettanto infrequentemente, anemia, trombocitopenia, porpora,

eosinofilia, leucopenia ed agranulocitosi, di norma reversibili con l'interruzione della terapia e

ritenute anche esse espressioni di ipersensibilità.

Altri possibili effetti indesiderati, molto rari, sono:

altre gravi reazioni cutanee che possono includere alterazioni del colore della pelle,

formazione di rilievi sotto la pelle, formazione di vescicole, pustole, esfoliazione, arrossamento,

dolore, prurito e desquamazione. Possono essere associati a febbre, mal di testa e dolori diffusi

in tutto il corpo.

Sintomi simil-influenzali con eruzione cutanea, febbre, ghiandole gonfie e risultati

anormali degli esami del sangue (incluso incremento aumento del numero di globuli bianchi

(eosinofilia) e innalzamento degli enzimi epatici) (reazione da farmaco con eosinofilia e sintomi

sistemici).

Nei trattamenti prolungati con dosi elevate, sono raccomandabili controlli periodici della crasi

ematica e della funzionalità epatica e renale.

Comunicare al medico o al farmacista l'insorgenza di eventuali effetti indesiderati non descritti

nel presente foglio illustrativo.

Documento reso disponibile da AIFA il 23/05/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).

ATTENZIONE: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione

REVISIONE DEL FOGLIO ILLUSTRATIVO DA PARTE DELL’AGENZIA ITALIANA DEL

FARMACO : SETTEMBRE 2017

Documento reso disponibile da AIFA il 23/05/2018

Esula dalla competenza dell’AIFA ogni eventuale disputa concernente i diritti di proprietà industriale e la tutela brevettuale dei dati relativi all’AIC dei

medicinali e, pertanto, l’Agenzia non può essere ritenuta responsabile in alcun modo di eventuali violazioni da parte del titolare dell'autorizzazione

all'immissione in commercio (o titolare AIC).